image_pdfimage_print

Scritto da Michael Walker tramite The Center for Security Policy:
“Mosca sta finanziando gli attivisti del cambiamento climatico per danneggiare l’industria energetica americana in tutto il mondo?”

Nel tentativo di rallentare la produzione di gas naturale negli Stati Uniti, il governo russo ha sostenuto il movimento anti-fracking negli Stati Uniti. Mosca ha persino finanziato gli attivisti anti-fracking statunitensi.

Ora, con gli attivisti del cambiamento climatico degli Stati Uniti che lavorano per impedire a ExxonMobil di rivolgersi al Parlamento europeo, e mentre la Germania costruisce il gasdotto Nord Stream 2 dalla Russia, è ora di chiedere se Mosca sta cercando di spingere le compagnie energetiche americane fuori dall’Europa.

Cast di personaggi

Il cast di personaggi solleva dubbi sul fatto che la Russia possa essere dietro a uno sforzo per negare a un’azienda americana l’accesso ai decisionisti dell’UE. Loro sono:

Pubblicità
  • Molly Scott Cato, deputato al Parlamento europeo (MEP), partito dei Verdi. I verdi sono stati formati negli anni ’80 per contrastare gli Stati Uniti in Germania e si sono diffusi in tutto il continente. I temi politici dei Verdi riflettevano le misure attive sovietiche contro gli interessi degli Stati Uniti in Europa. I Verdi sono fortemente pro-UE, ma sono sempre stati un problema per la NATO.
  • Alcuni membri della famiglia Rockefeller che accusano la società che li ha resi ricchi, la ExxonMobil, di nascondere il riscaldamento globale e il cambiamento climatico, e che hanno una operazione di investimento di 500.000.000 $ da 28 anni nella Russia di Putin.
  • L’attivista accademico di Harvard e MIT Geoffrey Supran, che prende i soldi dai Rockefeller per attaccare ExxonMobil e negare a essa il diritto di tentare di influenzare il Parlamento Europeo.
  • Nord Stream 2, una compagnia di gas tedesco-russa gestita da un ex ufficiale della Stasi della Germania dell’Est. La Nord Stream 2 è fortemente legata al regime di Putin in Russia e ai politici e partiti politici tedeschi.

Ex capo della NATO: la Russia collabora con gli attivisti per mantenere l’Europa dipendente dal gas


    “La Russia sta segretamente lavorando con gruppi ambientalisti che si battono contro il fracking nel tentativo di mantenere la dipendenza dell’Europa dalle importazioni di energia da Mosca”, ha riportato the Telegraph nel 2014, citando l’allora segretario generale della NATO Anders Fogh Rasmussen.    “La Russia, come parte delle sue sofisticate operazioni di informazione e disinformazione, si è impegnata attivamente con le cosiddette organizzazioni non governative e organizzazioni ambientaliste che lavorano contro il gas di scisto, per mantenere la dipendenza dal gas russo importato”, ha detto Rasmussen.

Greenpeace e altri gruppi di attivisti hanno denunciato i commenti di Rasmussen come “assurdi”. Tuttavia, è noto che i servizi di intelligence di Mosca hanno sfruttato gli attivisti ambientali occidentali almeno dagli anni ’80.

Sponsorizzazione russa anti-fracking

Il Cremlino ha finanziato e fornito supporto propagandistico ai movimenti americani

anti-fracking per anni. “Sepolto all’interno del rapporto della comunità dei servizi segreti degli Stati Uniti sulle attività russe nelle elezioni presidenziali, è una chiara prova che il Cremlino sta finanziando e coreografando la propaganda anti-fracking negli Stati Uniti”, ha riferito Newsweek nel 2017. “Puntando al fracking, Putin spera di aumentare il prezzo del petrolio e del gas, destabilizzano l’economia statunitense e minacciano l’indipendenza energetica dell’America “.

“Il governo russo, che fa molto affidamento sulle esportazioni di energia per le sue entrate, è preoccupato “per l’impatto del fracking e della produzione di gas naturale negli Stati Uniti sul mercato globale dell’energia”, secondo il rapporto dell’intelligence. L’aumento delle esportazioni di gas negli Stati Uniti, prosegue il rapporto, crea “potenziali sfide” per la redditività di Gazprom, il monopolio statale russo del petrolio e del gas,”secondo Newsweek.

Mosca ha apertamente sostenuto gli attivisti ambientalisti americani guidando la lotta anti-fracking attraverso il veicolo di propaganda Russia Today noto come RT.

Negli anni ’80, almeno 15-20 membri del Partito Verde della Germania Ovest collaborarono attivamente con la polizia segreta della Stasi della Germania dell’Est, secondo uno studio commissionato dai Verdi stessi.

L’UE imporrà la censura alla compagnia statunitense con il ricavato di Nord Stream 2

Gli attacchi a ExxonMobil si stanno intensificando mentre il gasdotto russo Nord Stream 2 continua sotto il Mar Baltico per rifornire la Germania con il gas naturale russo. Il regime di Putin punta pesantemente su Nord Stream 2 per aggirare i gasdotti terrestri attraverso l’Ucraina consegnando alla Germania il gas dal gasdotto sottomarino del Baltico.

ExxonMobil fa parte dei gasdotti concorrenti in Europa che aggirano la Russia.

La fornitura di gas di Putin, a sua volta, pomperebbe decine di miliardi in valuta forte per sostenere l’economia malconcia della Russia, mentre tiene in ostaggio la Germania e la NATO con gli embarghi russi del gas.

ExxonMobil è sotto attacco per non aver inviato un testimone a un’udienza parlamentare dell’UE sulla negazione del cambiamento climatico. Ora, alcuni membri del Parlamento europeo, sostenuti da un attivista accademico del MIT e Harvard, vogliono impedire a ExxonMobil di avere una rappresentanza a Bruxelles.

    “La richiesta di divieto è stata presentata dal deputato verde Molly Scott Cato”, ha affermato il Guardian di Londra il 22 marzo. Cato ha dichiarato: “Questa è la società che ha negato la scienza, nonostante fosse consapevole del danno che il loro sfruttamento petrolifero stava causando; che ha finanziato campagne per bloccare l’azione sul clima e ora si rifiuta di affrontare i suoi crimini ambientali partecipando all’udienza di oggi. Non possiamo consentire ai lobbisti di tali società di accedere liberamente ai corridoi del Parlamento europeo. Dobbiamo rimuovere immediatamente i loro distintivi.”

L’attivista accademico della Harvard-MIT, Geoffrey Supran, ha costruito un caso in cui si sostiene che la ExxonMobil abbia finanziato la ricerca sui cambiamenti climatici arrivando a conclusioni che a lui non piacciono.

    “È per mezzo del consenso schiacciante degli esperti che studiano la storia del finanziamento dei combustibili fossili che le compagnie, tra cui ExxonMobil, hanno orchestrato, finanziato e perpetuato la disinformazione del clima per ingannare il pubblico e i politici e soffocare l’azione. Sfortunatamente, ci sono riusciti in gran parte”, ha detto Supran nel Guardian.

Entrano in scena i Rockefeller e la Russia

La famiglia Rockefeller fece la sua fortuna con Standard Oil, che divenne Exxon Mobil. Alcuni eredi di Rockefeller incolpano la loro eredità di famiglia sui cambiamenti climatici e si sono dedicati a pompare denaro nella ricerca e nell’attivismo anti-ExxonMobil.

Hanno cercato di costringere ExxonMobil ad ammettere di aver sempre saputo del ruolo dell’azienda nei cambiamenti climatici causati dall’uomo.

Il Fondo Famiglia Rockefeller ha pagato gli studi discutibili di Harvard su Supran. Supran ha testimoniato la scorsa settimana davanti al Parlamento europeo in quello che sembra essere uno sforzo coordinato per attaccare la compagnia americana.

E c’è una connessione con la Russia

    “Due delle organizzazioni filantropiche della famiglia che gestiscono ancora, il Rockefeller Brothers Fund e il Rockefeller Family Fund, hanno utilizzato fondi familiari per finanziare ricerche che hanno dimostrato che ExxonMobil era a conoscenza del cambiamento climatico fin dall’inizio e nonostante ciò scelse di non affrontarlo, producendo invece pubblicità che criticava la ricerca scientifica sul tema”, riferisce il Daily Mail nel 2016.

Valerie Rockefeller Wayne è uno dei membri della famiglia ribelle. È figlia dell’ex senatore americano Jay Rockefeller. Lei è un fiduciario e presidente del Fondo Rockefeller Brothers.

Per anni ha vissuto in Russia, dove suo marito, Steve Wayne, è fondatore e proprietario di una società finanziaria, il Gruppo Jensen, che ha operato a San Pietroburgo dal 1991. Il leader russo Vladimir Putin ha visitato un progetto del Gruppo Jensen nel 2010 Wayne era un membro del consiglio di Rockefeller Philanthropy Advisors dal 2013-15.

Nulla di ciò suggerisce che i membri della famiglia Rockefeller agiscano come agenti di Putin per finanziare l’attivismo energetico negli Stati Uniti. Ma per prosperare nella città natale di Putin per 28 anni, bisogna stare attenti a compiacere il Grande Uomo.

E così poniamo la domanda: esiste una connessione tra il finanziamento russo delle campagne anti-fracking negli Stati Uniti e la campagna anti-ExxonMobil in Europa?

Link articolo originale: https://www.zerohedge.com
Traduzione: Giovanni Tessicini

Pubblicità