19 ottobre 2018 - 20:01 pm Pubblicato da
image_pdfimage_print

Anthony Watts  – 18 ottobre 2018

Di Tom Harris e Jay Lehr

Il presidente Donald Trump aveva ragione a esprimere scetticismo sui cambiamenti climatici causati dall’uomo (antropogenici) nella sua intervista del 14 ottobre nei “60 minuti” della CBS.

Contrariamente all’affermazione di Al Gore nella sua intervista rilasciata al PBS il 12 ottobre che solo “alcuni valori anomali” nella comunità scientifica non supportano le conclusioni gruppo di esperti dell’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) sul cambiamento climatico , ci sono molti scienziati che non sono d’accordo con le Nazioni Unite sul cambiamento climatico.

In effetti, è stato un eufemismo per il presidente dire nell’intervista “60 minuti” che “Abbiamo scienziati che non sono d’accordo”, riguardo all’opinione che la Groenlandia si sta sciogliendo in modo significativo a causa dei cambiamenti climatici antropogenici”.

Nella sua conferenza dell’8 ottobre per la Global Warming Policy Foundation (GWPF) con sede a Londra, il Professor Richard Lindzen ha fatto riferimento “al reperto sia della NOAA [la U.S. National Oceanic and Atmospheric Administration] che della Danish Meteorological Institute che la massa glaciale della Groenlandia è effettivamente risultata in aumento”.

GWPF riferisce che Lindzen, già preceduto da Alfred P. Sloan professore di meteorologia al MIT e autore di oltre 200 articoli su meteorologia e climatologia, “ha denunciato il riscaldamento globale convenzionale affermando che è un’assurdità”.

Molti scienziati concordano con Lindzen e hanno applaudito la risposta del presidente alla domanda posta dalla CBS Lesley Stahl, “Pensi ancora che il cambiamento climatico sia una bufala?”

Trump ha risposto: “Penso che stia succedendo qualcosa. Qualcosa sta cambiando e cambierà di nuovo. Non penso che sia uno scherzo, penso che probabilmente c’è una differenza. Ma non so se è artificiale.”

Infatti, la serie di rapporti del “Climate Change Reconsidered” del Nongovernmental International Panel on Climate Change (NIPCC) riassume migliaia di studi di riviste scientifiche peer-reviewed che rifiutano o mettono in dubbio seriamente la paura del clima.

L’ultimo documento del NIPCC, dal titolo “Riepilogo per i responsabili politici – Cambiamenti climatici riconsiderati II: combustibili fossili ” (“CCR – II – combustibili fossili”), riporta i contributi di 117 scienziati, economisti e altri esperti.  Concludono che non stiamo causando una crisi climatica e dovremmo aumentare, non diminuire, il nostro uso di carbone, petrolio e gas naturale.

Il rapporto “CCR – II – Fossil Fuels”, pubblicato il 5 ottobre, afferma:

I combustibili fossili hanno giovato all’umanità rendendo possibile la prosperità avvenuta dopo la prima rivoluzione industriale … I combustibili fossili alimentavano le tecnologie che riducevano l’impatto ambientale di una popolazione umana in crescita … Quasi tutti gli impatti del consumo di combustibili fossili sul benessere umano sono netti positivi (benefici meno costi) o semplicemente sconosciuti.

Il NIPCC è una rete internazionale di scienziati del clima sponsorizzata da tre organizzazioni non profit: il Centro per lo studio del biossido di carbonio e il cambiamento globale, il progetto di politica scientifica e ambientale (SEPP) e The Heartland Institute.

CCR – II – Fossil Fuels” è il quinto volume della serie “Cambiamenti climatici riconsiderati” e, come i precedenti volumi pubblicati nel 2009,  2011,  2013, e 2014 , si concentra su ricerche ignorate dall’IPCC.

L’ultimo rapporto del NIPCC affronta ogni aspetto del nostro clima dal livello del mare agli uragani, l’errore dei modelli climatici, la fisica che controlla il tempo, l’irrazionalità del pensiero che le società industriali possono correre sull’energia eolica o solare e l’errata scienza usata dagli allarmisti per spaventare il pubblico.

Uno dei motivi per cui i rapporti dell’IPCC hanno poca credibilità è che spesso ignorano il metodo scientifico di testare le ipotesi. Trump era giustificato nel dire che gli scienziati che promuovono la paura del clima “hanno una grande agenda politica”.

In effetti, l’obiettivo principale dell’IPCC è diretto a dimostrare una posizione politica piuttosto che condurre una ricerca imparziale per la verità. “CCR — II — Fossil Fuels” explains: “CCR – II – Fossil Fuels” spiega:

L’IPCC e le sue controparti nazionali non hanno condotto adeguate analisi costi-benefici dei combustibili fossili, del riscaldamento globale o delle normative volte a forzare una transizione dai combustibili fossili, ne potrebbero farlo a causa dei loro programmi politici.

Negli ultimi 20 anni, la paura del clima ha afflitto ogni nazione, sprecando miliardi di dollari nel tentare l’impossibile, vale a dire, per controllare la temperatura del nostro pianeta. È stato guidato in gran parte da una combinazione di arroganza e ignoranza, unita al desiderio di mettere il governo a capo della maggior parte delle attività nella società.

Il presidente Trump ha ragione, è tempo di fermare la guerra sui combustibili fossili, sulla prosperità americana e sui posti di lavoro americani. È ora di sconfiggere finalmente quello che il climatologo storico canadese Dr. Tim Ball chiama “Il più grande inganno nella storia”.

Il Dr. Jay Lehr è il direttore scientifico di The Heartland Institute, con sede ad Arlington Heights, Illinois. Tom Harris è il direttore esecutivo di Ottawa, la Coalizione internazionale di scienze del clima con sede in Canada ed è anche un consulente politico di Heartland.

Fonte: WUWT

 

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
(12 voti, media: 4,75 su 5)
Loading...