image_pdfimage_print

il 5G potrebbe richiedere l’installazione di torri cellulari in ogni angolo di strada

Scritto dal Dott. Klaus L.E. Kaiser (Ontario, Canada)

Questo articolo fa seguito al mio recente post dal titolo “5G Wireless Broadband and how (not) to Boil Eggs.”

Pubblicità

Quello che avevo cercato di evidenziare in quel post è che la differenza che esiste nell’energia fotonica (onda elettromagnetica, EM) che caratterizza l’attuale sistema di comunicazione 4G (4G) e i sistemi 5G che sono stati proposti (5G) è maggiore di un ordine di grandezza.

A causa della maggiore attenuazione nell’atmosfera e del previsto aumento della domanda di comunicazione delle onde 5G rispetto al sistema 4G, come per esempio dal e verso il vostro frigorifero, la vostra lavastoviglie, e quasi tutti gli altri elettrodomestici che si apprestano ad “essere collegati a Internet” (anche le trappole per topi ?), il sistema 5G richiederà una copertura onnipresente. In pratica, il che significa che sarà richiesta l’installazione di una torre di trasmissione 5G praticamente “in ogni quartiere di qualunque città” o quasi.

Di che cosa si tratta?

Come dichiarato nel mio post precedente, questo non è solo un problema che riguarda la salute dell’uomo e l’intera questione si spinge molto più in là. L’energia delle onde EM più potenti (30-80 GHz del 5G vs. 3-6 GHz del 4G) richiede una nuova serie di test di valutazione a lungo termine su una varietà di specie che potrebbero essere interessate da questa energia, anche se poi venisse eventualmente dimostrato in un qualsiasi test di non essere fonte di alcuna preoccupazione.

Tuttavia, SE NON SI DOVESSE CONDURRE ALCUN TEST, la proposta introduzione e diffusione del 5G non è altro che un gigantesco esperimento mondiale sulla popolazione umana e su qualsiasi altro organismo vivente.

La maggior parte delle persone sembra pensare che il 5G è a malapena diverso dal 4G, quindi di che cosa ci sarebbe da preoccuparsi?

Se si prendono in considerazione i test sostanziali di lunga durata che sono necessari per la concessione di licenze di qualsiasi nuovo farmaco, che spesso necessitano di molti anni prima di essere completati, allora si potrebbe legittimamente pensare che requisiti di prova rigorosi del tutto simili sarebbero richiesti prima della istituzione a livello nazionale di sistemi di trasmissione di onde EM altamente energetiche.

Purtroppo, questo non sembra essere il caso.

Gran parte di questa comune indifferenza sembra derivare dalle seguenti ragioni:

  • Il desiderio comune di avere una connessione WiFi ovunque e a disposizione per qualunque cosa (ad esempio, le trappole per topi, ecc.).
  • Le maggiori velocità di download di qualsiasi cosa sulla rete, che nel caso di grandi file di dati il relativo download richiede secondi piuttosto che minuti.
  • Lo strumento necessario a facilitare i veicoli “autonomi” e quelli “elettrici”, che vengono propagandati come “il futuro della guida”.
  • La maniera per agevolare altre invenzioni ed elettrodomestici “robotizzati” in arrivo.

Ovviamente, quando si è di fretta per salire sul prossimo razzo in partenza per la Luna o per Marte e ci si è dimenticati di avviare l’apparecchio connesso col WiFi, è possibile ovviare al problema da molto lontano, senza alcuna fatica.

In realtà, tali invenzioni sono altamente futuristiche, la “programmazione” di ogni apparecchio o gadget da parte del singolo utente richiede molto tempo e, fondamentalmente, appaiono più come “invenzioni alla ricerca di un’applicazione” piuttosto che il contrario.

La questione sul tavolo è quella di come fare per testare la (ampiamente presunta) sicurezza associata alla diffusione di onde radio 5G che è in discussione.

Bene, cosa potrebbe esserci di meglio in quanto a terreni di prova di alcuni dei più famosi Zoo del mondo?

Gli Zoo come Terreni di Prova

Se è vero che il nuovo sistema è sicuro per tutte le creature sulla terra, perché non ottenere la conferma effettiva di questo in un ambiente prossimo al reale? E cosa potrebbe essere più adatto a questo scopo di alcuni dei più grandi zoo del pianeta.

I principali Zoo, come quelli di San Diego, Toronto, Pechino e così via hanno migliaia di esemplari vivi (di solito in coppia, o intere famiglie di diverse generazioni) appartenenti a centinaia di specie. Il seguente elenco è solo una piccola frazione dell’intero universo biologico rappresentato negli zoo. Tutti questi zoo ospitano molte specie del Regno animale, tra cui anfibi, uccelli, invertebrati, mammiferi, rettili, oltre a piante assortite.

E’ stato detto che a livello collettivo, gli zoo del mondo detengono qualcosa come 15,000 specie animali (compresi i pesci).

Zoo – Paese 

Specie

Animali

Visitatori Annuali

Area (Ettari)

Bronx, New York (USA)

650

4000

2.500.000

107

Toronto, Canada

500

5000+

1.500.000

290

San Diego, California (USA)

650

3700+

 

40+

Francoforte, Germania

510

4500+

830.000

11

Beijing, Cina

450 *

14.500

 

89

Parigi, Francia

180

1000

1.000.000

14.5

Londra, Inghilterra

700

20.000

1.259.000

15

Varsavia, Polonia

1130

10.500

2.000.000

33

*Con l’esclusione delle specie acquatiche

Naturalmente, qualsiasi test di questo tipo dovrebbe includere perlomeno un paio di generazioni. Dato che il periodo di gestazione degli elefanti (Africani) è di circa 650 giorni, l’intero test potrebbe richiedere un po’ di tempo. Immaginate il reddito aggiuntivo a disposizione di quegli zoo che fossero disposti ad avere la loro area immersa in tutto quel campo di energia elettromagnetica (EMF) che si presume sia sicura, giorno e notte, 365 giorni all’anno, per due anni o più.

Sicuramente i colossi della tecnologia 5G, che sperano di incamerare ingenti somme di denaro con questo sviluppo, sarebbero piuttosto felici di finanziare alcune torri di trasmissione, diciamo una per ogni area con una superficie dai 3 ai 5 ettari, per testare la presunta sicurezza dei sistemi.

Uno sguardo ai Dettagli Tecnici

È stato ipotizzato che la densità (numero di torri di trasmissione per area) del 5G dovrà essere molto maggiore di quella del sistema tecnologico 4G. La ragione di questo sono sia la maggiore attenuazione della più alta frequenza EMW nell’aria e la crescente domanda di “connettività” ininterrotta. Quest’ultima è di particolare importanza per il veicolo “autonomo” (e altri “robot”) che presto potrebbero aggirarsi per il vostro quartiere, giorno e notte. In effetti, c’è stato chi ha suggerito che “il 5G potrebbe richiedere l’installazione di torri cellulari in ogni angolo di strada.”

La Mia Proposta di Test:

  • La densità degli impianti di trasmissione 5G (5G-TF) negli zoo non dovrà essere inferiore a un TF per un’area con una superficie di cinque ettari dove ci sono animali.
  • I 5G-TF dovranno essere alimentati in misura tale da permettere di simulare il quantitativo effettivo della prevista energia futura (sia la lunghezza d’onda che l’energia in uscita).
  • I 5G-TF dovranno essere controllati da operatori indipendenti, in studi condotti in doppio e triplo cieco, a intervalli casuali e per periodi di tempo casuali.
  • I 5G-TF dovranno essere utilizzati esclusivamente a scopo di test fino al completamento degli studi.
  • Questi 5G-TF dovranno trasmettere e ricevere i dati in modo realistico, vale a dire ciò che ci si può aspettare che si verifichi in sistemi pienamente operativi di questo tipo.
  • Gli zoo partecipanti saranno tenuti a fornire registri accurati, temporali e datati di qualsiasi comportamento insolito da parte degli occupanti e del personale degli zoo.
  • Gli zoo partecipanti dovranno presentare relazioni giornaliere, delineando eventi o avvenimenti insoliti di qualunque tipo.
  • Tutti i dati e le analisi risultanti da questi test dovranno essere resi pubblici tempestivamente, raccolti e analizzati al termine delle prove da parte di istituti scientifici indipendenti e resi liberamente disponibili per una consultazione pubblica.
  • I principali fornitori della tecnologia 5G dovranno finanziare la totalità degli impianti 5G-TF, ricompensare gli zoo partecipanti per il personale aggiuntivo e i lavori necessari per partecipare a tali studi, facendo riferimento ad un programma di pagamento anticipato e dovranno conformarsi ad altre norme e / o leggi.

Solo dopo che tali test e studi avranno confermato la sicurezza del/i sistema/i 5G, solo allora questi sistemi potranno ricevere l’autorizzazione ad essere distribuiti a livello mondiale.


Dott. Klaus Kaiser – Ontario (Canada) – è l’autore di “CONVENIENT MYTHS, the green revolution – perceptions, politics, and facts” – www.conventientmyths.com

Il Dott. Klaus L.E. Kaiser è uno scienziato professionista con un dottorato in chimica ottenuto presso il Politecnico di Monaco di Baviera in Germania. Ha lavorato come ricercatore scientifico e capo progettuale al Canada Centre for Inland Waters del Ministero dell’Ambiente Canadese per più di 30 anni ed è attualmente il Direttore di Ricerca presso TerraBase Inc. Il Dott. Kaiser è attivo nell’ambito della ricerca da più di quattro decenni; è l’autore di quasi 300 pubblicazioni su riviste scientifiche, relazioni governative e di agenzie internazionali, libri, riviste e quotidiani.

Traduzione a cura di Mauri Sesler

Pubblicità