image_pdfimage_print

Di Andrej Flis – 1 Agosto 2022

Un potente sciame sismico è iniziato nella penisola di Reykjanes, in Islanda. Nelle prime 24 ore sono stati rilevati quasi 4000 terremoti, con l’attività che continua a ritmo sostenuto. I primi dati mostrano anche segnali di tremore, indicando che l’attività è probabilmente dovuta al movimento del magma sotto terra.

Ciò ha spinto i funzionari ad aumentare il livello di allerta nell’area. È probabile un’eruzione, con possibilità in costante aumento man mano che l’attività sismica continua.

Pubblicità
allarme-eruzione-vulcano-reykjanes-islanda-nuvola-di-cenere-terremoto-sciame-2022-luglio-agosto-magnitudo

DOVE IL FUOCO INCONTRA IL GHIACCIO

 L’Islanda è un’isola vulcanica nel Nord Atlantico e una delle regioni vulcaniche più attive al mondo. Nella sua storia, ha prodotto eruzioni significative con potenti impatti sull’Europa, il Nord America e l’intero emisfero settentrionale.

L’isola subisce una costante attività sismica perché si trova al confine tra le placche tettoniche eurasiatiche e nordamericane. Questo confine è anche noto come Mid-Atlantic Ridge (MAR).

L’immagine sotto mostra le placche tettoniche in espansione e dove la dorsale medio-atlantica passa attraverso l’Islanda. Entra a sud-ovest sulla penisola di Reykjanes, andando a est e girando a nord. I triangoli rossi mostrano i principali vulcani centrali.

islanda-località-vulcano-e-placche-tettoniche-separazione-terremoto-sciame

Ma le placche tettoniche si sono sparse in tutto l’Oceano Atlantico. Allora perché questa posizione è così unica, che produce una grande isola vulcanica nel corso di milioni di anni?

La risposta è un pennacchio verticale di roccia fusa calda proveniente dal mantello, chiamato anche hotspot o pennacchio del mantello. Studi approfonditi hanno dimostrato che si trova sotto l’Islanda. Pertanto, è più comunemente chiamato il pennacchio islandese.

Di seguito è riportata un’immagine che mostra il centro approssimativo di dove il pennacchio si collega con l’Islanda sotto il ghiacciaio Vatnajokull (cerchio nero). Puoi anche vedere la dorsale medio atlantica nel colore arancio e le suddette zone vulcaniche.

islanda-località-vulcano-e-rift-tettoniche-terremoto-sciame-2022

Ma il nostro focus è sulla regione sud-occidentale, chiamata penisola di Reykjanes. Di seguito puoi vedere questa zona, insieme all’attività sismica prima dell’inizio dell’ultimo sciame. Ha un’attività tettonica di fondo costante.

islanda-terremoto-sciame-vulcanico-eruzione-2022-analisi-della-posizione

Questo è anche il luogo dell’ultima eruzione in Islanda, con la nuova attività sismica molto vicina all’area dell’eruzione.
 

L’ULTIMA ERUZIONE

 
Di solito c’è un’eruzione vulcanica in Islanda ogni 4-6 anni. L’ultima eruzione è iniziata il 19 marzo 2021 e si è conclusa a metà settembre. Questa eruzione è stata un flusso di lava più proveniente dall’area vulcanica di Fagradalsfjall. L’area dell’eruzione si trova nella penisola di Reykjanes nel sud-ovest dell’Islanda, come si vede nell’immagine qui sotto dall’Ufficio meteorologico islandese (IMO).

islanda-terremoto-sciame-eruzione-vulcanica-2022-reykjanes-peninsula-vulcanic-system-zones

Di seguito un’immagine del campo di lava durante l’eruzione. I coni eruttivi si vedono nei colori rossi, mentre la lava eruttata si stava già raffreddando e diventando scura nel suo processo. Si notavano costanti schizzi di lava dalle prese d’aria, che hanno costruito coni sopra i punti di eruzione. Foto di: Almannavarnir/Björn Oddsson.

islanda-vulcanic-erruption-2021-lava-field-live-image-terremoto

L’Icelandic Met Office (IMO) riferisce che circa 151 milioni di metri cubi di lava sono eruttati, coprendo un’area di circa 4,8 km2. Di seguito una mappa di @geoviews che mostra i coni di eruzione (triangoli) e la diffusione finale del campo lavico.

islanda-primavera-2021-campo-di-lava-dopo-eruzione-vulcano-terremoto

ATTIVITÀ SISMICA PRIMA DELL’ERUZIONE

L’intera sequenza è iniziata con uno sciame sismico il 24 febbraio. Il terremoto più forte nello sciame iniziale ha avuto una magnitudo 5,8. Ci sono stati anche numerosi terremoti M3 e M4 in quello sciame e molte forti scosse di assestamento. Lo scuotimento è stato fortemente sentito fino alla capitale Reykjavik.

Più di 20.000 terremoti sono stati registrati con il sistema di misurazione sismica automatica dell’Ufficio meteorologico islandese due settimane dopo l’inizio dello sciame sismico.

Lo sciame iniziale aveva terremoti di forte magnitudo distribuiti, concentrati in due gruppi. Il cluster 1 era associato al sistema vulcanico Fagradalsfjall e il cluster 2 era associato al sistema vulcanico Krysuvik, che in seguito si è calmato.

islanda-terremoto-sciame-2021-magnitudo-più-forte-prima-del-luogo-di-eruzione

Entro il 27 febbraio, la principale attività sismica si è concentrata sul cluster occidentale nel sistema vulcanico di Fagradalsfjall. Sono stati rilevati frequenti terremoti di magnitudo 4. Il tremore per i forti terremoti è stato avvertito in tutta la regione, fino alla capitale Reykjavik.

Il grafico sottostante mostra l’attività sismica nella penisola nelle ultime 2 settimane. Dall’inizio dello sciame principale il 24 febbraio, i terremoti sono continuati con frequenti terremoti di magnitudo 4 e 5.

islanda-vulcanic-erruption-2021-reykjanes-terremoto-storia-analisi-15-giorni

L’analisi sismica per il periodo fino allo sciame mostra che questa regione è soggetta a continue scosse. Puoi vedere lo sciame sismico di febbraio/marzo alla fine e quanto fosse potente rispetto all’attività precedente, rilasciando più energia di quella combinata negli ultimi decenni.

islanda-terremoto-sciame-vulcanico-eruzione-2021-reykjanes-magnitude-analysis-graph

Ma un’area simile si è ora riaccesa con forti terremoti e un grande sciame sismico.
 

ULTIMA ATTIVITÀ SISMICA NEL 2022

Attualmente, abbiamo ancora una nuova attività nella penisola di Reykjanes, nel sud-ovest dell’Islanda, appena a nord-est del precedente sito di eruzione.

Il 30 luglio, un forte sciame sismico è iniziato appena a nord-est di Fagradalsfjall. Terremoti scatenanti si stanno verificando a est ea ovest di Fagradalsfjall. L’attività è iniziata intorno a mezzogiorno e da allora sono stati registrati quasi 4000 terremoti sul sistema automatico dell’IMO.

L’evento più significativo finora ha avuto una magnitudo preliminare di M5.4 con una profondità di circa 2 km e si è verificato il 31 luglio. Sulla base dei dati disponibili, questa nuova attività sismica è innescata dal movimento del magma a una profondità compresa tra 5 e 7 km.

Il video qui sotto mostra lo scuotimento della telecamera dopo essere stata colpita da un terremoto di magnitudo 5+ nella penisola di Reykjanes in Islanda. Puoi vedere il vapore dal cratere del vulcano Geldingadalir. Questo video è stato girato con una webcam da mbl.is.

 
Nell’immagine sotto, puoi vedere l’iniziale terremoto del 30 luglio. Si trova appena a nord-est del campo lavico prodotto dall’eruzione dell’anno scorso.

islanda-terremoto-sciame-2022-magnitudo-più-forte-area-flusso-di-lava

Recenti osservazioni sulla deformazione confermano anche che questa attività è probabilmente causata dall’intrusione di magma. I risultati della modellazione preliminare indicano che la sorgente si trova a una profondità compresa tra 4-5 km.
 

SCIAME TERREMOTO 2022

Nell’immagine qui sotto, possiamo vedere la penisola di Reykjanes segnata. Questa zona sperimenta un’attività sismica quasi costante, inclusi eventi occasionali più forti. Nel complesso, possiamo vedere l’attività sismica negli ultimi 8 giorni.

islanda-terremoto-sciame-2022-magnitudo-più-forte-su larga scala

Con gli ultimi 8 giorni di attività sismica sulla mappa sottostante, possiamo vedere la forte attività del nuovo sciame sismico (0-2 giorni). Sia il sistema vulcanico Fagradalsfjall che il sistema vulcanico Krysuvik stanno attualmente vivendo un’elevata attività sismica.

islanda-terremoto-sciame-2022-magnitudo-più-forte-prima-dell'eruzione

Possiamo vederlo ingrandendo ulteriormente il quadrato rosso. Ciò ha rivelato che la maggior parte dell’attività si trova effettivamente a nord-est di Fagradalsfjall. Questo è il luogo dell’eruzione dell’anno scorso.

islanda-terremoto-sciame-2022-magnitudo-più-forte-look-da-vicino

Ci sono molti sismografi in questa regione, quindi il monitoraggio è eccellente. Di seguito abbiamo una lettura sismografica dell’area di Grindavik, vicino all’attività. Puoi vedere molti terremoti, fino alla microsismicità. L’onda più forte è il terremoto M5.4, il più grande rilevato finora.

islanda-terremoto-sciame-vulcanico-eruzione-2022-grv-sismograph-latest-drumplot

Osservando il grafico delle frequenze più basse, possiamo vedere una forte energia anche nelle frequenze più basse. Questo indica che c’è qualcosa di più della semplice rottura di rocce in corso. I segnali a bassa frequenza possono indicare un movimento fluido, che in questo caso significa magma in profondità.

islanda-terremoto-sciame-vulcanico-eruzione-2022-grv-sismograph-latest-drumplot-low-frequency

Il grafico sottostante mostra che quasi 500 terremoti sono stati esaminati manualmente e localizzati nella seconda metà di luglio. Ma in totale, quasi 4000 eventi sismici sono stati rilevati dalle stazioni di monitoraggio solo negli ultimi 2 giorni.

islanda-terremoto-sciame-eruzione-vulcanica-2022-reykjanes-peninsula-swarm-ultime-15-days-activity-graph

Il sistema di rilevamento automatico dei terremoti è molto sensibile e rileva anche in caso di attività debole. Ma i dati automatizzati non sono così accurati. Quindi è necessaria una revisione manuale per perfezionare la posizione e la profondità di ciascun terremoto, il che è un processo che richiede tempo.

Guardando le ultime 48 ore, possiamo vedere che l’attività è in corso a un ritmo costante. L’immagine mostra sia i terremoti rivisti manualmente che gli eventi rilevati automaticamente. Non tutti gli eventi sono mostrati sulla mappa, poiché molti sono troppo piccoli per essere localizzati e tracciati correttamente ma sono visibili sul sismografo.

vulcano-terremoto-sciame-reykjanes-watch-ultime-48-ore-data-2022-luglio-agosto
vulcano-terremoto-sciame-reykjanes-watch-last-48-hours-data-2022-magnitude-graph

Nell’immagine sotto puoi vedere come vengono registrati i segnali di tremore in tutto il paese. L’immagine mostra i segnali delle singole stazioni di monitoraggio in tutta l’Islanda. I segnali di tremore sono abbastanza forti da essere rilevati in tutto il paese, con segnali di eventi più forti che arrivano in tutto il mondo.

islanda-terremoto-sciame-vulcanico-eruzione-2022-grv-sismograph-latest-cross-country-data

Parlando di un sismografo, c’è una trama speciale che mostra la frequenza dello scuotimento e l’intensità associata. Nell’immagine sotto, abbiamo segnali ad alta, media e bassa frequenza da una stazione di monitoraggio nelle vicinanze.

islanda-terremoto-sciame-vulcanico-eruzione-2022-grv-latest-frequency-graph

Mostra un segnale di tremore decente e continuo associato allo sciame sismico. Questo è anche un segno del fatto che il movimento del magma è un fattore in questi eventi.
 

DAL LIVELLO VERDE AL GIALLO

 
Alla luce dell’aumento dell’attività sismica e della deformazione del suolo, il sistema vulcanico di Krýsuvík-Trölladyngja è stato elevato dal livello del codice dell’aviazione VERDE al livello del codice dell’aviazione GIALLO. L’attività sismica e la rapida inflazione sono sempre motivo di preoccupazione per i vulcani, quindi è previsto un livello di allerta più elevato se l’attività continua.

islanda-terremoto-sciame-eruzione-vulcanica-2022-allarme-vulcanico-giallo

Il grafico finale mostra il percorso previsto che la lava potrebbe prendere in una potenziale eruzione più ampia nell’area principale del terremoto. Questa è solo una simulazione basata sulle attuali informazioni note e sui dati storici.

islanda-terremoto-sciame-vulcanico-eruzione-2022-previsione-di-lava

Un’eruzione non è ancora certa a questo punto, ma più a lungo continua l’attività sismica, maggiore è la possibilità di un’eruzione.

Ci vorrebbe una forte eruzione per produrre abbastanza gas da raggiungere l’Europa in una concentrazione dannosa. È successo in passato, con conseguenze mortali, e può succedere di nuovo in futuro.

Ma se si verifica un’eruzione, al momento non si prevede che produca concentrazioni così forti di gas vulcanici.

C’è anche la possibilità che l’attività sismica possa ridursi lentamente, terminando senza alcuna eruzione.

L’agenzia ufficiale in Islanda per il monitoraggio dei vulcani è l’Ufficio meteorologico islandese (IMO), dove puoi trovare dati in tempo reale, informazioni aggiuntive e tutti gli avvisi ufficiali.

Ti terremo aggiornato non appena saranno disponibili nuovi dati e sarà possibile effettuare proiezioni più affidabili.

Fonte: Severe-Weather

Pubblicità