6 maggio 2018 - 21:45 pm Pubblicato da
image_pdfimage_print

Di Jack Hellner – 01.05.2018

Sotto abbiamo alcuni articoli e storie che sono solo in minima parte riportati, se non del tutto, questo perché non si adattano all’agenda che gli esseri umani, i combustibili fossili e la CO2 non stanno causando quel disastroso riscaldamento globale e cambiamenti climatici previsti.

News: Notizie da Detroit:

Aprile candidato per essere il più freddo da 143 anni

No, non siamo matti. È stato il mese di aprile più freddo da oltre 140 anni.

Un anno fa, il 19 aprile 2017, la temperatura è risultata di 78 gradi F con tempo soleggiato, mentre la massima di giovedì è stata di 48 gradi F, ha dichiarato il meteorologo del servizio meteorologico nazionale Trent Frey.

A partire da giovedì, la temperatura media di aprile è stata di 38,3 gradi F, leggermente più calda di aprile 1874, la più fredda mai registrata a 37,6 gradi F.

Dal The Chicago Tribune:

Altre nevicate primaverili a Chicago, e i meteorologi definiscono l’inizio di aprile tra i più freddi da 130 anni

La prima metà di aprile ha registrato il secondo più freddo inizio del mese dal 1881, praticamente da quando il servizio meteorologico ha iniziato a tenere i registri, ha riferito Mott del servizio meteorologico.

Da Watts Up With That:

Alcune grandi città degli Stati Uniti hanno registrato l’aprile più freddo della storia

Alcune città importanti degli Stati Uniti sono sulla buona strada per far parte di un nuovo record di freddo nel mese di aprile. “Alcune città a est stanno sperimentando temperature da 10 a 15 gradi F più fredde del normale, dice il meteorologo Jaclyn Whittal, che comprende le città di Buffalo, Chicago e Detroit, mentre quelli che si trovano nella zona settentrionale degli Stati Uniti accettano gentilmente l’inverno [.]

Dal Kilkenny Weather:

Il periodo della piccola glaciazione si è conclusa intorno al 1850, quindi avere un po’ di riscaldamento è fisiologico e dopo tutto quello è tutto ciò che abbiamo avuto, un po’ di riscaldamento.

La piccola era glaciale (LIA) è stato un periodo freddo che si è esteso dal 16° alla metà del 19° secolo.

Da Breitbart News:

Il nostro pianeta ha appena vissuto l’evento di raffreddamento più estremo di due anni in un secolo. Ma dove avete letto queste notizie da qualche parte nei media mainstream?

Non lo hanno fatto, anche se le cifre sono piuttosto spettacolari. Come riferisce Aaron Brown qui a Real Clear Markets:

Da febbraio 2016 a febbraio 2018 (l’ultimo mese disponibile) le temperature medie globali sono scese di 0,56° C. Dobbiamo tornare indietro al 1982-84 per trovare un calo maggiore in due anni, 0,47° C – anche durante l’era del riscaldamento globale. Tutti i dati di questo saggio provengono dal team GISTEMP, 2018: Istituto Goddard della NASA per gli studi spaziali (set di dati a cui si accede dall’11-04-2018 su https://data.giss.nasa.gov/gistemp/). Questa è la fonte standard utilizzata nella maggior parte dei rapporti giornalistici sulle temperature medie globali.

Il 2016-18 Big Chill era composto da due piccoli brividi, il più grande calo di sempre dei cinque mesi di sempre (da febbraio a giugno 2016) e il quarto più grande (da febbraio a giugno 2017). Un evento simile da febbraio a giugno 2018 porterebbe temperature medie globali inferiori alla media degli anni ’80. Febbraio 2018 è risultato più freddo di febbraio 1998.

Per farvi capire il contesto di questa diminuzione della temperatura, dovete considerare che è sufficiente a compensare più della metà dell’intero riscaldamento globale che il pianeta ha sperimentato dalla fine del 19° secolo.

Dalla fine della piccola era glaciale nel 1880, il pianeta si è riscaldato di circa 0,8° C. Si potrebbe pensare che non si trattasse di un tasso di riscaldamento particolarmente drastico di cui preoccuparsi. Si potrebbe anche notare che un tale tasso di riscaldamento è ben preceduto nei periodi storici, come durante i periodi di riscaldamento minoico, romano e medievale. Tuttavia questo aumento di 0,8° C – 0,9° C, ha dato una spinta – è il terribile evento climatico che la struttura allarmistica ha assicurato in questi ultimi decenni è la cosa peggiore di sempre e qualcosa che dovrebbe preoccuparci terribilmente.

Da Climate Depot:

L’Amministrazione Nazionale Oceanica e Atmosferica (NOAA) è stata ancora una volta pescata a esagerare sul “riscaldamento globale” manipolando i dati della temperatura grezza.

Questa volta, i dati riguardano il recente raffreddamento da record avvenuto negli Stati Uniti nordorientali che il NOAA sta cercando di cancellare dalla storia.

Se credi alle carte della NOAA, non c’è nulla di particolarmente insolito nel forte raffreddamento di questo inverno, che ha causato il congelamento degli squali nell’oceano e le iguane congelate che cadevano dagli alberi.

Questo perché, come Paul Homewood ha scoperto, la NOAA è stata sorpresa a modificare i dati. Ancora una volta – presumibilmente per motivi più legati all’ideologia che alla meteorologia – la NOAA ha regolato le temperature del passato per farle sembrare più fredde di quanto non fossero, quindi far sembrare le temperature recenti più calde di quanto non lo fossero.

Non stiamo parlando di frazioni di gradi, qui. Gli aggiustamenti ammontano a ben 3.1 gradi F. Questo ci porta a ben oltre i margini di errore o degli errori innocenti e in profondità nel regno della finzione e della propaganda politica.

Il primo articolo dimostra che Detroit ha registrato il mese di aprile più freddo da 143 anni (il secondo più freddo mai registrato).

Il secondo articolo dimostra che Chicago ha anche il secondo mese di aprile più freddo mai registrato.

Il terzo articolo dimostra che diverse grandi città riportano un mese di aprile con freddo da record, da dieci a quindici gradi sotto la norma.

Il quarto dimostra che una piccola era glaciale è terminata intorno al 1850, quindi un certo riscaldamento è normale e naturale. Che coincidenza che umani, CO2 e combustibili fossili siano accusati di riscaldamento in coincidenza con la fine di una piccola era glaciale.

Il quinto dimostra che il pianeta ha appena vissuto il più grande evento di raffreddamento di due anni in un secolo.

Il sesto articolo è il più schiacciante: mostra come la NOAA è stata sorpresa modificare i dati. Hanno scelto un punto nel tempo dopo che la Terra ha registrato un raffreddamento per iniziare a prendere dati. Quindi nascondono determinati punti dati, regolano altri punti dati e prendono più letture dalle stazioni con temperatura nelle aree urbane (isole di calore con intorno cemento, asfalto ed edifici) rispetto alle aree rurali e ottengono i risultati a loro più congeniali.

I sostenitori del cambiamento climatico possono facilmente farla franca perché i media, gli educatori, i politici e i burocrati ripetono semplicemente ciò che viene loro detto avendo tutti lo stesso programma: il controllo dei governi.

I combustibili fossili hanno notevolmente migliorato la qualità e la durata della vita negli ultimi 150 anni per tutti coloro che li usano. È davvero un peccato che così tanti preferiscano relegare il mondo alla vita prima dei combustibili fossili basati su modelli informatici non provati e manipolati.

La popolazione è aumentata rapidamente negli ultimi 150 anni. La CO2 è aumentata rapidamente. L’uso dei combustibili fossili è aumentato in modo esponenziale. Eppure la temperatura è meno di un grado più alta (entro il margine di errore) rispetto alla fine della Piccola Era Glaciale, il che dimostra che esiste una correlazione zero tra le variabili.

Le politiche dovrebbero essere basate sui fatti, non su modelli di computer manipolati imprecisi che spingono un ordine del giorno. È davvero un peccato che i giornalisti siano così immuni nel fare domande logiche.

Fonte: AmericanThinker

Enzo
Attività Solare

 

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
(18 voti, media: 4,89 su 5)
Loading...