image_pdfimage_print

Di Kenneth Richard – 11 Giugno 2020

Negli ultimi decenni ci sono state “notevoli tendenze di raffreddamento” in molte regioni del globo secondo numerosi nuovi studi.

Un anno fa NoTricksZone (NTZ) ha annunciato che la Groenlandia si è raffreddata negli ultimi anni – 26 dei suoi 47 ghiacciai più grandi ora sono stabili o stanno guadagnando ghiaccio.

Sei mesi fa NTZ ha citato diversi articoli scientifici che indicano che la regione dai 50 ai 70 ° S si è raffreddata dagli anni ’80, mentre le SST del Nord Atlantico si sono raffreddate di 1 ° C dal 2004.

Pubblicità

Tre mesi fa abbiamo riportato di un massiccio raffreddamento di 2 ° C in 8 anni (2008-2016) che ha sconvolto vaste regioni del Nord Atlantico.

Qualche giorno fa abbiamo condiviso un nuovo studio per scoprire che la piattaforma di ghiaccio Larsen (Penisola Antartica) si è raffreddata di più di 2 ° C dal 1991.

Ora facciamo luce su altri 3 studi che valutano che “Eurasia, Nord America, Africa, Australia, Sud America e Groenlandia hanno registrato notevoli tendenze di raffreddamento” dal 2002 al 2013 (Xu et al., 2020) e Antartide occidentale e orientale si sono rapidamente raffreddati dalla metà degli anni 2000 (Hrbáček e Uxa, 2020 e Fatras et al., 2020).

Ad un certo punto potrebbe essere necessario porre la domanda: quanto è globale il recente “riscaldamento globale”?

Xu et al., 2020

In concomitanza con il rallentamento del riscaldamento globale tra il 2002 e il 2013, le temperature invernali della superficie terrestre invernale su Eurasia, Nord America, Africa, Australia, Sud America e Groenlandia hanno registrato notevoli tendenze di raffreddamento. … Il rallentamento concorda con una fase negativa del Pacific Decadal Oscillation (DOP), indicando che il DOP svolge un ruolo importante nella modulazione del segnale di riscaldamento globale. Non tutti i membri dell’ensemble catturano le tendenze di raffreddamento nei continenti, suggerendo un contributo aggiuntivo dalla variabilità atmosferica interna.”

Fonte immagine: Xu et al., 2020

Hrbáček e Uxa, 2020

Una significativa riduzione della temperatura dell’aria è iniziata intorno al 2000 lungo la maggior parte dell’Antarctic Peninsula occidentaleIl raffreddamento innescato dalla naturale variabilità dell’attività ciclonica e dall’aumento delle concentrazioni del mare nelle vicinanze delle coste ha causato tendenze MAAT da -0,16 a 0,05 ° C y − 1 nel periodo 2006-2015. Al contrario, il MAAT su JRI aumentava a un tasso non significativo di 0,10 ° C y − 1, che corrisponde alle osservazioni di altri siti dell’AP nord-orientale dove andamenti positivi, ma non significativi, tra 0,02 e 0,08 ° sono stati riportati C y-1.10 A differenza di MAAT, si è verificato un trend negativo non significativo di -0,05 ° C y-1 per MAGT 5. È interessante notare che i trend MSAT e MSGT 5 sono stati positivi solo in autunno (MAM), a 0,30 e 0,13 ° C y − 1, rispettivamente, mentre erano negativi nelle altre tre stagioni. Tuttavia, la regione AP nord -orientale ha mostrato un MAAT inferiore di oltre 1 ° C nel periodo 2006–2015 rispetto al 1996–2005, e la temperatura dell’aria autunnale (MAM) è stata persino inferiore di circa 1,5 ° C.

Fonte immagine: Hrbáček e Uxa, 2020

Fatras et al., 2020

“Le variazioni medie annue della temperatura della superficie del mare (SST) dal database provvisorio ERA ECMWF sono visualizzate in Fig. 4b. Non presentano una tendenza particolare per il periodo 1979-2018, con variazioni contenute tra -1 ° C e + 0,15 ° C. Tuttavia, la temperatura media tra il 1979 e il 2000 è scesa di -0,45 ° C ed è diminuita di -0,64 ° C durante il periodo 2000-2015“.

Fonte immagine: Fatras et al., 2020

Fonte: No Tricks Zone

Pubblicità