image_pdfimage_print

Di Daniel G. Jones – 11 Gennaio 2019

Gli ambientalisti predissero per primi il disastro climatico imminente negli anni ’70, ma non lo chiamarono Global Warming. Allora, lo chiamarono “Global Cooling”, raffreddamento che avrebbe messo fine alla vita sulla Terra come la conoscevamo. Lo smog proveniente dagli inquinanti industriali stava bloccando la luce del sole in modo così grave che il nostro pianeta sarebbe entrato in una nuova era glaciale se non avessimo agito rapidamente. La rivista mostrava le immagini di una palla di neve che ricopriva la Terra.

Negli anni ’80, venne ripulita l’aria, e la minaccia della presunta era glaciale non si verificò quindi migliaia di persone, con il passare del tempo, scoprirono che avrebbero potuto fare una carriera al di fuori di quella profezia disastrosa. Quindi, venne il tempo di una nuova catastrofe: “Il Global Warming”. Beh, forse non così nuova. La stessa catastrofe: noi e le nostre macchine. Stessa vittima: il nostro delicato pianeta Terra. Stessa minaccia: la fine della vita come la conosciamo. Solo la temperatura prevista era cambiata.

Pubblicità

Il riscaldamento globale attirò l’appetito della stampa per la calamità ed è diventato un successo immediato. I titoli che scrissero: i poli si scioglieranno! Gli oceani saliranno! Laghi e fiumi si prosciugheranno! I terreni agricoli diventeranno deserti! In milioni moriranno di fame! Questo sarebbe diventato un grande problema. Il governo dovrebbe unirsi alla lotta.

Negli anni ’90, gli ambientalisti hanno spostato l’enfasi sui “Cambiamenti Climatici”. Si trattava di una mossa di marketing. Il riscaldamento globale potrebbe essere credibilmente accusato di riscaldamento, ma i cambiamenti climatici potrebbero essere accusati di qualsiasi cosa. Se gli uragani aumentano in un anno, questa è la prova del cambiamento climatico. Se diminuiscono il prossimo anno, beh, questo è anche a causa dei cambiamenti climatici. Le siccità sono causate dai cambiamenti climatici, ma lo sono anche le piogge eccezionali. Gli inverni più caldi dimostrano il cambiamento climatico, ma anche gli inverni più freddi. (Affermare che le temperature gelide sono causate dal riscaldamento globale è ridicolo). Il “Cambiamento Climatico” è stato un disastro d’oro. Esso non può essere smentito.

Che è esattamente il motivo per cui questa non è scienza. È una pseudo-scienza, secondo il grande filosofo di scienza, Karl Popper, che ha sottolineato che per ogni teoria da considerare scientifica, deve essere falsificabile. Ci deve essere qualcosa all’interno della teoria stessa che può essere smentita.

Ciò può essere tecnicamente vero, ma quello che era molto più importante era che il “Cambiamento Climatico” era già stato dimostrato – da trent’anni di dati, dai modelli computerizzati degli esperti di clima e dal consenso travolgente degli scienziati.

Ma quelle “prove” non sono nemmeno scienza. Guardando indietro, il cambiamento climatico, è stato una caratteristica costante del nostro pianeta. La vera scienza del clima ci dice che le temperature sono state molto più fredde e molto più calde in passato. (Una volta il Canada aveva un clima tropicale.). Negli ultimi diecimila anni abbiamo vissuto in un periodo interglaciale. Questi periodi piacevoli hanno avuto la tendenza a durare dai dieci ai quindicimila anni, quindi la vera scienza del clima prevede che potremmo godere ancora di circa cinquemila anni di clima temperato fino alla prossima era glaciale.

La teoria del “Cambiamento Climatico” è completamente diversa. Affermare che è stato dimostrato è completamente fraintendere come funziona la scienza. Nessuna teoria scientifica è mai stata provata. Teorie che sembrano descrivere con precisione come funziona la natura – come la teoria dell’evoluzione di Darwin o la relatività di Einstein – viene assegnato lo status provvisorio di non ancora confutato, con la consapevolezza che la scoperta di un singolo fatto contrario potrebbe gettare una chiave nelle opere.

A rigore di termini, la teoria del “Cambiamento Climatico” non è affatto una teoria scientifica. Non tiene conto di fattori rilevanti che probabilmente hanno un effetto molto più forte sul clima rispetto alla CO2, come il sole, le correnti oceaniche e il più grande gas a effetto serra di tutti, il vapore acqueo.

Che cos’è il “Climate Change”, un mucchio di previsioni del giorno del giudizio. Ora, le previsioni sono la parte critica del metodo scientifico. Sono ciò che consente di dimostrare o confutare una teoria. Se si rivelano false, sono anche il modo migliore per confutare una teoria.

Gli allarmisti del cambiamento climatico hanno formulato molte previsioni. Forse troppe, perché non è una delle loro previsioni la cui data di scadenza è stata dimostrata corretta. Ecco un esempio, per gentile concessione di Anthony Watts su wattsupwiththat.com:

  • 1988, Dr. James Hansen. Interrogato dall’autore Rob Reiss su come l’effetto serra avrebbe probabilmente influenzato il vicinato sotto l’ufficio di Hansen a New York nei prossimi 20 anni, Hansen ha risposto: “La West Side Highway [che costeggia il fiume Hudson] sarà sott’acqua. E ci sarà del nastro adesivo attraverso le finestre dall’altra parte della strada a causa dei venti forti. E gli stessi uccelli non ci saranno. Gli alberi nella fascia mediana cambieranno … Ci saranno più macchine della polizia … [poiché] sai cosa succede al crimine quando il caldo sale.”
  • 19 settembre 1989, St. Louis Post-Dispatch: “New York sarà probabilmente come la Florida tra 15 anni da oggi.”
  • 1990, Michael Oppenheimer, The Environmental Defense Fund: “Entro il 1996, il fiume Platte nel Nebraska sarà prosciugato, mentre una bufera nera continentale di terriccio della prateria fermerebbe il traffico sulle autostrade, togliendo la vernice dalle case spegnendo i computer … la polizia radunerà i migranti americani illegali che si riversano in Messico cercando lavoro come mano d’opera”.
  • 15 ottobre 1990, Carl Sagan: “Il pianeta potrebbe affrontare una catastrofe ecologica e agricola entro il prossimo decennio, se le tendenze al riscaldamento globale continueranno”.
  • 1990, l’attrice Meryl Streep: “Entro l’anno 2000 – meno di dieci anni di distanza – il clima terrestre sarà più caldo di quanto lo sia stato in oltre 100.000 anni. Se non facciamo qualcosa, ci saranno enormi calamità in un tempo molto breve”.
  • 26 luglio 1999, The Birmingham Post: “Gli scienziati stanno avvisando che alcuni dei ghiacciai himalayani potrebbero svanire entro dieci anni a causa del riscaldamento globale. L’aumento dei gas a effetto serra sarà la causa della fusione, che potrebbe portare alla siccità e alle inondazioni nella regione che colpiranno milioni di persone”.
  • 1 aprile 2000, Der Spiegel: “Addio inverno. Mai più neve? “
  • 29 marzo 2001, CNN: “Tra dieci anni, la maggior parte degli atolli bassi che circondano le nove isole di Tuvalu nell’Oceano Pacifico meridionale saranno immerse sott’acqua mentre il riscaldamento globale aumenterà i livelli dell’acqua”.
  • 20 ottobre 2009, Gordon Brown, Primo Ministro del Regno Unito (riferendosi alla conferenza sul clima di Copenaghen): “I leader mondiali hanno 50 giorni per salvare la Terra dal riscaldamento globale irreversibile”.

Suggerire che la validità scientifica del “Cambiamento Climatico” sia discutibile è parlare in modo caritatevole. Ma non c’è mai stato un dibattito, non per mancanza di tentativi. Molti scettici hanno chiesto dibattiti. In particolare, Christopher Walter Monckton, 3 ° visconte Monckton di Brenchley, un pari ereditario, giornalista, consigliere politico, inventore e scettico ben informato sui dettagli della scienza del clima, ha ripetutamente sfidato Al Gore a discutere. Che Al Gore non abbia mai risposto a queste richieste è difficile da riconciliare con i suoi commenti sul CBS “Early Show” (31 maggio 2006):

“… il dibattito tra gli scienziati è finito. Non c’è più dibattito. Affrontiamo un’emergenza planetaria. Non c’è più dibattito scientifico tra le persone serie che hanno guardato alla scienza … Beh, credo che in alcuni ambienti, c’è ancora un dibattito sul fatto che lo sbarco sulla Luna sia stato messo in scena in un lotto di film in Arizona, o se la Terra sia invece piatta di turno.”

Queste non sono le parole di una persona che comprende la scienza. Sono la tattica di una persona che si rende conto di non avere una gamba scientifica su cui stare.

Ci deve essere un’altra ragione non scientifica per l’agenda “Cambiamenti Climatici”. Questa ragione potrebbe coinvolgere i miliardi di dollari che i proponenti hanno richiesto per risolvere questo “problema”.

I “Cambiamenti climatici” sono una truffa.

Fonte: American Thinker

Pubblicità