image_pdfimage_print

Le vette alpine potrebbero essere state prive di ghiaccio durante la vita di Iceman. Secondo uno studio pubblicato su Scientific Reports, le vette alpine da 3.000 a 4.000 metri potrebbero essere state libere dal ghiaccio fino a circa 5.900 anni fa, poco prima della vita di Oetzi, quando iniziarono a formarsi nuovi ghiacciai . I risultati suggeriscono che solo le vette alpine più alte (4000 metri e oltre) rimasero coperte di ghiaccio per tutta l’attuale epoca geologica, l’Olocene, iniziata circa 11.650 anni fa. Chi mi segue sa quanto sostengo le possibile conseguenze dell’aumento della temperatura terrestre, tuttavia notizie come queste mi lasciano perplesso. Mi piacerebbe capirci di più soprattutto mi piacerebbe capire cosa causò tale fortissimo ritiro dei ghiacci e quale furono le conseguenze. Ma giustamente il lavoro non aveva questa finalità e il problema rimane molto intrigante. Luigi Bignami

Nuove prove dal ghiacciaio per vette senza ghiaccio durante la vita dell’uomo venuto dal ghiaccio tirolese

Abstract

Pubblicità

La conoscenza dettagliata del clima nel periodo dell’Olocene e delle dinamiche dei ghiacciai è essenziale per lo sviluppo sostenibile nelle regioni di montagna in riscaldamento. Tuttavia, le informazioni sulla copertura dei ghiacciai dell’Olocene nelle Alpi prima della piccola era glaciale derivano principalmente dallo studio dei progressi delle lingue dei ghiacciai a quote inferiori. Qui presentiamo un nuovo approccio per ricostruire i banchi bassi dei ghiacciai passati e le condizioni prive di ghiaccio valutando e datando il ghiaccio più antico conservato ad alte quote. Una cupola di ghiaccio inesplorata sulla cima del Weißseespitze (3500 m), vicino al luogo in cui è stato ritrovato l’“uomo tirolese venuto dal ghiaccio”, offre le condizioni quasi ideali per preservare il ghiaccio originario formatosi nel sito. Le impostazioni glaciologiche e i limiti di età del micro-radiocarbonio all’avanguardia indicano che la vetta è stata ghiacciata per circa 5900 anni. In combinazione con le età massime note di altri ghiacciai alpini, presentiamo le prove per un gradiente di elevazione dell’inizio della neoglaciazione. Rivela che nelle Alpi solo i siti di altitudine più alti sono rimasti coperti di ghiaccio in tutto l’Olocene. Poco prima della vita dell’Uomo venuto dal ghiaccio, le alte vette alpine stavano emergendo da condizioni quasi prive di ghiaccio, durante l’inizio di una neoglaciazione del Medio Olocene. Dimostriamo che, in circostanze specifiche, il vecchio ghiaccio alla base degli alti ghiacciai alpini è un archivio sensibile del cambiamento del ghiacciaio. Tuttavia, con gli attuali tassi di fusione, l’archivio di Weißseespitze e in luoghi simili andrà perso entro i prossimi due decenni.

The location of the Weißseespitze summit glacier, the discovery site of the Tyrolean Iceman (“Ötzi”) and other sites discussed in the text (A). Shown in the bottom row is a close up of the glacier topography at Weißseespitze summit and the precise drilling location (B). Note the unique dome shape of the summit glacier. Data sources part A: EuroBoundaryMap, copyright EuroGeographics; CCM River and Catchment Database copyright European Commission—JRC, 2007; CIAT-CSI SRTM (http://srtm.csi.cgiar.org); Cartography: IGF, ÖAW, 2020; under a CC-BY-NC-SA 4.0 International License (https://creativecommons.org/licenses/by-nc-sa/4.0/). Maps made with licensed software Arc Map 10.6.1 (https://desktop.arcgis.com/en/arcmap/), figure made with licensed software Adobe Illustrator CS6 (https://www.adobe.com).

Conclusione

In una raccolta con i vincoli esistenti sull’età del ghiacciaio, la cupola di ghiaccio unica a Weißseespitze ha chiuso un divario regionale e altitudinale per rivelare la prima prova diretta di un gradiente di elevazione della neoglaciazione dell’Olocene nelle Alpi. Mentre solo i siti di altitudine più alta sono rimasti coperti di ghiaccio in tutto l’Olocene, le vette intorno ai 3000-4000 m erano probabilmente prive di ghiaccio durante il Medio Olocene o coperte da ghiacciai decisamente più piccoli di oggi. Intorno alla vita dell’Uomo venuto dal ghiaccio tirolese e leggermente prima, iniziò la rapida formazione di ghiaccio e parte di questa copertura di ghiaccio esiste ancora oggi. Gli attuali tassi di scioglimento impressionanti minacciano l’estinzione di questi archivi di ghiaccio: il ghiacciaio Weißseespitze, che si è accumulato in quasi 6000 anni, potrebbe scomparire in soli due decenni. Tuttavia, potrebbe non essere la deglaciazione delle vette durante l’Olocene ad essere senza precedenti, ma il suo ritmo, su cui abbiamo urgentemente bisogno di ampie informazioni empiriche. I nostri risultati dimostrano che il ghiaccio freddo in alcuni ghiacciai, anche al di sotto dei 4000 m, è effettivamente un archivio sensibile che fornisce una linea di base di almeno 5 millenni di cambiamento del ghiacciaio alpino, che ci consente non solo di affrontare la variabilità climatica del passato, ma anche di trovare prove degli effetti della mitigazione del cambiamento climatico nei decenni futuri.

Fonte dello studio

Pubblicità