image_pdfimage_print

Del Dr. David Whitehouse, redattore scientifico – Giovedì 30 Dicembre 2021

Le influenze solari si manifestano nell’innalzamento del livello del mare, negli eventi di El Nino e nei cicli climatici oceanici. L’energia del Sole influenza il nostro clima, ma la sua influenza è spesso ignorata poiché i cambiamenti nella sua intensità sono molto piccoli. Il suo effetto potrebbe essere sottile, ma per periodi decennali si somma ad essere significativo, come mostrano una serie di documenti recenti.

Scienziati dell’Università della California, Irvine, della National Taiwan Normal University e dell’Istituto di fisica atmosferica, dell’Accademia cinese delle scienze, Pechino, hanno scoperto che il ciclo solare di 11 anni ha una correlazione significativa con le variazioni della temperatura della superficie del mare nel nord – Pacifico orientale. Credono che l’influenza del Sole venga prima vista e poi amplificata nella bassa stratosfera, ma poi altera la circolazione nella troposfera che poi influenza la temperatura dell’oceano.

Hanno notato che i cambiamenti hanno una struttura simile a quella della modalità meridionale del Pacifico, un’interazione tra gli alisei e l’evaporazione oceanica che è un importante innesco del tipo del Pacifico centrale (PC) dell’Oscillazione El Nino-Sud (ENSO).

Sembra che il ciclo solare di 11 anni moduli il PC, l’ENSO e, in particolare, sia associato a più eventi PC El Nino durante la fase attiva del ciclo e più eventi La Nina quando il ciclo solare subisce una flessione.

L’influenza solare è evidente anche in altri aspetti del flusso d’aria ai tropici. Un Team dell’Università di Oxford, dell’Università di Aarhus, dal Max Planck Institute for Meteorology, Amburgo, Germania; L’Imperial College London e il Gantham Institute, dell’Imperial College London, hanno recentemente fornito prove osservative che il ciclo solare influenza la circolazione atmosferica del Pacifico su scale temporali decennali, trovando che vi è una riduzione dei gradienti di pressione al livello del mare est-ovest sull’Indo-Oceano Pacifico durante i massimi solari e negli anni successivi.

Questa riduzione è associata ad anomalie del vento da ovest in superficie e in tutta la troposfera equatoriale nel Pacifico centro-occidentale, nonché a uno spostamento delle precipitazioni verso est che porta più precipitazioni nel Pacifico centrale. È un effetto che si manifesta in alcuni modelli climatici che utilizzano simulazioni considerando solo le variazioni di irraggiamento solare.

Pubblicità

Una connessione mancata

Altri recenti studi mostrano una correlazione tra la fine dei cicli solari e un passaggio dalle condizioni di El Nino a La Nina, suggerendo che la variabilità solare può guidare la variabilità meteorologica stagionale sulla Terra. Se la connessione delineata nella rivista Earth and Space Science regge, potrebbe migliorare significativamente la prevedibilità dei più grandi eventi di El Nino e La Nina. Secondo Scott McIntosh, uno scienziato del National Center for Atmospheric Research (NCAR) e coautore dell’articolo. “La comunità scientifica non è stata chiara sul ruolo che la variabilità solare gioca nell’influenzare gli eventi meteorologici e climatici qui sulla Terra. Questo studio mostra che c’è motivo di credere che lo faccia assolutamente e perché la connessione potrebbe essere stata persa in passato”.


Il documento non esamina quale connessione fisica tra il Sole e la Terra potrebbe essere responsabile della correlazione, ma che ci sono diverse possibilità come l’influenza del campo magnetico del Sole sull’incidenza dei raggi cosmici che bombardano la Terra.

Un Team dell’Australian National University, dell’Australian Bureau of Meteorology e dell’Australian Centre of Excellence for Climate Extremes hanno trovano un’influenza solare sul Southern Annular Mode (SAM), un importante modello di variabilità climatica nell’emisfero australe extratropicale, con importanti impatti climatici regionali.

Sebbene le prove disponibili mostrino che i cambiamenti nel SAM dagli anni ’60 possono essere spiegati dai modelli climatici, le tendenze precedenti nelle ricostruzioni SAM paleoclimatiche non possono essere riconciliate con simulazioni più recenti.

I ricercatori hanno scoperto che lo stato medio del SAM può essere significativamente alterato dai cambiamenti dell’irradiamento solare. Suggeriscono che gli effetti della forzante solare sul clima ad alta latitudine potrebbero non essere adeguatamente incorporati nella maggior parte delle simulazioni dell’ultimo millennio.

Ricercatori della Jeju National University in Corea e del Jet Propulsion Laboratory della NASA hanno esaminato i vari fattori che influenzano il tasso di aumento del livello medio globale del mare e rilevano l’influenza dell’interruzione della temperatura globale.

Un suggerimento per la pausa era che gli oceani assorbissero più calore riducendo il riscaldamento della superficie. Recentemente, tuttavia, le osservazioni hanno mostrato che l’assorbimento dell’oceano in realtà è rallentato durante la pausa.

Hanno trovato una “distinta fluttuazione decennale con un periodo di picco di ~ 12 anni”, che era in fase con la pausa. Hanno anche visto una “forte relazione” tra il livello medio globale del mare e la PDO – un modello di variabilità climatica oceano-atmosfera centrata sul Pacifico di media latitudine – con la PDO che ha subito un cambiamento intorno al 2011 in coincidenza con quella che considerano la fine della pausa. Altri ritengono che la pausa sia durata un po’ più a lungo.

La conclusione, “c’è una risposta oceanica al ciclo solare su scale temporali decennali”.

Feedback: david.whitehouse@netzerowatch.com

Fonte: netzerowatch.com

 

Pubblicità