Di The Watchers – Lunedì 2 Ottobre 2023

Uno studio recentemente pubblicato sulla rivista Geophysical Research Letters ha rivelato che il trasporto di acqua attraverso lo stretto della Corrente del Golfo si è indebolito di circa il 4% negli ultimi 40 anni. I ricercatori affermano con una certezza del 99% che questo è più di quanto ci si aspetterebbe da variazioni casuali, segnando la prima prova definitiva di un cambiamento significativo nella corrente.

  • La Corrente del Golfo è una delle principali correnti oceaniche situate al largo della costa orientale degli Stati Uniti e una parte importante dell’Atlantic Meridional Overturning Circulation (AMOC). Trasporta un’enorme quantità di acqua di mare e con essa calore, carbonio e altri costituenti oceanici. Per questo motivo, la Corrente del Golfo svolge un ruolo importante nel tempo e nel clima, influenzando fenomeni apparentemente non correlati come il livello del mare lungo la Florida costiera e la temperatura e le precipitazioni sull’Europa continentale.
  • Studi recenti hanno indicato che sia la Corrente del Golfo che l’AMOC stanno mostrando segni di indebolimento, il che è motivo di preoccupazione dato il loro ruolo vitale nella regolazione dei climi globali e regionali.
  • La Corrente del Golfo e il sistema AMOC insieme agiscono come un nastro trasportatore globale, ridistribuendo il calore e influenzando i modelli meteorologici in tutto il mondo. Un indebolimento di questi sistemi potrebbe avere gravi implicazioni, come condizioni meteorologiche più estreme, tra cui l’aumento di tempeste e ondate di calore, e l’alterazione degli ecosistemi marini. Il ruolo della Corrente del Golfo nel moderare il clima dell’Europa occidentale potrebbe essere compromesso, portando a inverni più freddi, mentre un AMOC indebolito potrebbe provocare una cascata di cambiamenti climatici ben oltre il Nord Atlantico. Pertanto, l’indebolimento osservato di queste correnti oceaniche non è solo un problema regionale, ma una preoccupazione globale che potrebbe richiedere sforzi internazionali coordinati per comprendere e affrontare.

La Corrente del Golfo, una parte critica dell’Atlantic Meridional Overturning Circulation (AMOC), svolge un ruolo vitale nei sistemi meteorologici e climatici globali. Il suo indebolimento potrebbe avere implicazioni di vasta portata, compresi i cambiamenti nella temperatura dell’aria superficiale europea e nelle precipitazioni, i cambiamenti nei livelli del mare costiero lungo gli Stati Uniti sudorientali e i modelli alterati dell’attività degli uragani del Nord Atlantico, hanno detto gli autori dello studio. Lo studio si basa su una sintesi di migliaia di punti dati raccolti dallo stretto della Florida, un’area tra le Florida Keys, Cuba e le Bahamas. La regione è stata a lungo al centro di campagne di osservazione oceanica, risalenti al 1980 o prima.

Per arrivare alla loro conclusione, i ricercatori hanno impiegato tecniche di modellazione bayesiana per combinare i dati provenienti da cavi sottomarini, altimetria satellitare e osservazioni in situ. Questo approccio probabilistico ha permesso loro di articolare l’incertezza all’interno del modello, rafforzando i risultati dello studio. I risultati hanno costantemente indicato un indebolimento a lungo termine della Corrente del Golfo, indipendentemente da quali set di dati siano stati inclusi o omessi dall’analisi.

Mentre lo studio fornisce forti prove di indebolimento, non identifica la causa, lasciando aperta la questione se ciò sia dovuto ai cambiamenti climatici o alle variazioni naturali per la ricerca futura. “Mentre possiamo dire definitivamente che questo indebolimento sta accadendo, non siamo in grado di dire in che misura sia correlato al cambiamento climatico o se si tratti di una variazione naturale”, ha detto Chris Piecuch, autore principale dello studio e oceanografo fisico presso la Woods Hole Oceanographic Institution.

Lo studio è stato lodato come una pietra miliare significativa nella ricerca oceanografica. “Ho studiato le correnti di confine occidentali, principalmente la corrente di Agulhas al largo del Sud Africa, per 30 anni ed è solo ora che siamo in grado di osservare una tendenza robusta in uno di questi sistemi straordinariamente dinamici”, ha detto Lisa Beal, co-autrice dell’articolo e professoressa di Scienze oceaniche presso l’Università di Miami. Florida.

I ricercatori sottolineano la necessità di sistemi di osservazione a lungo termine per rilevare sottili cambiamenti nelle condizioni oceaniche. “Questo documento dimostra esplicitamente il valore di questi lunghi sistemi di osservazione per captare segnali molto sottili. In questo caso, abbiamo dimostrato che avevamo bisogno di più di 30 anni di dati”, ha aggiunto Piecuch. Lo studio fa parte di un più ampio progetto di sei anni finanziato dalla National Science Foundation, volto ad estendere il record osservativo della Corrente del Golfo nello Stretto della Florida.

Studi precedenti hanno scoperto che anche l’AMOC si sta indebolendo nel tempo, ma che è improbabile che crolli prima della fine del secolo. Tuttavia, uno studio pubblicato su Nature il 25 luglio 2023, segna per la prima volta che i ricercatori hanno cercato di stabilire quando l’AMOC potrebbe smettere di funzionare – gli autori hanno detto che potrebbe essere in qualsiasi momento tra il 2025 e il 2095.

Vale la pena notare che l’AMOC è stato monitorato continuamente solo dal 2004 attraverso misurazioni combinate da strumenti ormeggiati, correnti elettriche indotte nei cavi sottomarini e misurazioni della superficie satellitare.

La Corrente del Golfo e l’Atlantic Meridional Overturning Circulation (AMOC) sono componenti vitali del sistema climatico terrestre. La Corrente del Golfo, ad esempio, influenza in modo significativo i climi regionali ridistribuendo le calde acque tropicali verso nord lungo la costa orientale degli Stati Uniti e verso l’Europa. Questo aiuta a moderare i climi, specialmente nell’Europa occidentale, che sperimenta inverni più miti ed estati più fresche di quanto non sarebbe altrimenti. La Corrente del Golfo svolge anche un ruolo nel plasmare i modelli meteorologici, influenzando tutto, dalle precipitazioni all’attività degli uragani.

L’AMOC, di cui fa parte la Corrente del Golfo, ha implicazioni ancora più ampie. Questo sistema di correnti oceaniche fa circolare il calore in tutto il mondo, agendo come una sorta di nastro trasportatore per l’energia termica. La sua influenza si estende oltre il Nord Atlantico, influenzando sistemi climatici lontani come i monsoni indiani e sudamericani. Inoltre, l’AMOC ha un impatto sugli ecosistemi marini facilitando il trasporto di nutrienti e influenzando la produttività degli oceani.

Se l’AMOC dovesse crollare, le conseguenze potrebbero essere disastrose e di vasta portata. Un effetto immediato sarebbe un drastico cambiamento del clima, soprattutto per le regioni attualmente moderate dal sistema. L’Europa potrebbe sperimentare inverni più rigidi e condizioni meteorologiche più estreme, che colpiscono tutto, dall’agricoltura alla salute umana. Un collasso potrebbe anche portare all’innalzamento del livello del mare lungo la costa orientale del Nord America, causando un aumento delle inondazioni e dell’erosione. Inoltre, un AMOC interrotto avrebbe probabilmente un effetto a cascata sui modelli meteorologici globali, portando potenzialmente a tempeste, ondate di calore e siccità più frequenti e gravi in tutto il mondo.

C’è anche la questione degli ecosistemi marini, che potrebbero essere gravemente colpiti dal crollo dell’AMOC. L’interruzione delle correnti oceaniche potrebbe causare la migrazione, il declino o addirittura l’estinzione di alcune specie, con conseguenze significative per la pesca commerciale e la biodiversità.

Mentre i modelli e le osservazioni attuali suggeriscono che un collasso completo dell’AMOC non è imminente, il sistema ha mostrato segni di indebolimento. Comprendere il ruolo e il funzionamento della Corrente del Golfo e dell’AMOC è fondamentale per prevedere e potenzialmente mitigare alcuni di questi effetti potenzialmente catastrofici.

Referenze:

1 Un nuovo studio conferma definitivamente l’indebolimento della corrente del golfo – Woods Hole Oceanographic Institution – 25 settembre 2023

2 Robusto indebolimento della Corrente del Golfo negli ultimi quattro decenni osservato nello stretto della Florida – Lettere di ricerca geofisica – 25 settembre 2023 – Christopher G. Piecuch e Lisa M. Beal – https://doi.org/10.1029/2023GL105170

3 Avvertimento di un imminente collasso della circolazione di ribaltamento meridionale atlantico – Nature – 25 luglio 2023 – Peter Ditlevsen e Susanne Ditlevsen – https://doi.org/10.1038/s41467-023-39810-w

Credito immagine in evidenza: NASA Earth Observatory