19 giugno 2018 - 16:23 pm Pubblicato da
image_pdfimage_print

Autore: Guido Guidi
Data di pubblicazione: 15 Giugno 2018
Fonte originale:  http://www.climatemonitor.it/?p=48656

 

Cerchiamo di anticipare i media di massa, ecco qua:

Ice loss in Antarctica is increasingly contributing to global sea level rise da Eurkalert

Mass balance of the Antarctic Ice Sheet from 1992 to 2017 da Nature

Numeri da capogiro:

  • Tra il 1992 e il 2012 pare che l’Antartide perdesse circa 76mld di tonnellate di ghiaccio all’anno, contribuendo quindi per circa 0,2mm/anno all’innalzamento del livello del mare
  • Dal 2012 al 2017, la quantità di massa di ghiaccio perduta pare sia triplicata, 219mld, per 0,6mm/anno di aumento del livello del mare
  • In totale, nel periodo sui cui si è concentrato lo studio, la perdita di massa dell’Antartide avrebbe contribuito per 8mm (7.6 ± 3.9) all’aumento del livello del mare

Dal momento che i miliardi di tonnellate fanno girare la testa, girate i numeri e vedrete che passerà. Per esempio:

  • La massa totale del ghiaccio antartico è di circa 27,601,654 miliardi di  tonnellate, cioè 27,602 miliardi di miliardi di tonnellate
  • Il totale di quanto perso e segnalato nell’articolo è circa lo 0.011% quindi,
  • il 99,989% del ghiaccio è ancora lì.

La faccenda non è rappresentabile graficamente, come scrive giustamente chi ha fatto i conti, per manifesta inferiorità di uno dei due termini

Nel frattempo, nel 2017 sul Journal of Glacology:

Mass gains of the Antarctic ice sheet exceed losses

il cui abstract recitava:

Mass changes of the Antarctic ice sheet impact sea-level rise as climate changes, but recent rates have been uncertain. Ice, Cloud and land Elevation Satellite (ICESat) data (2003–08) show mass gains from snow accumulation exceeded discharge losses by 82 ± 25 Gt a−1, reducing global sea-level rise by 0.23 mm a−1

Cioè, non si capisce. Un periodo di osservazione diverso e molto più corto ma incluso in quello dello studio precedente in cui il bilancio di massa per l’Antartide pare sia stato positivo, perché l’accumulo di neve ha superato di gran lunga la massa persa per lo scarico dei ghiacciai in mare.

Fatte quindi le debite proporzioni, la frase finale del comunicato stampa dell’università che ha patrocinato lo studio opportunamente virgolettata e quindi direttamente riconducibile agli autori che recita:

We view these results as another ringing alarm for action to slow the warming of our planet

…è totalmente priva di senso.

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
(13 voti, media: 4,92 su 5)
Loading...