image_pdfimage_print

Di CAPP ALLON – 9 Luglio 2021

Si prevede che il modello climatico de La Niña tornerà questo autunno e durerà fino al prossimo inverno 2021-22, secondo una “allerta” ufficiale emessa giovedì 8 luglio dal Climate Prediction Center (CPC), che tra l’altro suggerisce un ulteriore raffreddamento globale per il prossimo anno.

La Niña – un ciclo naturale caratterizzato da temperature della superficie del mare (SST) più fresche della media nell’Oceano Pacifico centrale – è uno dei principali fattori climatici del pianeta – di solito è associato a temperature globali più fredde, siccità nel sud degli Stati Uniti e aumento di precipitazioni in Australia.

Pubblicità

Il CPC, parte dei nostri amici di manomissione dei dati presso la National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA), ha rilasciato giovedì le sue previsioni in cui ha dichiarato ufficialmente “l’allerta ENSO” con un forte potenziale per le condizioni di una forte La Niña che sono emerse tra settembre e novembre del prossimo autunno.

Il grafico seguente mostra gli SST per la regione 3.4 del Pacifico equatoriale.

Si noti che la maggior parte dei modelli sta correndo verso territorio La Niña, con queste condizioni che dovrebbero persistere per tutto il resto del 2021 e del 2022:


Inoltre, degno di nota come il modello CSFv2 (linea arancione sopra) di solito tende a favorire eventi più caldi, quindi vale la pena prestare particolare attenzione quando questo modello propone un raffeddamento.

Il Jet Stream che cambia

CFSv2 SST prevede anomalie con climatologia 1982-2010

La Niña (tradotto dallo spagnolo come “bambina”) è il modello opposto di El Niño (“bambino”), che presenta acque più calde della media nell’Oceano Pacifico tropicale. Nota: il “super” El Niños ha portato ai picchi di riscaldamento dell’UAH del 1998, 2016 e all’inizio del 2020 – visualizzato di seguito – e non il riscaldamento globale antropogenico:

[Dottor Roy Spencer]


Questo ciclo climatico naturale è ufficialmente conosciuto come El Niño – Southern Oscillation, o ENSO in breve.

Si prevede che le condizioni di ENSO – neutrali, a volte indicate come “La Nada”, che si verificano quando le temperature dell’acqua del mare sono nella media, persisteranno per tutta l’estate del 2021, fino a quando La Niña non subentrerà entro la fine dell’anno.

Siamo appena passati a La Niña lo scorso inverno.

Questo, insieme all’attività solare storicamente bassa che abbiamo riscontrato, sta provocando un forte raffreddamento globale.

E sebbene le condizioni siano tornate alla neutralità dell’ENSO, o La Nada, negli ultimi mesi, le temperature terrestri della Terra hanno continuato a raffreddarsi: a giugno 2021 (il dato più recente) le temperature medie globali sono scese di nuovo sotto la media degli ultimi 30 anni:

Partecipare a un evento de La Niña quando le temperature globali sono già intorno ai valori di riferimento è significativo.

Se il modello climatico ha l’effetto previsto, allora dovremmo prepararci affinché le temperature globali continuino la loro tendenza generale al ribasso – iniziata nel 2016 (vedi link sotto) – a livelli ben al di sotto della norma.

Si potrebbe pensare che le letture UAH siano di circa 0,4°C al di sotto della media trentennale entro la prossima primavera 2022.

Secondo il centro di previsione, un tipico inverno de La Niña negli Stati Uniti porta freddo intenso e neve al nord-ovest, mentre porta a condizioni insolitamente secche e fredde nella maggior parte della fascia meridionale.

L’Australia diventa più fresca e umida, nel complesso.

Mentre l’ Europa di solito vede inverni più freddi e nevicate estreme.

Fonte: ELECTROVERSE

Pubblicità