20 ottobre 2014 - 21:01 pm Pubblicato da
image_pdfimage_print

NASA, 23 settembre 2008

In un briefing di oggi presso la sede della NASA, i fisici solari hanno annunciato che il vento solare sta perdendo potenza.

“La pressione media del vento solare è scesa più del 20% dalla metà degli anni 1990,” afferma Dave McComas del Southwest Research Institute di San Antonio, Texas. “Questo è il periodo più debole da quando abbiamo iniziato il monitoraggio del vento solare, quasi 50 anni fa!”

McComas è il principale ricercatore per quanto riguarda la rilevazione del vento solare a bordo della sonda Ulysses, che ne ha misurato il calo. Ulysses, lanciata nel 1990, gira intorno al sole in un’orbita unica che sonda entrambi i poli del sole e dell’equatore, dando a Ulysses una visione globale dell’attività del vento solare

276531main_McComas-2ndImage-full_strip
Sopra: le misure globali di pressione del vento solare della sonda Ulysses. Le curve verdi tracciano il vento solare dal 1992 al 1998, mentre le curve blu indicano la pressione del vento inferiore al 2004-2008.  

Curiosamente, la velocità del vento solare, espressa in milioni di mph (Miles per hour) non è diminuita soltanto del 3%. La variazione di pressione deriva principalmente dalla riduzione della temperatura e della densità. Il vento solare è del 13% più freddo e del 20% meno denso.

“Quello che stiamo osservando è una tendenza di lungo periodo, una diminuzione costante della pressione che ha avuto inizio verso la metà degli anni 1990,” spiega Arik Posner, scienziato della NASA del programma Ulissys a Washington DC.

Quanto è insolito questo evento? “E’ difficile dirlo. Abbiamo iniziato il monitoraggio del vento solare dai primi anni della Space Age, cioè dai primi anni’60 ad oggi”, dice Posner. “Questo periodo di tempo monitorato è unico. Come l’evento si poneva nei secoli o millenni passati non è dato sapersi. Non abbiamo i dati per tornare così indietro nel tempo.”

La segnalazione del vento solare ha ripercussioni in tutto l’intero sistema solare con l’eliosfera.

L’eliosfera è una bolla di magnetismo che scaturisce dal sole e viene gonfiato fino a proporzioni colossali dal vento solare. Ogni pianeta, da Mercurio a Plutone e oltre è al suo interno. L’eliosfera è la prima linea del nostro sistema solare di difesa contro i raggi cosmici galattici. Particelle ad alta energia provenienti dai buchi neri e supernove cercano di entrare nel sistema solare, ma la maggior parte vengono deviati dai campi magnetici dell’eliosfera.

bubble_med2
La bolla dell’eliosfera.

“Il vento solare non sta più gonfiando l’eliosfera come un tempo”, dice McComas. “Ciò significa che siamo meno schermati contro i raggi cosmici galattici.” Oltre all’indebolimento del vento solare, “Ulysses ha scoperto che il campo magnetico sottostante del sole si è indebolito più del 30% dalla metà degli anni 1990”, dice Posner. “Questo riduce la naturale la schermatura ancora di più.”

Dati dei raggi cosmici pubblicati da Ulysses mostrano che, in effetti, elettroni ad alta energia (GeV), un componente minore ma rivelatore di raggi cosmici attorno alla Terra, dimostra che il numero è balzato di circa il 20%. Queste particelle aggiuntive non costituiscono una minaccia per le persone sulla superficie terrestre. La nostra spessa atmosfera e il campo magnetico planetario forniscono ulteriori livelli di protezione che ci tengono al sicuro.

Ma eventuali raggi cosmici supplementari possono avere conseguenze. Se la tendenza dovesse continuare, gli astronauti sulla Luna o in rotta verso Marte otterrebbero una dose maggiore di radiazioni spaziali. Sonde spaziali robotiche e satelliti in orbita terrestre dovrebbero affrontare un aumento del rischio di malfunzionamenti degli strumenti a causa di un maggiore arrivo di raggi cosmici. Inoltre, ci sono studi controversi che collegano flussi di raggi cosmici alla maggiore nuvolosità e ai cambiamenti climatici sulla Terra. Tale nesso potrà essere provato nei prossimi anni.

electrons_strip
Sopra: la temperatura e la densità degli elettroni del vento solare sono scesi a partire dalla metà degli anni 1990, secondo le misurazioni effettuate dalla sonda Ulysses.

Anche la maggior parte degli effetti drammatici del fenomeno potrebbero essere avvertite dai due Voyager della NASA. Dopo il viaggio di andata che dura da oltre 30 anni, le due sonde sono ormai al limite dell’eliosfera. Con la contrazione dell’eliosfera, il Voyagers potrebbe presto ritrovarsi al di fuori, spinta nello spazio interstellare molto tempo prima che ci si aspettasse. Nessun veicolo spaziale è mai stato al di fuori dell’eliosfera prima e nessuno sa che cosa il Voyagers possa trovarvi.

La NASA sta per lanciare un nuovo veicolo spaziale denominato IBEX (Interstellar Boundary, abbreviazione di Explorer) in grado di monitorare le dimensioni dell’eliosfera senza che in realtà viaggino sul bordo del sistema solare. IBEX può effettivamente essere in grado di “vedere” la contrazione dell’eliosfera e anticipare l’uscita del Voyager.
Inoltre, IBEX rivelerà come scudo dei raggi cosmici del nostro sistema solare reagendo ai cambiamenti del vento solare.

“Il potenziale per la scoperta”, dice McComas, “è da mozzafiato.”

http://science.nasa.gov/science-news/science-at-nasa/2008/23sep_solarwind/

 

ENZO

ATTIVITA’ SOLARE

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
(Ancora nessun voto)
Loading...