19 luglio 2017 - 14:00 pm Pubblicato da

AFP – 18.07.2017


I disastri hanno inflitto un costo finanziario di circa 41 miliardi di dollari nei primi sei mesi, ha riferito Munich Re (AFP Photo/SVEN HOPPE)

Francoforte (AFP) – Le catastrofi naturali in tutto il mondo sono risultate meno devastanti nella prima metà del 2017 rispetto alla media degli ultimi 10 anni, lo ha riferito martedì 18 luglio 2017 l’istituto delle assicurazioni Munich Re, evidenziando il ruolo del cambiamento climatico nelle tempeste statunitensi.

Il gruppo assicurativo tedesco ha registrato circa 3.200 decessi a causa dei disastri tra gennaio e giugno, un risultato ben al di sotto della media degli ultimi dieci anni dei 47.000 per il periodo e di 5.100 decessi nella prima metà del 2016.

Dalle inondazioni di aprile e dalle frane in Colombia è risultata una perdita di 329 vite che è stato l’evento con più decessi.

Altrove, l’ondata di caldo di aprile-giugno in India ha ucciso 264 persone, mentre inondazioni, frane e valanghe hanno causato circa 200 vite nello Sri Lanka, 200 in Afghanistan e 200 in Bangladesh.

I disastri hanno inflitto un costo finanziario di circa 41 miliardi di dollari nei primi sei mesi, ha riferito la Munich Re.

Il risultato è inferiore della metà dei 111 miliardi di dollari dello stesso periodo dello scorso anno, o la media di 102 miliardi di dollari negli ultimi 10 anni.

L’evento singolo più costoso è stata l’inondazione in Perù tra gennaio e marzo, che ha ucciso 113 persone e ha causato danni per circa 3,1 miliardi di dollari, seguito da un numero di 12 morti a causa del Ciclone Debbie e da 2,7 miliardi di dollari in Australia.

Tre grandi tempeste negli Stati Uniti, ciascuna hanno causato danni per circa 2,0 miliardi di dollari, ma senza perdite umane, hanno costituito il resto delle prime cinque catastrofi più costose.

“L’elevato numero di temporali distruttivi negli Stati Uniti è presumibilmente influenzato almeno in parte da un fenomeno climatico naturale”, ha detto il relatore.

L’acqua calda al largo della costa nordorientale del Sud America e un oceano più fresco verso ovest hanno creato le forze atmosferiche per formare tornado e grandine con più probabilità negli Stati Uniti, ha detto.

Circa 19,5 miliardi di dollari di danni sono stati coperti in tutto il mondo – circa la metà dell’importo totale – rispetto a una media di un terzo degli anni precedenti.

In Europa, le inondazioni in Germania e in Francia hanno causato 4,4 miliardi di euro di danni, di cui circa 1,7 miliardi sono stati assicurati.

Fonte: yahoo.com

Enzo
Attività Solare

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
(6 voti, media: 4,00 su 5)
Loading...