13 settembre 2018 - 20:00 pm Pubblicato da
image_pdfimage_print

di Tyler Durden – 27 Agosto 2018

Scritto da Martin Armstrong tramite ArmstrongEconomics.com

Mentre i fanatici del Global Warming circolano affermando “vedete” il caldo in Europa è causato dagli uomini che vanno in giro con le loro auto, continuando però a ignorare la storia … Il caldo estremo avvenuto in Europa di quest’anno fa parte di un ciclo.

Anche le oscillazioni dal caldo al freddo estremo non sono inaudite. Un altro pezzo di evidenza storica è che ignorano è noto come Hunger Stones.


Nella foto sopra è rappresentata la Hunger Stone (pietra della fame) del 1616 che è affiorata per il basso livello dell’acqua nel fiume Elba.

Questo è a Decin, nella Repubblica Ceca. Nel corso dei secoli, ci sono stati questi cicli di caldo estremo seguiti da freddo estremo. Tali eventi sono stati registrati quando la siccità ha provocato l’abbassamento del livello dell’acqua nel fiume Elba.

La siccità di quest’anno in Europa ha rivelato ancora una volta che le Hunger Stones che sono state usate per secoli per commemorare le siccità storiche che mettono in guardia dalle loro conseguenze quando vedrete di nuovo queste pietre. Le Hunger Stones sono in questo momento di nuovo visibili nel fiume Elba. Questo è un fiume importante che nasce nella Repubblica Ceca e attraversa la Germania. Ci sono più di una dozzina di Hunger Stones che servono da record di precedenti siccità che stabiliscono che il caldo estremo e la siccità di quest’anno non sono affatto unici nella storia.

Le varie Hunger Stones registrano siccità che hanno provocato carestia e prezzi altissimi per il cibo. Le siccità che sono state registrate sulle pietre risalgono al 1417, 1616, 1707, 1746, 1790, 1800, 1811, 1830, 1842, 1868, 1892 e 1893, che coprono un periodo di 476 anni. Questo da una media di 39,6 anni. Applicando questa media ci porterebbe al 2012. Tuttavia, dobbiamo guardare più da vicino. Si noti che due anni 1892 e 1893 sono back-to-back. Questo non riflette due separate siccità, ma il picco di intensità. Invece di esserci due separate siccità, viene considerata la stessa, solo più estesa. Ciò significa che ci sono stati realmente 11 eventi di siccità in questo arco di 476 anni di storia quindi vediamo che la media viene modificata a 43,27 anni. Questo in realtà è conforme alla nostra frequenza del modello di fiducia economica di 8,6 anni/2 = 4,3.

In realtà, ulteriori prove vengono ignorate dal pubblico del Global Warming che sembra intenzionato a guidare la società verso il suo destino ignorando del tutto il passato. Ampie ricerche sono state fatte anche sugli anelli degli alberi nell’Europa centro-settentrionale. Questo studio ha scoperto che c’è stato un modello di “mega siccità” tra il 15th e il 19th secolo. Essi classificarono il 1893 come la “Grande siccità del 1893” dove le precipitazioni diminuivano tra il 30 e il 90% in varie regioni europee. Scoprirono anche che la carestia irlandese del 1740-1741 era il risultato di un periodo di raffreddamento che, a loro avviso, provocò insolitamente basse temperature invernali e primaverili nel 1740 che produssero fallimenti di colture e una conseguente grande carestia. Sottolineano che ci sono stati cinque grandi “mega siccità” che hanno avuto luogo nel 1540, 1590, 1616, 1718 e 1719. Ancora una volta, assistiamo a eventi “back-to-back” nel 1718 e 1719 che nella nostra analisi riflettono un accumulo di intensità piuttosto che due eventi separati. Ridurlo ancora una volta a 4 eventi ci dà una media di 44.75 anni, che è molto vicino alla frequenza Pi. Se pubblichiamo questo serio, arriviamo al 2020.

Sembra che invece di un evento “back-to-back” nel 2019, questo possa diventare il peggior periodo di intensità e produrre tre anni di siccità fino al 2020. Più il numero di vulcani in eruzione può anche produrre un aumento di intensità per questo periodo. Ciò di cui dobbiamo preoccuparci è l’attività vulcanica che appare nelle Indie Occidentali, che comprende Soufriere e St. Vincent. È l’evento di tipo stratovulcano che può cambiare il tempo. Questi sono vulcani che sono conosciuti come vulcani compositi, che è un vulcano conico costituito da molti layers (strati) di lava indurita, tefra, pomice e cenere. Quando esplodono, inviano una enorme quantità di materiale nell’atmosfera che riduce la luce solare e raffredda le temperature.

Quando abbiamo analizzato i dati relativi alla siccità attraverso i nostri modelli, non solo erano correlati con l’ECM, ma erano anche coordinati con la prima eruzione storica del vulcano avvenuta nel 1718 e una successiva eruzione del 1812. Ora, guardiamo i record di siccità dei megadroughts – 1718/1719. Quando abbiamo dato l’imput al modello, ne è uscito l’anno 1816 che come sappiamo è noto come l’anno senza estate. Il clima è diventato estremamente freddo con nevicate a luglio a New York City. Ciò ha comportato gravi carenze alimentari in tutto l’emisfero settentrionale. Si noti come la seconda eruzione sia avvenuta nel 1812.

Quando abbiamo correlato questo intero periodo, è emerso un drammatico aumento dell’attività vulcanica che è anche correlata a un calo della produzione di energia del sole. Il nostro modello ha avvertito che l’attività vulcanica sarebbe iniziata qui nel 2018, correlata a un calo della produzione di energia del sole che avrebbe dovuto iniziare nel 2015. Si noti che anche le Hunger Stones segnano l’anno 1811. Mentre questo è l’anno che ha preceduto l’eruzione nelle Indie occidentali del 1812, c’è stata quella definita l’eruzione vulcanica del mistero avvenuta nel 1808/1809 che sembra aver messo in moto una Mini Era Glaciale durante i primi anni del 1800. Si trattava di una monumentale eruzione vulcanica di forza VEI 6 che sembra aver avuto luogo alla fine del 1808. Questo evento ha preceduto l’eruzione del Monte Tambora (VEI 7) del 1815 che ha generato l’anno senza estate nel 1816.

Il periodo che i climatologi chiamarono la Piccola Era Glaciale che credevano avesse avuto luogo intorno al 1650. Questo è stato il risultato principale che causò il declino nella produzione di energia del sole riflesso nel drastico declino dell’attività delle macchie solari. Quello che stiamo osservando qui è una drastica correzione della terminologia di mercato che ha avuto luogo nei primi anni del 1800. Uno studio sulle carote di ghiaccio della Groenlandia e dell’Antartide negli anni ’90 ha rivelato prove che indicavano una massiccia eruzione vulcanica avvenuta all’inizio del 1809. Il problema che tutti dovettero affrontare era che non vi erano documenti scritti di un tale evento. Ciò significava che l’eruzione doveva essere avvenuta in una regione in cui gli esseri umani non registravano questi tipi gli eventi. Ulteriori ricerche rivelarono dai dati sugli anelli degli alberi che nel 1808 ci fu anche una grande eruzione. Ora due fonti indipendenti stavano indicando un’eruzione misteriosa – ma dove?

Il mistero era semplicemente che una simile catastrofica eruzione di quella portata avrebbe dovuto essere notata da qualcuno. Cominciarono a setacciare i dischi di tutto il mondo sperando che qualcuno da qualche parte avesse registrato quell’evento. Infine, nel 2014 un Ph.D. lo studente Alvaro Guevara-Murua e la Dr.ssa Caroline Williams dell’Università di Bristol avevano trovato un racconto di eventi atmosferici coerenti con un evento del genere dello scienziato colombiano Francisco José de Caldas che aveva registrato una massiccia nuvola trasparente che ostruiva il passaggio della luce solare a Bogotá, in Colombia all’inizio del 1809. L’ulteriore indagine rivelò che la nube fu osservata per la prima volta da lui l’11 dicembre 1808. De Caldas riferì condizioni coerenti con una nube vulcanica che alterò il tempo rendendolo insolitamente freddo, con persino gelate in zone di mare in Colombia.

Ulteriori indagini nel sud del Perù avevano prodotto un’altra osservazione a cura del medico di nome Hipólito Unanue di Lima. La combinazione di queste due osservazioni portò alla conclusione che la finestra dell’eruzione poteva essere avvenuta nell’ordine di 14 giorni dal 4 dicembre 1808. L’unica area nei tropici ad ovest della Colombia e del Perù con possibili vulcani era situata anche nell’Oceano Pacifico sud occidentale tra Indonesia e Tonga. A quel tempo, non c’era quasi nessun rapporto proveniente da questa regione che mancava agli insediamenti europei. L’area di Rabaul ebbero importanti eruzioni VEI 6+ ma le registrazioni risalgono solo dalla metà del 1800.

Tuttavia, questa unica catastrofica eruzione VEI6 + non fu l’unico vulcano che esplose. Questo è il motivo per cui abbiamo avvertito che il periodo ciclico per le eruzioni vulcaniche si è alzato con il 2018. Nel 1808 ci sono state importanti eruzioni aggiuntive a Urzelina, nelle Isole Azzorre nel mese di maggio (dall’1 al 4), così come il vulcano Taal, nelle Filippine durante marzo di quell’anno. C’era anche il vulcano cileno Putana che ebbe una grande eruzione durante il periodo 1808-1810 (i record non sono precisi). Questo periodo è poi seguito dalla vera massiccia eruzione del 1815 del Monte Tambora nelle Indie orientali olandesi. Questo è attribuito con la creazione dell’anno senza estate perché è stata la più grande eruzione registrata da almeno 1.300 anni. Questo evento è stato seguito dall’eruzione del 1814 del Mayon nelle Filippine, che sembra aver contribuito ai cambiamenti climatici del raffreddamento creando un evento cumulativo.

I nostri modelli hanno individuato ancora un altro periodo simile che forse ha mandato la civiltà umana nel Medioevo. C’è stato un periodo simile con i vulcani e gli eventi meteorologici estremi del 535-536. I ricercatori del Laboratorio di Los Alamos hanno pubblicato una tesi (LA-UR 004608) in questo studio che questi ricercatori hanno sviluppato un modello ricreando un’eruzione vulcanica di proporzione tale da far vacillare la mente umana. Questa eruzione è conosciuta come eruzione del Proto-Krakatau. Si è verificata nell’anno 536 d.C. nell’attuale paese dell’Indonesia. Questo predecessore o l’eruzione del 1815 DC del Krakatau con lo stesso nome e luogo fu molte volte più grande. Le prove che questi scienziati presentano sono che questa esplosione risultante di questo super-vulcano con la sua caldera (camera magmatica) che crollando sotto di essa formò lo Stretto di Sonda tra le isole di Sumatra e Giava. Prima di questa eruzione esplosiva, queste due isole erano una massa terrestre. I dati di batimetria indicano che questa caldera ha un diametro compreso tra 40 e 60 km. Michael the Syrian: “Il sole è diventato buio e la sua oscurità è durata diciotto mesi. Ogni giorno brillava per circa quattro ore, e tuttavia, questa luce era solo un’ombra debole, i frutti non maturavano e il vino assaggiato sapeva di uva acerba.”

Questa sembra essere l’eruzione del vulcano Krakatoa che si trova a Rakata, nel Pacifico tra Java e Sumatra, in Indonesia. Conosciamo il nome della grande eruzione del 26 agosto 1883, uno delle più catastrofiche mai viste nella storia moderna. In precedenza, sapevamo di un’eruzione più moderata avvenuta nel 1680. Gli storici contemporanei registrarono eventi. Procopio scrisse nel 536 d.C.: “durante questo anno ebbe luogo un terribile portento. Il sole emanava la sua luce senza luminosità … e sembrava estremamente simile al sole in eclissi, perché la luce che emetteva non era chiara. “John Lydian, o John Lydus, era un amministratore bizantino del VI secolo e uno storico che scrisse anche nel 536AD: “Il sole si oscurò … per quasi tutto l’anno … così che i frutti vennero distrutti nel momento non adatto”.

In Mesopotamia, una fonte citata da Michele il Siriano (circa 1166-199 d.C.) e Bar-Hebraeus 1246-1286 riporta: “Nell’anno 848 dei Greci [536 d.C.] il sole si rabbuiò e le sue tenebre duravano per diciotto mesi, ogni giorno splendeva per circa 4 ore, e tuttavia questa luce era solo un’ombra debole, i frutti non maturavano e il vino sapeva di uva acerba”

Flavio Magnus Aurelio Cassiodoro senatore (485 circa – 585 circa), fu uno statista romano e uno storico. Ha scritto di questo periodo: “Il sole … sembra aver perso la sua luce abituale, e appare di un colore bluastro. Ci meravigliammo di non vedere ombre dei nostri corpi a mezzogiorno, di sentire il potente vigore del calore del sole sprecato in debolezza, e i fenomeni che accompagnano un’eclissi si prolungarono per quasi un intero anno. Abbiamo avuto … un’estate senza calore … i raccolti sono stati raffreddati dai venti del nord … la pioggia negata …”

I campioni delle carote di ghiaccio mostrano chiaramente due picchi di solfati molto grandi che si verificano con i vulcani. Il primo ha avuto luogo nel 537AD e il secondo nel 541-542AD. Pertanto, ancora una volta potremmo avere a che fare con più eruzioni vulcaniche. Entrambi i picchi hanno approssimativamente le stesse dimensioni. È il primo evento che è stato registrato come una catastrofe. Gli storici contemporanei citati sopra hanno fornito resoconti contemporanei di questa drammatica diminuzione della luminosità del sole durante il 536 e il 537 d.C. Abbiamo ancora un altro resoconto contemporaneo di uno storico di Costantinopoli (Hamilton e Brooks, 1899, 267), ritenuto Zacharius di Mitilene, che descrive: “Nell’anno 14 [536 dC], il Sole iniziò ad essere oscurato di giorno e la luna di notte … dal 24 marzo di quest’anno fino al 24 giugno dell’anno successivo 15. “Poiché l’attenuazione era meno grave e di durata inferiore, si presume generalmente che l’atmosfera fosse piena di cenere vulcanica o polvere proveniente da questo evento. (Rigby et al., 2004; Larsen et al., 2008), Non c’è dubbio che le emissioni di SO2 dei vulcani producano una tendenza al raffreddamento delle condizioni meteorologiche. Tuttavia, è stato anche dimostrato che c’è un intervallo di tempo tra 6 e 18 mesi che a seconda della varietà di quanto la cenere viene spinta nell’atmosfera. Quindi, ci può essere un effetto ritardato da quando l’eruzione ha effettivamente avuto luogo.

Eppure c’è ancora un’altra teoria che stranamente entra in gioco questo ottobre/novembre. L’argomento è che passiamo attraverso una sezione particolarmente densa del percorso di Meteora dei Tauridi circa ogni 2500 anni e questo ha contribuito alle leggende e ai cambiamenti climatici. Ogni anno ci sono le piogge del South Taurid Meteor, che raggiungeranno il picco tra il 9 e il 10 ottobre per l’emisfero australe e poi nell’emisfero settentrionale, le piogge nordiche dei meteoriti Tauridi del Nord dall’11 al 12 novembre.

Questa immagine ha fornito le basi per storie d’amore e desideri su una stella cadente. Tuttavia, ci sono state intense tempeste di meteoriti che hanno portato a leggende di draghi che combattono nel cielo respirando palle di fuoco l’un l’altro. I documenti storici cinesi del 540AD descrivono: “I draghi combatterono nello stagno del K’uho, spostandosi verso ovest … nei luoghi in cui passarono, tutti gli alberi furono spezzati.” Anche il campione di ghiaccio contiene polvere extraterrestre in questo periodo. Si sostiene che una grande meteora abbia colpito la Terra in questo periodo e questo è ciò che viene descritto come draghi che combattono nel cielo.

L’unica grande meteora conosciuta è quella di Tunguska, che è stata una grande esplosione avvenuta in Russia, la mattina del 30 giugno 1908. L’esplosione ha raso al suolo 770 miglia quadrate (2.000 chilometri quadrati) di foresta. L’esplosione viene classificata come un evento di impatto, anche se non è stato trovato alcun impatto da cratere. Si ritiene che la meteora sia esplosa in cielo e che quindi si sia disintegrata a un’altitudine di 3-6 miglia prima che colpisse effettivamente il suolo. Questo è il più grande evento di impatto sulla Terra nella storia registrata, non nella storia geologica.

Gli impatti meteoritici sono di gran lunga forse tra le forze più distruttive del sistema solare. Si ritiene che tali eventi abbiano provocato estinzioni di massa. Tuttavia, ci sono altri che suggeriscono che potrebbero aver anche consegnato i semi della vita subito dopo la nascita della Terra. Il più antico cratere da impatto sulla Terra è anche il più grande e si trova in Sud Africa. È conosciuto come il Cratere di Vredefort perché era originariamente di 185 miglia di diametro che colpì circa 2,02 miliardi di anni fa (nella foto qui). C’è un altro grande impatto noto come il cratere Chicxulub situato nella penisola dello Yucatan in Messico, che è di 93 miglia di diametro che alcuni sostengono potrebbe aver spazzato via i dinosauri con un’esplosione equivalente all’energia stimata di 10 miliardi di bombe atomiche di Hiroshima che ha avuto luogo circa 66 milioni di anni fa.

Sodom e Gomorrah, che probabilmente si trovano nel Mar Morto, potrebbero essere state distrutte da detriti provenienti da una cometa, suggerendo nuove sorprendenti ricerche archeologiche e astronomiche. Il Mar Morto è famoso per l’estrema salinità (34% di sale, o quasi 10 volte più salato dell’oceano), e per avere l’altitudine più bassa sulla Terra, a 1.407 piedi (429 metri) sotto il livello del mare. Resta il fatto che ci fu una simultanea caduta dell’Antico Regno dell’antico Egitto, la civiltà sumera in Mesopotamia e la civiltà orientante della Valle dell’Indo. In totale, si pensa che circa 40 città siano scomparse, in una serie di catastrofi. Molti astronomi ritengono che la Terra sia stata bombardata da una particolare tempesta di meteoriti nel corso di un paio di secoli ogni 2500 anni. Le ultime due occorrenze erano circa 2200-2000BC e 400-600AD. Parte delle prove è che tre regioni del Medio Oriente contengono tutte un materiale di calcite che si trova solo nelle meteoriti. Sostengono che il racconto biblico trovato in Genesi descrive come “il Signore pioveva su Sodoma e su Gomorra zolfo e fuoco dal Signore fuori dal Cielo” che è una descrizione di una tempesta di meteoriti.

Quando tutto sarà detto e fatto, potremmo essere insignificanti come un ciottolo che giace in fondo all’oceano senza capire cosa si trova sopra le nostre teste.

Fonte: ZeroHedge

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
(14 voti, media: 5,00 su 5)
Loading...