image_pdfimage_print

Di CHRIS MORRISON – 10 Settembre 2022

Pausa globale, plateau o raffreddamento – o, se stai leggendo la narrativa sul clima politico nei media mainstream, ci stiamo dirigendo verso il clima quasi immediato di Thermogeddon? All’inizio di quest’anno, abbiamo pubblicato un grafico che mostra le misurazioni della temperatura satellitari dall’inizio dell’ultima pausa fino a marzo 2022. Indicava una tendenza al raffreddamento globale di 0,14°C al secolo. Dopo altri cinque mesi e la pausa di quasi otto anni si continua, così come il trend di raffreddamento quasi invariato. Dall’apice del 1998, il riscaldamento globale ha esaurito la propria energia. Una pausa da quella data al 2012 circa è stata ora seguita dall’ultima pausa di otto anni, con solo un periodo di due anni e mezzo di lieve riscaldamento.

Non c’è molto raffreddamento, si potrebbe ragionevolmente notare, e stiamo ancora operando con un discreto margine di errore. Ma misurare il cambiamento climatico riguarda le tendenze, non le affermazioni fantasiose e una tantum che l’attività antropica causi le inondazioni del Pakistan durante la stagione dei monsoni o causi ondate di caldo estivo. L’attuale tendenza della temperatura potrebbe essere in discesa e, se continua, le argomentazioni scientifiche a favore di Net Zero semplicemente scompariranno. Questo ovviamente è il motivo per cui non vedrai mai il grafico sopra nei media mainstream.

Pubblicità

Probabilmente non vedrai nemmeno quello qui sopra, anche se è stato compilato dai dati del Met Office. Questo grafico traccia la temperatura media del Regno Unito a partire dal 1880. L’andamento della temperatura non è dissimile dalla maggior parte dei territori popolati dell’emisfero settentrionale. C’è stato un leggero riscaldamento negli ultimi due decenni, principalmente intorno a un’oscillazione naturale molto forte di El Niño nel 2015-16. Ma la curva si è chiaramente appiattita. Infatti, secondo i dati di Met Office, gli anni 2010 sono stati in realtà più freddi nel Regno Unito rispetto agli anni 2000. In passato, la temperatura media è aumentata di circa 0,4°C dal 1910 al 1945, dopo tale data è scesa di circa 0,25°C fino al 1970, per poi mostrare un aumento nei successivi 30 anni di circa 0,7°C. Il rallentamento è iniziato intorno all’inizio del millennio. Durante questi periodi, l’anidride carbonica ha continuato a salire nell’atmosfera.

È possibile da dati e tendenze come questa concludere ragionevolmente che gli esseri umani controllano il clima e stanno causando danni incalcolabili? Danni, ovviamente, a cui si può rimediare solo imponendo un’agenda Net Zero di comando e controllo? Nel recente record di temperatura si cerca invano qualsiasi legame evidente tra numeri in aumento o in calo ed emissioni di CO 2 più elevate. Una simile delusione si riscontra quando vengono fatti tentativi in ​​gran parte della documentazione storica e paleoclimatica.

Prima di morire, Bob Carter, Professore di Scienze della Terra ha affermato che era straordinario che, dato il dispendio di tempo e sforzi dal 1990, nessun effetto antropico sommato al clima fosse mai stato identificato o misurato. “Pertanto il segnale antropico molto probabilmente giace sepolto nella variabilità del sistema climatico naturale”, ha detto. Il Daily Skeptic ha pubblicato molto sui cambiamenti climatici passati, mostrando periodi in cui si sono verificati movimenti bruschi in periodi di tempo molto brevi. Il Professor Carter osserva che rispetto all’antica documentazione sul clima, “le temperature durante il 20° secolo non erano né particolarmente alte né in rapida evoluzione”. Il riscaldamento all’interno del 20° secolo è rientrato “ben all’interno” dei tassi naturali di riscaldamento dell’Olocene, come dimostrato da registrazioni delle carote di ghiaccio di alta qualità, secondo Carter. Un pianeta più caldo o più freddo di quello di oggi è tutt’altro che insolito: “La natura non riconosce nulla di ‘ideale’ nelle temperature della metà del XX secolo”, ha aggiunto.

È difficile promuovere una catastrofe climatica con temperature in aumento, quindi la maggior parte degli sforzi è stata concentrata sulla catastrofizzazione di disastri naturali ed eventi meteorologici “estremi” a evento singolo. Ma gran parte della narrativa è alimentata dai set di dati di superficie, spesso adattati e modellati, che mostrano un riscaldamento recente più elevato rispetto a quelli prodotti dai satelliti. Dal 2013, il Met Office ha apportato due modifiche al suo set di dati globale HadCRUT, aggiungendo il 30% in più di riscaldamento alle temperature recenti. La pausa 1998-2012 non è più visibile nell’ultimo HadCRUT5, nonostante il Met Office lo scriveva nel 2013. Nel suo saggio, il Professor Carter ha attirato l’attenzione sull’effetto misurabile che gli esseri umani hanno sul clima locale causato dalla costruzione di paesi e città che assorbono il calore radiante dal sole. Il riscaldamento locale è noto come effetto del calore urbano ed è evidente in molte delle temperature in aumento riportate dai set di dati di superficie.

Di recente è emerso che un set di dati specializzato, progettato per rimuovere tutte le distorsioni del calore urbano, è stato compilato dal servizio meteorologico americano della NOAA. La US Climate Reference Network (USCRN) mostra poche prove di una tendenza al riscaldamento tra il 2005 e il maggio 2022. Quando la NOAA ha avviato il progetto delle 114 stazioni nel 2005, ha notato che mirava a “una precisione e una continuità superiori nei luoghi in cui l’uso del suolo impatto non probabile nei prossimi cinque decenni”. Forse non sorprende che la NOAA non menzioni mai l’USCRN in nessuno dei suoi rapporti pubblici mensili o annuali sul clima in questi giorni.

Naturalmente, un set di dati di superficie a cui è stato dato un piccolo riscaldamento extra e che è corrotto dall’effetto del calore urbano, può continuare a essere utilizzato per proclamare temperature record continue. Ciò alimenta quelli che sembrano tentativi sempre più disperati di convincere le persone che è probabile che le affermazioni modellate sul clima di un aumento di 3-4°C entro la fine del secolo siano, in assenza di Net Zero. La recente calda estate su gran parte dell’Europa è stata ovviamente mana dal cielo per gli allarmisti climatici. Faceva indubbiamente caldo e i record avrebbero potuto essere battuti. Ma quanto è stato caldo in termini storici recenti? È stata registrata una temperatura elevata di oltre 40 ° C alla RAF Coningsby, a pochi metri dalle piste utilizzate da uno squadrone di caccia Typhoon dopo la combustione. Ed è stato replicato a Heathrow, un altro aeroporto.

Ma le temperature individuali, per quanto alte o basse, non sono la prova di cambiamenti climatici a lungo termine. Paul Homewood ha compilato questo grafico dal record di temperatura continua più lungo al mondo: la serie di temperature dell’Inghilterra centrale.

Secondo i calcoli di Homewood, nel 1976 faceva molto più caldo che nel 2022. In effetti era più caldo nel 1826 e nel 2018, e quest’estate non era più calda del 1995 e del 2006.

Se guardiamo indietro nel record paleoclimatico, saremmo destinati a trovare innumerevoli estati che sono state più calde del 2022. Qualcosa da considerare quando la prossima volta vedrai “mai” appiccicato a un rapporto dei media che promuove un’altra catastrofe climatica.

Chris Morrison è il redattore ambientale del Daily Skeptic.

Fonte : DailySceptic

Pubblicità