image_pdfimage_print

Di Eric Worrall – 25 Febbraio 2022

Gli accademici australiani suggeriscono che la necessità di allontanare l’Europa dal gas russo inaffidabile potrebbe portare a un lancio più rapido della rivoluzione verde.

L’invasione russa dell’Ucraina spingerà l’Europa verso l’indipendenza energetica e una più rapida decarbonizzazione?

Pubblicato: 25 febbraio 2022 16:22 AEDT
Ellie Martus
Lecturer in Public Policy, School of Government and International Relations, Griffith University
Susan Harris Rimmer
Professore e Direttore del Policy Innovation Hub, Griffith Business School, Griffith University

Nel 1973, il boom mondiale del dopoguerra ha colpito le rocce. I produttori di petrolio hanno limitato l’offerta, facendo salire i prezzi alle stelle. All’indomani  di questo shock petrolifero, nazioni come l’America iniziarono a cercare l’indipendenza energetica. 

Nel 2022, potremmo benissimo vedere la storia ripetersi, mentre si svolge l’invasione russa dell’Ucraina. 

Come mai? Le principali nazioni europee come la Germania si sono rivolte al gas russo per colmare il divario tra il ritiro delle centrali a carbone, l’abbandono dell’energia nucleare dopo il disastro di Fukushima e il punto in cui le energie rinnovabili e lo stoccaggio a emissioni zero possono fungere da pieno sostituto.

Questo accelererà il passaggio alle rinnovabili?

È stato solo a gennaio che il nuovo ministro tedesco del clima e dell’economia ha annunciato nuove importanti misure per accelerare il rallentamento del lancio delle rinnovabili nella sua nazione e l’industria energetica con energia pulita. 

E adesso? Riteniamo che la crisi abbia il potenziale per accelerare la tendenza dell’Europa verso le energie rinnovabili, poiché cerca di ridurre la sua dipendenza dal gas russo.

Potremmo assistere a maggiori sforzi per passare alla generazione rinnovabile interdipendente, come i proposti parchi eolici offshore destinati ad essere condivisi da più nazioni europee.

Ma questo non è garantito. A breve, c’è un enorme rischio che la crisi in Ucraina focalizzi l’attenzione sulla sicurezza energetica a scapito della decarbonizzazione. 

Potremmo assistere a un ritorno all’energia a carbone. Paesi come la Germania potrebbero anche essere costretti a ripensare o ritardare la loro graduale eliminazione nucleare.

Altri importanti esportatori di combustibili fossili come l’Australia si stanno già mettendo in fila per colmare eventuali lacune nei mercati europei.

Questa è una battuta d’arresto per gli sforzi internazionali sul clima, dato il ruolo della Russia come uno dei primi cinque emettitori di gas serra al mondo.

La distruzione sfrenata dell’ambiente è un crimine di guerra, alla pari del prendere di mira la popolazione civile e la distruzione del patrimonio culturale. Nel 2020 la Croce Rossa ha emanato linee guida per la protezione dell’ambiente in tempo di guerra. 

Per saperne di più: https://theconversation.com/will-russias-invasion-of-ukraine-push-europe-towards-energy-independence-and-faster-decarbonisation-177914

Almeno hanno ammesso che le rinnovabili non sono un percorso facile per la sicurezza energetica. Ma che mancanza di prospettiva.

Pubblicità

Ho un amico ucraino che ha familiari e amici sulla linea di tiro dell’invasione. Le persone vere stanno soffrendo. Eppure questi accademici ossessionati dal clima pensano che sia importante se l’Europa bruci un po’ di carbone quest’inverno per mantenere le luci accese, e sembrano persino credere che la “distruzione ambientale”, demolire alcuni alberi con un carro armato, sia “alla pari” dell’omicidio civili.

Fonte: WUWT

Pubblicità