image_pdfimage_print

Di Lynn Woolley

Quando ci pensi, questo ha perfettamente senso.

La sinistra ci dice che la maggior parte dei geo-scienziati crede che il riscaldamento globale sia reale e che sia causato dagli esseri umani. Questo potrebbe essere veritiero in misura minore. Ma qual è la verità dopo aver intervistato tutti gli scienziati del clima per cercare di capire quanto sul serio prendono questa minaccia?

Pubblicità

Gli studi organizzati peer-reviewed lo hanno fatto nel 2013, con risultati sorprendenti.

Sì, praticamente tutti credono nel riscaldamento globale.

Alcuni di loro credono sia un evento naturale. Altri ritengono che gli esseri umani siano in minima parte responsabili, mentre la maggior parte crede che non vi sia alcun rischio significativo per la popolazione.

Il sondaggio ha individuato quattro distinti gruppi di scienziati. Un gruppo afferma che il 36% credono di essere in pericolo. Questo ci dice che dall’altra parte rimane il 64% che crede che non vi sia alcun pericolo per l’essere umano. Ciò porta la rivista Forbes alla conclusione che, dopo tutto, potrebbe esserci un consenso.

Questa intervista di Forbes risale al 13 febbraio 2013. Ed è incredibile come nessuno se ne sia interessato quando è uscito.

Se diamo uno sguardo più attento, questa indagine rivela alcuni atteggiamenti sorprendenti tra gli scienziati.

Dato che il clima è una funzione del sole e degli oceani – e poiché il clima cambia sulla Terra da millenni, è sempre apparso quantomeno strano che fino al 90% di quelli che vengono definiti scienziati del clima fossero all’interno della categoria “allarmisti”. La percentuale di “scrittori di scienza” che aderiscono a questa pazza teoria è probabilmente più vicina al 100%.

Seth Borenstein

L’Associated Press ha diversi scrittori che spingono in direzione verso il riscaldamento globale, ma nessuno è più allarmante di Seth Borenstein che ne fa un grande affare ad ogni piccolo studio che confermi le sue opinioni – insieme ad ogni millesimo di aumento di grado delle temperature medie.

Però non ho mai visto un articolo di Borenstein su questo studio.

Le informazioni provengono da un articolo di Forbes Magazine scritto da James Taylor , presidente della Spark of Freedom Foundation. Taylor scrive che attualmente è chiaro che potrebbe esserci un consenso tra gli scienziati del clima sul fatto che non vi sia alcun pericolo a causa del riscaldamento globale.

Una forte maggioranza di questi 1.077 intervistati ritiene che il riscaldamento globale sia attualmente che in un prossimo futuro non sarà un grosso problema. Com’è possibile dopo ciò che ci è stato detto per decenni e cosa viene costantemente riportato da Borenstein? È facile! I dettagli sono nella ripartizione.

Geo-scienziati in percentuale.

Ricorda, questo studio è peer-reviewed. Oltre a ciò, è logico. Non è mai stata una sensazione sensata che visivamente TUTTI gli scienziati siano a un passo dallo scenario “moriremo tutti”. Diamo un’occhiata a come lo studio rompe gli atteggiamenti di questi scienziati:

I delegati hanno celebrato l’adozione del protocollo nel 1997.

GRUPPO 1: “Rispetta Kyoto” 36%.

Questo è il gruppo più numeroso ed è il gruppo che cita Borenstein e la sua band di allegri allarmisti. Rappresenta il punto di vista stereotipato di sinistra. Esso sostiene che il cambiamento climatico è reale, è serio, gli orsi polari stanno morendo e gli umani sono da biasimare.

GRUPPO 2: “La natura è travolgente” 24%.

Questi scienziati ritengono che i cambiamenti climatici avvengano naturalmente come parte del ciclo terrestre. Vedono poco in termini di rischio pubblico e impatto zero sulle loro vite personali.

GRUPPO 3: “Fatalisti” 17%.

Questo gruppo afferma che sia la natura che gli esseri umani sono la causa dei cambiamenti climatici. Vedono alcuni rischi pubblici ma non molto e prevedono un impatto minimo sulle loro vite personali. Non concordano sul fatto che i modelli IPCC (International Panel on Climate Change) sia risolta, ma vedono invece un bias nei modelli.

GRUPPO 4: “Responsabilità economica” 10%.

Questi scienziati diagnosticano che il cambiamento climatico è causato da cause naturali o umane, ma, soprattutto, credono che la causa “reale” del cambiamento climatico sia sconosciuta. Hanno risposto che la natura cambia da sempre e non può essere controllata. Per quanto riguarda il pericolo imminente di riscaldamento globale, non lo vedono. Non vedono alcun effetto sulle loro vite personali. Non accettano i modelli IPCC come stabiliti. Sono preoccupati che il Protocollo di Kyoto e altre normative sul clima possano influire negativamente sull’economia.

GRUPPO 5: “Attivisti regolatori” 5%.

Questo gruppo crede che i cambiamenti climatici siano sia umani che naturali e che vi sia un rischio pubblico “moderato”. Per quanto riguarda le loro vite personali, vedono un leggero impatto. Sono scettici riguardo al dibattito scientifico in via di definizione e per quanto riguarda i modelli IPCC.

Che cosa significa questo sondaggio per l’idea di “scienza risolta” sul cambiamento climatico?

Supponendo che questo sondaggio sia accurato – e ha un alone di verità per gli scettici come me – significa che meno della metà dei geo-scienziati sono in sincronia con Seth Borenstein dell’AP e altri che vogliono ridistribuire la ricchezza, e le tasse potrebbero diminuire il Riscaldamento Globale.

Nella sua rubrica, Taylor sottolinea che le persone che hanno condotto il sondaggio sono essi stessi allarmisti che hanno usato termini come “negazionista” per descrivere qualsiasi scienziato che fosse scettico. Hanno fatto riferimento ad alcuni scienziati come “parlando contro la scienza del clima”. Quindi sembra esserci stato un pregiudizio incorporato contro gli scettici – e tuttavia hanno rivelato che il 64% degli intervistati ritiene che la scienza non sia risolta e che, in effetti, la minaccia è lieve o inesistente.

A loro credito, non hanno annullato il sondaggio.

Sembra che gli scienziati del clima non siano affatto una sola mente dopo tutto.

Se esiste un consenso, sembra che il riscaldamento globale si verifichi in una certa misura, ma non influenzerà il pianeta più di tanto. Quindi ha più senso adattarsi e concentrarsi su aria pulita e acqua pulita – piuttosto che ridistribuire la ricchezza ai paesi in via di sviluppo, come vuole la sinistra.

Tutto sommato, sembra che gli scienziati siano più intelligenti di quanto pensassimo.

Fonte: WB Daily

Pubblicità