19 agosto 2018 - 20:00 pm Pubblicato da
image_pdfimage_print

Di Frank Bosse e Fritz Vahrenholt – 31 luglio 2018

Il sole è rimasto anche nel mese di giugno solo mediamente attivo. L’SSN medio mensile segnalato (per SunSpotNumber) è risultato di 15,9 raggiungendo appena il 50% della media per il mese 115 di tutti i 23 cicli solari che sono stati sistematicamente osservati fino a questo momento.

Inoltre, 9 giorni del mese di giugno, il sole è rimasto completamente senza macchie solari e l’attività è stata esclusivamente a carico dell’emisfero nord del sole. L’emisfero sud sembra sia entrato in un minimo molto profondo. Al momento in cui questo rapporto è stato compilato nel mese di luglio, il sole è rimasto spotless per ben 24 giorni consecutivi, sicuramente non atipici per un livello di attività minima pronunciata.

Fig.1: Il ciclo corrente 24 (colore rosso) da dicembre 2008 rispetto al ciclo intermedio di tutti i 23 cicli passati (blu) e il ciclo 5 (nero), che è stato abbastanza simile per lunghi periodi.

In Fig. 1 è facile osservare che anche il ciclo 5 aveva già mesi completamente privi di macchie (SSN = 0) in questo periodo del ciclo e i punti fermi dovevano essere osservati in seguito. Quindi questo non è inusuale e non vale i titoli dei media tabloid.

Come abbiamo segnalato alcuni mesi fa, i campi solari polari si stanno evolvendo, quindi è molto probabile prevedere un ciclo di follow-up altrettanto debole. Potrebbe essere leggermente più forte di quello che è ora in scadenza, ma una forza media come il Ciclo 23 (maggio 1996-novembre 2008) non è previsto.

Fig. 2: I cicli precedentemente osservati sistematicamente dal 1755 a confronto. L’attività viene calcolata sommando le differenze mensili dell’SSN in un ciclo medio (blu nella figura 1) per ciclo.

Molto probabilmente la fase di bassa attività della nostra stella continuerà. Potremmo sperimentare un minimo molto lungo, quindi con il vento solare molto basso per un periodo relativamente lungo. Di conseguenza, anche la radiazione dei Raggi Cosmici Galattici (RCG) interesserà sempre più la Terra. I RCG sono stati registrati da stazioni di misurazione per decenni, ecco i dati raccolti dalla Finlandia:

Fig.3: I dati mensili dei conteggi di neutroni a Oulu. Fonte.

Si può vedere molto chiaramente come i minimi tra la fine degli anni sessanta e gli anni novanta sono risultati più profondi a causa dei forti massimi solari e da allora sono diminuiti di nuovo. Come risultato dell’ultimo minimo solare, le radiazioni hanno raggiunto livelli elevati già nel 2007 e non sono scesi molto a causa del ciclo debole tra il 2010 e oggi. Stiamo ancora discutendo gli effetti di lunghi periodi di alta radiazione galattica sul clima e altri fattori ambientali, stiamo assistendo a una sperimentazione sul campo senza precedenti a causa della bassa attività a lungo termine del nostro Sole.

Fonte: Die Kalte Sonne

 

Attività Solare

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
(11 voti, media: 4,91 su 5)
Loading...