image_pdfimage_print

Di TW – 12 Gennaio 2019 

Il Polo Nord Magnetico della Terra sta rapidamente migrando verso la Siberia, costringendo gli esperti di geomagnetismo del mondo ad aggiornare il World Magnetic Model (WMM) prima del previsto per la prima volta. La versione più recente del modello è uscita nel 2015 e avrebbe dovuto durare fino al 2020.

I modelli del campo geomagnetico di riferimento come il World Magnetic Model (WMM) e il campo di riferimento geomagnetico internazionale (IGRF) sono utilizzati in una vasta gamma di applicazioni, tra cui la navigazione aerea e navale e sono incorporati in miliardi di dispositivi elettronici portatili, Arnaud Chulliat, un geomagnetista all’Università del Colorado Boulder e NOAA NCEI hanno scritto in un abstract della sua presentazione al Fall Meeting di AGU tenutosi a Washington DC, dal 14 al 20 dicembre 2018.

Pubblicità

Poiché il campo magnetico principale cambia lentamente nel tempo, questi modelli vengono regolarmente aggiornati, in genere ogni cinque anni.

“All’inizio del 2018, come parte della nostra valutazione periodica del MMM, abbiamo scoperto che il modello superava le sue specifiche per la declinazione solo di tre anni nel ciclo WMM quinquennale”, scrive Chulliat.

È la prima volta, da quando il campo geomagnetico è stato esaminato dai dati satellitari in bassa orbita terrestre, che le non-linearità nelle variazioni del campo portano a una violazione delle specifiche del WMM così anticipato nel ciclo.

“Abbiamo studiato questa anomalia e abbiamo trovato la causa nell’effetto combinato di un impulso di accelerazione geomagnetica globale verificatosi nel 2015-2016 e il campo magnetico in rapido cambiamento nell’area nord polare”, ha affermato.



Credito immagine: World Data Center for Geomagnetism / Kyoto University

Al contrario, lo spostamento del Polo Sud Magnetico è molto lento (meno di 10 km/6,2 miglia all’anno) e non è cambiata molto negli ultimi decenni, quindi ha fornito un contributo molto minore all’errore di declinazione del modello complessivo.


Credito immagine: World Data Center for Geomagnetism / Kyoto University

“L’errore aumenta sempre”, ha detto Chulliat, come riportato da Alexandra Witze in un articolo pubblicato di recente su Nature. “Il problema sta in parte con il polo mobile e in parte con altri spostamenti in profondità all’interno del pianeta, spiega.”

La risposta a ciò che sta accadendo è duplice, ha detto Chulliat.

Innanzitutto, l’impulso geomagnetico del 2016 al di sotto del Sud America è arrivato nel peggior momento possibile, subito dopo l’aggiornamento del 2015 al World Magnetic Model. Ciò significava che il campo magnetico aveva oscillato subito dopo l’ultimo aggiornamento, oscillazione che non era stata prevista.

In secondo luogo, il moto del Polo Nord Magnetico ha peggiorato il problema. Il polo vaga in modo imprevedibile che hanno affascinato esploratori e scienziati da quando James Clark Ross lo ha misurato per la prima volta nel 1831 nell’Artico canadese. A metà degli anni ’90 ha guadagnato velocità, da circa 15 km (9,3 miglia) all’anno a circa 55 km (34 miglia) all’anno. Nel 2001 era entrato nell’Oceano Artico – dove, nel 2007, una squadra che includeva Chulliat che sbarcò con un aeroplano sul ghiaccio marino nel tentativo di localizzare il polo.

Il polo ha attraversato l’International Date Line nell’emisfero orientale nel 2018 e ora corre verso la Siberia.

Cosa significa?

Alcuni scienziati ritengono che questa rapida migrazione sia uno dei segni dell’inversione geomagnetica della Terra.

“Il campo magnetico si trova in uno stato permanente di flusso: vagabondaggi magnetici del nord e ogni centomila anni la polarità si inverte in modo che una bussola punti verso sud anziché nord”, ha scritto l’ESA il 21 marzo 2017 in un articolo intitolato “Unraveling”. Campo magnetico terrestre’.

Poiché i poli magnetici si spostano avanti e indietro nel tempo, i minerali solidificati formano “strisce” sul fondo del mare e forniscono una registrazione della storia magnetica della Terra.

Una mappa prodotta dalla costellazione di satelliti Swarm ci ha fornito una visione globale senza precedenti delle strisce magnetiche associate alla tettonica delle placche riflessa nelle creste oceaniche degli oceani.

“Queste strisce magnetiche sono la dimostrazione di inversioni dei poli e l’analisi delle impronte magnetiche del fondo oceanico consente la ricostruzione dei cambiamenti del passato nucleo di campo e aiutano anche a studiare i movimenti delle placche tettoniche”, ha riferito Dhananjay Ravat dell’Università del Kentucky negli Stati Uniti.

Ci sono stati 183 inversioni negli ultimi 83 milioni di anni. L’ultima inversione stabile, l’inversione di Brunhes-Matuyama, avvenuta 780.000 anni fa, e potrebbe essere avvenuta molto rapidamente, in una vita umana, un gruppo di scienziati ha riportato in uno studio pubblicato nel 2014 e pubblicato dalla Oxford University Press per conto di The Royal Astronomical Society.

Un tale evento potrebbe lasciare la Terra con un campo magnetico sostanzialmente ridotto per un periodo di tempo sconosciuto, esponendo il nostro pianeta a effetti pericolosi dal Sole. Se si fosse verificato oggigiorno onnipresente energia elettrica e comunicazioni interconnesse globali, un campo magnetico ridotto potrebbe costarci trilioni di dollari, ha scritto tempo fa Deborah Byrd di EarthSky.

“Alcuni geologi sostengono che la Terra è in ritardo di un’inversione e potrebbe addirittura entrare in una di queste, dal momento che il campo geomagnetico si sta indebolendo dagli ultimi 150 anni o più”, ha scritto Alexandra Witze nel 2010.

Featured image: World Data Center for Geomagnetism/Kyoto University

Fonte: The Watchers

Pubblicità