image_pdfimage_print

Traduzione e introduzione di Giovanni Tessicini

(Tratto dall’articolo di Barbara Harriss “The Theodulpass: a history”)

In questo articolo sono riportati dei dati storici tratti da varie fonti dell’epoca, che ci fanno capire quanto il clima sia cambiato in passato per cause naturali. Queste prove ci indicano anche che la temperatura sulle Alpi ha toccato livelli ben più alti di quelli attuali, quando i valori di CO2 erano molto inferiori a quelli che abbiamo adesso.

Il Passo del Teodulo: una storia

di Barbara Harriss

Sono tentata di aggiungere “sulle orme del maestro”, perché fu nientemeno che il reverendo W.A.B. Coolidge a fornire per primo (in “Alpine Studies” del 1912) una meticolosa cronologia di riferimenti sul Passo del Teodulo. Coolidge, tuttavia, seguì l’approccio di un cronista; inoltre, molto più materiale è giunto alla luce da quella pubblicazione, per cui, dopo sessant’anni, vale la pena riconsiderare la storia del passo, il punto più basso dello spartiacque Pennino tra Zermatt e Breuil-Cervinia, modesto ghiacciaio vicino al Cervino e Breithorn e collegamento tra il Vallese, il cantone più esteso ed eterogeneo dell’attuale Federazione Svizzera, e Aosta, la provincia semiautonoma d’Italia.

I primi tempi

Pubblicità

La preistoria ha lasciato scarse reliquie per i posteri, ma un caso abbastanza plausibile è stato presentato dagli archeologi, utilizzando prove di tombe in pietra neolitiche e pietre scavate nelle valli laterali su entrambi i lati delle Alpi Pennine, che il Vallese fu inizialmente abitato da agricoltori sedentari. Si infiltrarono a nord oltre i colli, in particolare il Passo del Teodulo, le cui vie di accesso non erano così difficili come, ad esempio, la gola di Gondo del Sempione, ed espulsero, o coesistettero con i pochi cacciatori già presenti. Ma questa è la somma delle nostre conoscenze.

I documenti scritti romani sono scarsi, circostanziali e descrivono eventi eccezionali come la missione di pacificazione di Sergio Galba per contenere le razzie vallesane e la costruzione, sotto Cesare Augusto, di una mulattiera nella Valtournanche fino al passo per rafforzare la fedeltà della Vispertal e favorire le comunicazioni. Nessuna prova materiale rimane per nessuno dei due eventi, tranne il celebre ritrovamento di monete romane che erano, ahimè, tra le altre del XVII secolo e sono giustamente screditate da Coolidge.

Nessuna evidenza non significa evidenza negativa e tenendo presente che il nome originario della Valtournanche era “Augsttal” e che quello del Passo del Teodulo  era “Augstpass”, oltre al fatto che un riscaldamento del clima aveva spogliato il passo del suo ghiacciaio, è probabile che il passo fu frequentato su scala ridotta dall’età augustea fino al medioevo.

Antico Medioevo

Non c’è dubbio che tra il 1100 d.C. e il 1400 d.C. il clima del Vallese era più caldo di quello attuale. A Findelen ci sono resti di noci medievali e il toponimo “In Der Reben” sopra Zermatt mostra che i popoli germanici coltivavano la vite a un’altitudine di 2100 metri. Il passo del Teodulo era privo di neve permanente e al colle si incontravano gli alpeggi di Zermatt e Valtournanche. L’analisi dei pollini ha posto l’optimum al 1280-1380 d.C. ; fu probabilmente il più grande ritiro dei ghiacciai dall’ultimo periodo glaciale e segnò sicuramente il prolungamento più diffuso delle mulattiere che collegavano le principali valli laterali delle Alpi Pennine.

La prima unità ecclesiastica e politica tra il Vallese e Aosta, entrambi facenti parte della provincia della Tarentasia, aveva stimolato l’uso del passo. Trattati duecenteschi firmati tra i vescovi di Sion e Aosta per favorire il movimento delle merci esistono ancora, ma poco sappiamo della natura di queste merci. Il curato Ruden di Zermatt scriveva nel 1869 della tradizione locale che nel medioevo si impadronivano delle capre e dei panni, mentre da Aosta si importavano mais, riso e vino e distribuiti con carovane di mulattiere fino a Briga. Briga a quel tempo era un punto di sosta per i mercanti alle pendici settentrionali del passo del Sempione. Il commercio di vino attraverso il Passo del Teodulo ha quindi gareggiato con successo con quello attraverso il Sempione.

Non solo le merci, ma anche le persone erano in movimento. Il Vescovo di Sion e l’Abate di San Maurizio, detentori di terre ad Aosta, persuasero o ordinarono a gruppi di Walser di lingua tedesca dell’Alto Alais di attraversare i valichi inferiori, per colonizzare e rafforzare l’unità ecclesiastica e politica a sud dello spartiacque, ad Ayas e Gressoney. Documenti dal 600 d.C. al 1250 d.C. circa datano il movimento. Poche persone sono state coinvolte e si sono integrate pacificamente. Tuttavia, i movimenti meridionali furono solo una parte di un’espansione su larga scala, in parte spontanea, in parte forzata, di persone dal Canton Vallese verso l’esterno nell’Oberland bernese e nelle Alpi Pennine.

Perché le migrazioni? Ovviamente c’è stato un aumento della popolazione rispetto alle risorse, ma se questo abbia causato la migrazione o sia stato un risultato è un problema di uova e galline. Carestia e peste potrebbero aver influenzato la decisione dei Walser, potrebbero esserci stati scambi di merci attraverso il Passo del Teodulo in anni di abbondanza e scambi di coloni profughi nei momenti di bisogno. Una volta stabilitisi nel sud, i Walser continuarono a gestire il commercio, pubblicizzando merci a Berna e in altri mercati della Svizzera settentrionale e acquisendo una reputazione discredita. Comunque, hanno avuto un effetto permanente sui toponimi, su dialetto, abbigliamento, costume e architettura delle alte valli italiane fino alla politica di italianizzazione di Mussolini negli anni ’30.

Tardo Medioevo

Le nostre prime descrizioni accurate del passo risalgono al XVI secolo. È chiaro che tra il 1300 e il 1500 il clima si era raffreddato e il passo del Teodulo era nuovamente occupato da un ghiacciaio. Nel 1528 lo storico svizzero Aegidius Tschudi di Glarus chiamò il passo “Der Gletscher (Il Ghiacciaio)” perché “Sulla sua cresta si estende per lo spazio di quattro miglia italiane una grande distesa di ghiaccio che non si scioglie né scompare mai.”, e altri scrittori contemporanei lo confermano. Ma il ghiaccio non era ancora un ostacolo alla comunicazione. Tschudi ricorda che d’estate non presentava difficoltà né a cavallo né a uomo, sebbene altri menzionino scomode traversate invernali. Tuttavia, le guide potevano essere assunte e il Passo del Teodulo era ancora secondo per importanza al Gran San Bernardo.

Le valli di montagna avevano economie prospere e variegate. Le differenze climatiche locali a nord e a sud del passo portarono alla continuazione dello scambio medievale di vacche brune vallesane con vino d’Aosta. I buoi venivano venduti anche allo zoccolo d’Italia e le pecore attraversavano il passo in autunno per mancanza di pascolo a nord. La lana lavorata andava a sud dai telai di Stalden, St Niklaus e Zermatt, insieme a pelli e pellami, e sebbene la viticoltura si estendesse fino a Briga solo nel XVI secolo, i mercanti di Zermatt trovarono più vantaggioso importare dal sud, dove i prezzi all’ingrosso erano più bassi. Il sale serviva per il consumo e anche per la conservazione della carne, e il passo del Teodulo si trovava su una delle maggiori vie del sale transalpine. Non ci sono riferimenti ad un mercato o fiera di grande prestigio nel Vallese, ma ne esisteva uno importante ad Aosta ed era qui che anticamente si acquistava il sale per il Vallese. L’intera regione Pennina è nel perimetro di vari mercati dei produttori di sale e la concorrenza tra mercanti pugliesi, ciprioti, cretesi, siciliani, camarghesi e tirolesi, portò a prezzi favorevoli per il Vallese, tanto che dal 1560 al 1581 Aosta imponeva una tassa ai mercanti che trasportavano il loro sale su muli attraverso il passo. Infine, grandi quantità di cibo – “formaggio ben stagionato, burro fresco, grano, avena, manzo e vitello” – dovevano essere portate in fretta attraverso il passo del Teodulo per sostenere i reggimenti che passavano per Aosta durante le guerre di Savoia. Il commercio in entrambe le direzioni era in gran parte nelle mani dei sindacati di Zermatt e St. Niklaus, i quali controllavano le merci e addebitavano pedaggi di trasporto.

È certo che il Passo del Teodulo era sufficientemente frequentato da essere una delle principali vie di trasmissione della peste dal nord Europa al Mediterraneo. Si sa che sul valico erano appostate periodicamente delle guardie aostane per impedire l’attraversamento dei mercanti, ed esiste un discreto numero di documenti tra il 1564 e il 1629 che parlano di controlli della peste ai commercianti della Vispertal. La più grande pestilenza raggiunse il Vallese da nord nel 1628 e Aosta nel 1629.

Rimase senza sosta fino al 1631 e dimezzò la popolazione di questi Stati. Per un certo periodo il Vallese ha esportato grano attraverso il passo nell’assediata Aosta, ma la mancanza di manodopera ha portato al degrado dei terreni e al deterioramento del sistema di irrigazione proveniente dall’acqua di disgelo e dei canali di alimentazione ai prati alpini terrazzati. Le economie interdipendenti erano in un temporaneo collasso.

1635-85

Non solo la peste e la guerra ostacolavano l’uso del passo, ma anche il ghiaccio. Il Col d’Herens, di nuovo ghiacciato nel 1666, divenne troppo difficile da percorrere per il giorno del pellegrinaggio annuale da Zermatt a Sion. Ad Alpelline, due parrocchie si fusero insieme a causa della loro lontananza e del ghiaccio invadente. In seguito, dal 1622, i vescovi si lamentarono dello stato del ghiaccio e del tempo inclemente, ma poterono fare ben poco e il ghiacciaio del Gomer avanzò per coprire e distruggere una delle alpi di Zermatt. Studi sul polline e sull’attività glaciale nel massiccio del Monte Bianco ha fissato la data della massima invasione di pianura da parte del ghiaccio dal 1620 al 1645. Allo stesso tempo, gli sviluppi nella costruzione di strade avevano migliorato gli accessi al Sempione e al Gran San Bernardo ed è probabile che tutti tranne i mercanti che utilizzavano “scarponi di ferro muniti di punte aguzze”, abbandonarono i passi minori.

1685-1800

Dopo la “piccola era glaciale” ci fu un breve ritiro e una ri-colonizzazione di prati, foreste e sentieri, come registrano le prime mappe con notevole imprecisione.

Un ghiacciaio “largo da tre a quattro leghe” rimase sul passo ma i crepacci continuarono ad essere permanentemente attraversati per mezzo di tronchi d’albero. Tuttavia verso la fine del diciottesimo secolo De Saussure notò dall’opinione locale che ancora una volta i ghiacciai fossero in avanzata.

Nel corso del Settecento, in seguito alla grande peste, la popolazione si era ripresa a metà e si era ristabilita la tradizionale economia bilaterale.

Ma ci sono prove di un calo della domanda di vino ad Aosta e di un cambio di coltivazione verso il mais, che poi scarseggia. Allo stesso tempo, uno per uno, sono arrivati una serie di nuovi utenti del passo che giustamente si può affermare che abbiano rivoluzionato l’intera area.

XIX secolo

All’inizio si trattava principalmente di geologi, geometri, botanici e pittori, tra i quali spiccano scrittori molto articolati. Gli alpinisti hanno trovato l’estensione del ghiaccio sul colle quasi il contrario di una barriera. Da vari resoconti il ​​ghiaccio sembra essere aumentato secondo un generale raffreddamento climatico, fino al 1850 circa, quando ancora una volta iniziò a ridursi.

Dal 1833 in poi un sentiero attraverso il ghiacciaio fu segnalato con paletti. Nel ghiaccio del colle venivano conservate merci deperibili di spedizioni locali, per essere raccolte dagli abitanti di una delle due valli. Mentre il Vallese faceva parte dell’impero napoleonico, c’era un commercio ben organizzato di mussole e tessuti britannici di contrabbando. Nel 1869 il commercio tradizionale era praticamente cessato. Sembra che l’avanzata glaciale abbia accentuato il declino dei percorsi attraverso i passi del Sempione e del Gran San Bernardo, i quali erano stati avviati in precedenza dal miglioramento napoleonico, che da allora in poi hanno fatto da sifone al commercio, e anche dall’estensione della coltivazione della vite nel Vispertale.

Il ‘Matterjoch’, invece, era ora più frequentemente attraversato dai turisti. Whymper ha ricordato i turisti in “bande e branchi” che attraversavano il Passo del Teódulo, e Malkin lo ha soprannominato un luogo popolare per “principianti e signore”, quest’ultimi cavalcavano o venivano portati su carrozze o occasionalmente andavano a piedi. La fornitura di guide e alloggi per turisti e alpinisti ha alterato l’economia di Zermatt tanto quanto ha alterato la sua società, e per questo si deve ringraziare tanto la sua accessibilità per ferrovia al viaggiatore inglese quanto la sua vicinanza al Cervino. Le guide erano inizialmente pastori part-time e spesso sorprendentemente incompetenti, ma impararono presto ad apprezzare sia i loro compensi che le tecniche dell’alpinismo. E sia il parroco che il medico alla fine rinunciarono al compito di provvedere vitto e alloggio ai dodici visitatori all’anno a favore dell’Hotel Monte Rosa; subito dopo è cresciuta la catena dell’hotel Seiler. L’effetto di diffusione dell’industria turistica si estese al passo stesso, poiché un rifugio per il bestiame fu convertito nel 1865 in un osservatorio/locanda rifornito da Breuil in Valtournanche.

XX secolo

Più persone che mai attraversano il Passo del Teodulo in passato, anche se ancora una volta le ragioni sono cambiate. L’alpinista non è più il fulcro dell’attività sul colle, anche se i rifugi del Teodulo, costruiti nel 1927, possono ospitarne sessantacinque. Anche il contrabbando, un’attività importante e apertamente organizzata durante la seconda guerra mondiale, quando gruppi di dieci italiani portavano a Zermatt carichi di 30-40 chili di riso e burro in cambio di zaini di tabacco e sigarette, è in gran parte cessato.

Il passo fu utilizzato per scopi strategici e militari durante le guerre mondiali, in particolare dopo la caduta di Mussolini nel 1943, quando centinaia di prigionieri fuggirono dagli accampamenti P.O.W. (Prisoner of War) a nord principalmente attraverso i laghi italiani. Si dice che circa 1600 siano passati attraverso i passi. Le pattuglie svizzere occuparono Testa Grigia prospiciente il passo del Teódulo e vegliarono sul Lysjoch e sul Felikjoch, paradossalmente prediletti per la fuga a causa della loro lontananza e pericolosità.

Attualmente al passo risiedono stabilmente diciotto italiani, presidiando la frazione sciistica di sei palazzine a Testa Grigia; mentre ad ovest attraverso il passo si trova il rifugio del C.A.I. utilizzato principalmente come base per i tentativi sul Breithorn e sul Piccolo Cervino.

Gran parte della crescita dell’attività nel comprensorio è dovuta allo sci, oggi di grande importanza, che prosegue per tutta l’estate sul passo stesso. Le gare iniziarono sul ghiacciaio del Teodulo negli anni ’20 e gli hotel di Zermatt aprirono per la stagione invernale dal 1927. Mussolini a sud incoraggiò la costruzione da Breuil a Testa Grigia di una teleferica a tre stadi, terminata nel 1938; e ora si può viaggiare da Zermatt a Breuil con una combinazione di funivia e skilift in circa un’ora. La ristorazione per le masse potrebbe completare la storia, ma di certo sminuisce la gelida grandezza del luogo.

Fonte originale

Pubblicità