19 gennaio 2018 - 14:00 pm Pubblicato da

18.01.2018

Ambientalismo: un nuovo studio pubblicato sulla prestigiosa rivista Nature rileva che tutti gli scenari catastrofici causati dal riscaldamento globale non sono credibili. 

Lo studio, pubblicato giovedì scorso, rileva che se la CO2 nell’atmosfera dovesse raddoppiare, le temperature globali salirebbero al massimo di 3,4 gradi Celsius. Questo risulta molto al di sotto di ciò che l’ONU ripete da decenni, vale a dire che le temperature saliranno fino a 4,5 gradi, con possibilità fino a 6 gradi.

Fondamentalmente, gli scienziati coinvolti nello studio su Nature hanno scoperto che il pianeta è meno sensibile ai cambiamenti nei livelli di CO2 di quanto si pensasse in precedenza. Ciò significa che gli aumenti di temperatura previsti sono troppo alti.

Naturalmente questo è solo uno studio, ma supporta pienamente la discordia che gli scettici climatici stanno facendo da anni – e cioè che i modelli climatici utilizzati che ne hanno previsto un riscaldamento futuro hanno esagerato l’impatto della CO2, evidenziato in parte dal fatto che il pianeta non si è scaldato tanto quanto i modelli hanno previsto.

Perché questo è importante? Perché tutte quelle storie dell’orrore raccontate negli ultimi decenni si basano su previsioni di aumenti di temperatura che sono molto al di sopra di 3,4°C.

Una serie del National Geographic del 2008, per citarne solo un esempio, sosteneva che gli scienziati avvertivano che la temperatura media globale sarebbe aumentata di ben 6 gradi Celsius nel prossimo secolo, “il che farebbe cambiare radicalmente il nostro pianeta”. Gli oceani, dicono, diventerebbero terre marine desolate, i deserti si espanderebbero, gli eventi catastrofici diverrebbero più comuni.

L’EPA dell’amministrazione Obama ha pubblicato un rapporto nel 2015 sostenendo che il cambiamento climatico triplicherebbe il numero di giorni estremamente caldi negli Stati Uniti entro il 2100, aumenterà l’inquinamento dell’aria e dell’acqua, causando $ 5 trilioni di danni per le proprietà costiere e provocherà decine di migliaia di morti premature.

L’EPA ha previsto un aumento della temperatura globale di 5 gradi.

Lo studio su Nature scredita questi e altri scenari apocalittici che sono stati propagandati per decenni da tutti, da Al Gore al Principe Carlo.

In altre parole, è una grande novità.

E non stupitevi se gli scienziati prossimamente finiranno col rivedere il picco di riscaldamento ancora più in basso. Questa, dopo tutto, è stata la tendenza fino adesso. Nel 1977, l’Accademia Nazionale delle Scienze affermava che le temperature sarebbero aumentate di 6° C entro il 2050 a causa delle emissioni di CO2. Nel 1985, James Hansen affermò che raddoppiando i livelli di CO2 sarebbero aumentate le temperature fino a 5 gradi, e altri modelli al computer, al momento, misero il limite superiore a 5,5°C.

Tuttavia, lo stesso giorno in cui è stato pubblicato lo studio su Nature, la NASA ha pubblicato il suo ultimo rapporto sulle temperature globali, dichiarando che il 2017 è stato il secondo anno più caldo mai registrato, con solo il 2016 risultato più caldo.

Indovinate quale storia ha fatto notizia in prima pagina?

Il New York Times ha inserito la notizia della NASA nella sua pagina principale, ignorando completamente lo studio su Nature.

Anche se fosse vero che 17 dei 18 anni più caldi si sono verificati dal 2001 – il che richiede di presumere che la manipolazione da parte del governo dei dati sulla temperatura passata sia stata alzata o abbassata – la questione rilevante non è ciò che sta accadendo ora, ma ciò che è probabile succeda andando avanti.

Se le prove scientifiche dimostrano che il danno causato dalle emissioni di CO2 sarà molto inferiore a quello che si teme, dovremmo festeggiare.

Sicuramente tutti quelli che hanno “stabilito la scienza” sarebbero d’accordo.

Fonte: Investor’s Businnes Daily

Enzo
Attività Solare

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
(23 voti, media: 4,83 su 5)
Loading...