image_pdfimage_print

Di Chris Morrison – 15 Dicembre 2022

Il ghiaccio marino artico estivo ha smesso di calare un decennio fa, ma gli attivisti ambientalisti non hanno risparmiato sforzi per continuare a promuovere il timore che gli umani lo faranno sparire entro pochi anni. Nel suo recente agitprop della BBC Frozen Planet II, Sir David Attenborough ha affermato che potrebbe arrivare a sparire entro il 2035. In un eccellente pezzo di reportage investigativo intitolato Lies, Damned Lies and Arctic Graphs, lo scrittore sul clima Tony Heller ha recentemente sollevato il coperchio su molte delle tattiche utilizzate per mantenere la paura nei titoli dei giornali. “Seppelliscono tutti i dati più vecchi e fanno finta di non notare che il ghiaccio marino sta aumentando di nuovo. Quello che stanno facendo non è scienza ma propaganda”, accusa. Il Daily Skeptic ha scritto una serie di articoli di recente notando che l’estensione del ghiaccio marino estivo nell’Artico si sta riprendendo. In Groenlandia, ho riferito di recente, la calotta glaciale potrebbe essere aumentata nell’anno fino ad Agosto 2022. Invariabilmente, i commentatori dei social media rispondono pubblicando il grafico del ghiaccio marino di seguito, compilato dal National Snow and Ice Data Center (NSIDC) degli Stati Uniti.

Questo è riprodotto dal lavoro di Heller su YouTube e mostra una diminuzione lineare a settembre (il punto più basso del ghiaccio marino annuale) dal 1979. C’è qualcosa che non va in questo grafico, osserva Heller, dal momento che il minimo è in realtà più alto ora rispetto a 10 e 15 anni fa, ma la rozza linea di tendenza nera e dritta inganna l’occhio facendogli perdere questo aspetto. Traccia i dati come media mobile per mostrare più chiaramente la tendenza reale.

Pubblicità

Vediamo qui la fine del declino del ghiaccio marino estivo iniziato dieci anni fa. Il punto più basso su cui si basano le previsioni più fantasiose di un passaggio al Polo Nord è il 2012. Heller osserva che i cambiamenti del ghiaccio marino sono ciclici, non lineari. E ha ragione. Tracciare una linea retta dal punto più alto del 1979 a un punto più basso non ci dice nulla sulle tendenze attuali. Heller poi prosegue chiedendo perché i grafici iniziano nel 1979. L’NSIDC e la NASA dicono che è perché le registrazioni satellitari sono iniziate nel 1979. Heller dice che questa è una bella storia “tranne per il fatto che non è vero”. Continua citando il primo rapporto del Gruppo intergovernativo delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (IPCC) del 1990 che affermava: “Le osservazioni satellitari sono state utilizzate regolarmente per mappare l’estensione del ghiaccio marino dall’inizio degli anni ’70. L’American Navy Joint Ice Center ha prodotto grafici settimanali che sono stati digitalizzati dal NOAA [il servizio meteorologico statunitense]”. Potrebbe non essere una sorpresa apprendere che l’estensione del ghiaccio marino era inferiore negli anni ’70 e ha raggiunto il picco nel 1979. Iniziando il grafico nel 1979 viene prodotta una “falsa” tendenza lineare al ribasso. Quello che stanno facendo nasconde dati cruciali, dice Heller.

Questi dati “nascosti” sono chiaramente mostrati sopra in un grafico tratto dal primo rapporto dell’IPCC nel 1990. I livelli più bassi di ghiaccio negli anni ’70 sono riportati e il picco è nel 1979. Ma nel 2001, l’IPCC aveva rimosso gran parte dell’aumento di tale decennio, e ora il grafico mostra che il ghiaccio ha effettivamente iniziato a calare dal 1975. Heller fornisce anche la prova che gli anni ’50, che non sono mostrati su questi grafici, avevano ghiaccio marino inferiore rispetto agli anni ’70, il che significa che gli anni ’70 furono un picco recente. Continua osservando che il rapporto IPCC del 2001 ha visto anche la pubblicazione del grafico della temperatura del “bastone da hockey” che è diventato famoso per aver rimosso il periodo caldo medievale. Il ghiaccio marino nell’Artico, come la maggior parte se non tutte le tendenze climatiche, è ciclico non lineare. Heller nota l’influenza dell’oscillazione pluridecennale atlantica, una corrente oceanica ciclica il cui riscaldamento e raffreddamento sembra essere influente nel controllo delle temperature artiche. Registrazioni e osservazioni che risalgono all’inizio del 1800 mostrano notevoli variazioni dell’estensione del ghiaccio. Attenborough non è il solo a prevedere la navigazione al Polo Nord. È stata una storia spaventosa taglia e incolla per decenni. Heller nota un commento sul New York Times del 1958 che diceva: “Alcuni scienziati stimano che la banchisa polare sia più sottile del 40% e abbia un’area inferiore del 12% rispetto a mezzo secolo fa, e che anche durante la vita dei nostri figli, l’Oceano Artico potrebbe aprirsi, consentendo alle navi di sorvolare il Polo Nord”. Nel frattempo, gli ultimi aggiornamenti sul ghiaccio marino artico e sulla calotta glaciale della Groenlandia mostrano una continua tendenza al miglioramento verso estensioni più elevate. Dal momento che questi miglioramenti generalmente non figurano nei titoli principali, il Daily Skeptic può riferire che il ghiaccio marino di Novembre è stato di 1,05 milioni di chilometri quadrati in più rispetto al minimo storico del 2016 di 8,66 milioni di km quadrati.

La massa superficiale della calotta glaciale della Groenlandia (sopra), misurata dal Danish Meteorological Institute, ha mostrato alcuni incredibili miglioramenti negli ultimi due mesi, con la linea blu 2022-23 davanti a tutti i livelli previsti mostrati. Il lavoro investigativo di Tony Heller è importante per richiamare l’attenzione sul cartello della scienza del clima “consolidato” che gestisce una campagna postmoderna e pseudoscientifica progettata per attuare un programma Net Zero politicamente inventato. Forse i fact checkers dei media mainstream potrebbero iniziare a comportarsi meno come i barboncini politici e iniziare a indagare su alcuni dei dati distorti che bombardano il discorso pubblico attentamente curato, a partire dalle previsioni del modello climatico che non sono mai corrette, studi di attribuzione che inventano storie su gli esseri umani causano maltempo e database corrotti della temperatura superficiale che regolano continuamente le loro cifre “record” più in alto

Chris Morrison is the Daily Sceptic’s Environment Editor.

Pubblicità