image_pdfimage_print

Di Vijay Jayaraj – 11 gennaio 2022

È passato poco più di un mese dall’incontro delle Nazioni Unite sul clima a Glasgow, ma l’uso globale di combustibili fossili è aumentato rapidamente.

Ad esempio, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha annullato i progetti petroliferi nazionali e ha promesso di interrompere i finanziamenti per i progetti internazionali sui combustibili fossili. Ma con l’aumento dei prezzi del carburante, Biden ha risposto alla sua insicurezza energetica autoindotta rilasciando 50 milioni di barili di riserve di petrolio e ha persino chiesto un aumento della produzione nazionale di petrolio.

Pubblicità

Nell’arco di pochi mesi, il presidente degli Stati Uniti è passato dall’essere un salvatore del clima a un cattivo del clima. Sebbene molti possano classificare le sue azioni come soluzioni temporanee (a un problema inesistente), il resto del mondo vede attraverso la patina della politica climatica e l’ipocrisia all’interno.

Non c’è nulla che il complesso industriale del clima possa fare per la situazione negli Stati Uniti o in altre parti del mondo. In Asia, infatti, sta proliferando la produzione di combustibili fossili.

India e Cina a tutto gas sul carbone

Quando i profeti di sventura del clima si sono incontrati a novembre a Glasgow per l’incontro annuale delle Nazioni Unite, i leader politici asiatici hanno promosso politiche che cercavano di aumentare la produzione di combustibili fossili, in gran parte a causa delle lezioni apprese dalla grave carenza di carbone in India e Cina all’inizio dell’anno.

Il governo indiano ha aperto più miniere di carbone e ha assegnato nuove miniere a operatori privati tramite aste. Il ministro del carbone indiano ha chiesto al braccio di produzione di carbone del governo, Coal India Limited, di raggiungere l’obiettivo annuale di 1 miliardo di tonnellate entro il 2024.

Nel frattempo, la Cina sta adottando misure simili per garantire la sua fornitura di carbone. La produzione di carbone per novembre ha raggiunto livelli record mentre Pechino si è affrettata a garantire una quantità sufficiente di carburante per soddisfare il fabbisogno invernale. Ottobre 2021 ha assistito alla produzione mensile più alta da marzo 2015. Complessivamente, i primi 11 mesi di quest’anno hanno rappresentato 3,67 miliardi di tonnellate di carbone, ovvero il 4,2% in più rispetto al 2020.

Sebbene India e Cina siano riuscite a superare la recente carenza di riserve di carbone, la produzione interna deve essere integrata dalle importazioni. Quindi, il prezzo del carbone dall’Australia e dall’Indonesia rimane alto. Con la variante Omicron che dovrebbe avere solo un impatto minimo sull’economia, possiamo aspettarci una domanda sostenuta di carbone fino al 2022.

I futures sul petrolio sono ai massimi livelli e l’India incassa le importazioni

Anche l’India desidera assicurarsi le sue fonti di petrolio poiché l’OPEC ha previsto un’elevata domanda globale nel 2022. Il petrolio dell’Arabia Saudita, del Kuwait e dell’Iraq è stato acquistato in grandi quantità dai paesi asiatici.

Il ministro indiano del petrolio e del gas naturale ha riferito che il paese acquisirà “grandi aree aggiuntive per l’esplorazione e la produzione di petrolio” entro il 2025. “Per quanto riguarda il governo indiano, faremo un passo sull’acceleratore in termini di esplorazione e produzione in grande stile”, ha affermato il ministro a novembre.

Un’azienda degli Emirati Arabi Uniti di proprietà dell’uomo più ricco dell’India è pronta a importare petrolio greggio, petrolio e prodotti petrolchimici a dicembre. Le principali compagnie petrolifere e raffinerie statali del paese si sono già assicurate la fornitura per la prima metà del 2022.

I prezzi del gas presso le stazioni di servizio sono rimasti elevati in India per tutto l’anno. Tuttavia, il governo federale è intervenuto liberando milioni di barili di petrolio dalle riserve strategiche, i prezzi sono scesi drasticamente. Nel frattempo, il ministro dell’aviazione del paese ha lanciato un appello aperto agli stati per ridurre i prezzi del carburante degli aerei al fine di “aumentare il traffico aereo”.

Quindi, se qualcuno pensa che i combustibili fossili siano morti, dovrebbe ricredersi. I 2,6 miliardi di persone in India e Cina continueranno a utilizzare i combustibili fossili come fonte di energia primaria fino al 2070. Anche i paesi europei e scandinavi più avanzati stanno assistendo a una rinascita del settore dei combustibili fossili.

È come se la conferenza sul clima anti-fossile non fosse mai avvenuta quest’anno. Come se le promesse di porre fine ai combustibili fossili non fossero altro che i vapori dell’incenso offerto all’altare del dramma climatico, solo per essere consumati da una realtà energetica inevitabile.

Vijay Jayaraj è ricercatore associato presso la CO2 Coalition, Arlington, Virginia, e ha conseguito un Master in scienze ambientali presso l’Università dell’East Anglia, in Inghilterra. Risiede a Bengaluru, in India.

Fonte: CO2Coalition

Pubblicità