16 Marzo 2019 - 19:00 pm Pubblicato da
image_pdfimage_print

Di Vijay Jayaraj (M.Sc., Environmental Science, University of East Anglia, Inghilterra) – 14 Marzo 2019

Gli allarmisti climatici ci avvertono costantemente che il riscaldamento globale provocato dall’uomo sta rendendo il nostro mondo meno abitabile e che il giorno del giudizio climatico si avvicina rapidamente. Ma uno sguardo più attento al nostro clima rivela una sorprendente scoperta del clima che i nostri media mainstream hanno convenientemente ignorato per decenni: il ruolo del sole nel determinare il clima della Terra.

Per la prima volta nella storia dell’umanità, i nostri leader potrebbero essere attivamente impegnati nell’elaborazione di politiche – basate sulla loro ossessiva e parziale ossessione per il riscaldamento globale – che ci renderanno estremamente vulnerabili anche al minimo raffreddamento del nostro sistema climatico.

“Stiamo causando danni irreversibili al nostro ambiente”, “Siamo diretti a un clima catastrofico a causa dell’eccessivo riscaldamento”, “I cambiamenti climatici possono spazzare via l’umanità” – questi sono i titoli delle nostre notizie di tutti i giorni.

Come scienziato climatico, trovo questi titoli e le storie presentate, vaghe e piene di generalizzazioni affrettate. Il grido di doomsday ripetuto e unidimensionale sul ruolo del diossido di carbonio nella temperatura globale acceca il pubblico ad altre cause.

La CO2 è solo uno dei tanti fattori che influenzano le temperature globali. Il suo ruolo nel recente riscaldamento è tutt’altro che dominante. In effetti, esiste una scarsa correlazione tra le emissioni di CO2 e la temperatura globale. Tra il 2000 e il 2018, la temperatura globale non ha mostrato alcun aumento significativo nonostante un forte aumento delle emissioni di anidride carbonica da fonti antropogeniche. Lo stesso è avvenuto tra gli anni 1940 e 1970. Quando la concentrazione di biossido di carbonio aumenta ad un tasso costante e la temperatura non segue il modello, possiamo quindi essere certi che il biossido di carbonio non è il principale motore della temperatura globale.

Se non la CO2, cosa?

La vita sulla Terra è possibile grazie al perfetto posizionamento della Terra nel sistema solare: non troppo vicino al sole e neppure troppo lontano. Per secoli, gli accademici lo hanno riconosciuto, e gli scienziati del clima oggi sanno che il sole è il più grande fattore di influenza e guida della temperatura globale.

La pagina della NASA sull’influenza solare afferma chiaramente che i cambiamenti nel sole determinano in gran parte le temperature atmosferiche e superficiali della Terra. Astrofisici e climatologi misurano questi cambiamenti al sole in termini di fenomeni quantificabili come l’attività delle macchie solari e i cicli solari.

Tuttavia, negli ultimi tempi, la NASA ha ceduto alle pressioni dei fautori del clima. La pagina originale della NASA sull’impatto del sole sul nostro sistema climatico è ora nascosta al dominio pubblico.

Con l’avvento della pericolosa teoria del riscaldamento globale provocata dall’uomo, la CO2 ha preso le luci della ribalta e il sole è stato relegato a un semplice spettatore.

Questo potrebbe essere il più grande errore degli allarmisti ossessionati da un riscaldamento sempre maggiore.

Nell’Europa centrale, ad esempio, i cambiamenti di temperatura dal 1990 coincidevano più con i cambiamenti nell’attività solare che con la concentrazione di CO2 atmosferica. Lo stesso è stato vero a livello globale e attraverso i secoli.

Il minimo di Maunder (1645-1715) e il minimo di Dalton (1790-1830) – periodi di bassa attività solare – furono responsabili dei periodi più freddi della Piccola Era Glaciale. Il fiume Tamigi in Inghilterra congelava. Intere civiltà crollarono mentre la gente moriva di fame perché i cattivi raccolti indotti dal freddo portavano alla malnutrizione che rendeva le persone troppo deboli per resistere alle malattie. Allo stesso modo, l’aumento dell’attività solare nel Periodo Caldo Romano (~250 B.C. al A.D. 400) e Periodo Caldo Medievale (~ AD 950-1250) portò temperature più calde sulla Terra, e colture floride portarono a una maggiore nutrizione e a tassi di mortalità più bassi.

Centinaia di pubblicazioni scientifiche peer-reviewed affermano l’enorme impatto dell’attività solare sulla temperatura della Terra.

Ma ci sarà un raffreddamento?

Le osservazioni sull’attività delle macchie solari presso il Centro di previsione meteorologica spaziale dell’Amministrazione oceanica e atmosferica nazionale (NOAA) indicano che negli ultimi 18 anni c’è stata una pausa nell’attività solare – lo stesso periodo in cui non si è verificato alcun riscaldamento significativo, confermando una correlazione diretta tra l’attività solare e la temperatura media globale.

Alcuni scienziati del clima dicono che presto ci sarà un altro importante raffreddamento. Le loro affermazioni non sono stravaganti.

Le prove della pausa dell’attività solare sono così chiare che persino la NASA ammette la tendenza al raffreddamento. Martin Mlynczak del Langley Research Center della NASA ha commentato: “Vediamo una tendenza al raffreddamento [.] … Al di sopra della superficie terrestre, vicino al bordo dello spazio, la nostra atmosfera sta perdendo energia termica. Se le tendenze attuali continuano, potrebbe presto arrivare un raffreddamento record per l’età dello spazio.”

Gli studi scientifici più recenti sui cicli solari suggeriscono che i prossimi cicli (25 e 26) potrebbero essere simili ai minimi di Maunder e di Dalton che hanno fatto precipitare gran parte del mondo in un freddo disastroso.

Un articolo sulla rivista scientifica Astrophysics and Space Science, rivista peer reviewed, avverte che il minimo solare potrebbe essere già iniziato. I suoi autori dicono anche che c’è un’alta probabilità che sarà ancora più freddo di quelli della Piccola era glaciale.

Questa è una notizia inquietante.

La maggior parte dei nostri attuali sforzi – compresa la scelta delle nostre tecnologie per le energie rinnovabili e le nostre politiche di sviluppo del combustibile fossile – sono incompatibili con la lotta contro l’impatto del freddo severo (localizzato e a breve termine), per non parlare del raffreddamento a lunga durata e globale come quello che è successo con i minimi solari della Piccola Era Glaciale.

In caso di raffreddamento globale, le persone di tutto il mondo – specialmente i poveri – saranno vulnerabili. La nostra vulnerabilità sarà in gran parte a causa del disinteresse del riscaldamento globale degli allarmisti sulla realtà climatica e dell’agenda climatica assetata di potere che attualmente domina la politica nazionale e internazionale.

Vijay Jayaraj (M.Sc., Environmental Science, University of East Anglia, Inghilterra), collaboratore della Cornwall Alliance for the Stewardship of Creation, vive a Chennai, in India.

Fonte: American Thinker

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
(28 voti, media: 4,89 su 5)
Loading...