24 gennaio 2017 - 19:03 pm Pubblicato da

Di Enzo Ragusa

Mentre l’ente statunitense della NOAA in questi ultimi giorni si è affrettato a diramare la notizia che il 2016 sarebbe stato l’anno più caldo da quando si rilevano le temperature globali, (ancora tutto da dimostrare) i ghiacci della Groenlandia giocano un brutto scherzo alla scienza politicizzata di governo, continuando, senza curarsi dei dati scritti, a crescere ad un ritmo davvero spaventoso! Mi chiedo come in un pianeta che si scalda sempre di più possano avanzare e crescere in ghiacci polari.

Dall’aggiornamento di ieri, dati ufficiali di provenienza dell’Ente Meteorologico Danese (DMI), il bilancio positivo di accumulo di neve e ghiaccio dal primo Settembre 2016 alla giornata di ieri è stato pari a quasi 450 miliardi di tonnellate, una misura riscontrata superiore alla media del periodo (1990-2013) di circa 150 miliardi di tonnellate, una misura record mai vista prima, che non trova riscontri nella storia da quando si rilevano i dati con sistema satellitare.

 

 

Immagine sopra: Il contributo totale giornaliero del bilancio di massa superficiale di tutta la calotta di ghiaccio (linea blu, Gt/giorno). Immagine sotto: Il bilancio di massa superficiale accumulato dal 1 settembre ad oggi (linea blu, Gt) e la stagione 2011-12 (rosso) dove si era rilevata una elevata fusione in estate in Groenlandia. Per confronto, la curva mediana del periodo 1990-2013 è mostrata in grigio scuro. Lo stesso giorno di calendario in ciascuno dei 24 anni (nel periodo 1990-2013) avrà un proprio valore. Queste differenze di anno in anno sono illustrate dalla banda grigio chiaro. Per ogni giorno di calendario, tuttavia, i valori di minimo e massimo dei 24 anni sono stati lasciati fuori.   

Greenland Ice Sheet Surface Mass Budget: DMI

 

 

La Groenlandia fino a questo momento ha guadagnato una quantità record di ghiaccio in questi ultimi mesi, pari a circa il 50% oltre la norma, ma è chiaro che questo dato oggettivo va controcorrente agli interessi di molti enti che più che fare scienza nell’interesse della comunità fanno vera e propria propaganda politica…  ed è altrettanto chiaro che nessuno ha interesse nel dirvelo. 😀

 

Attività Solare

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
(Ancora nessun voto)
Loading...
  • Angela

    Esattamete dal Greenland Ice Sheet Surface Mass Budget: DMI da te citato:

    “Over the year, it snows more than it melts, but calving of icebergs also adds to the total mass budget of the ice sheet. Satellite observations over the last decade show that the ice sheet is not in balance. The calving loss is greater than the gain from surface mass balance, and Greenland is losing mass at about 200 Gt/yr.”

    “Nel corso dell’anno, nevica più di quanto il ghiaccio si sciolga, ma il distacco degli iceberg si aggiunge al bilancio totale dello strato di ghiaccio. Osservazioni satellitari negli ultimi dieci anni mostrano che la calotta di ghiaccio non è in equilibrio. La perdita dovuta al distacco è maggiore del guadagno di massa superficiale, e la Groenlandia sta perdendo massa a circa 200 gigatoni all’anno.”

    Magari, se non hai studiato la materia, potresti affidarti agli stessi scienziati da cui estrapoli grafici a caso, invece di fare disinformazione.

    • Mistic River

      Troll

    • John

      Scusami, non per fare l’avvocato del diavolo ma tu parli di osservazioni a 10 anni, l’articolo è di osservazioni 2016-2017.

      Al di la di quanto si studi la materia, credo che si dovrebbe porre attenzione prima di lanciare accuse di disinformazione. Allo stesso modo possiamo dire che la stai facendo anche tu.

      • Angela

        Hai capito che sto riprendendo un passo dallo stesso studio usato dall’articolo postato nella fine con il titolo in rosso? Quello che ho riportato è esattamente sopra i grafici nel pdf.

        • John

          non discuto che il dato sia reale, discuto di tempi e modalità.

          Ad oggi l’accumulo è superiore (notevolmente) alla media dal 1990 è un dato di fatto, e la curva ha inclinazione notevole. Che poi in 10 anni, vi sia mediamente un calo è altrettanto dato di fatto. Ma non possiamo considerarlo oggettivo, senza aspettare altri anni per verificare se le quantità di accumulo odierne si confermeranno, perchè in tal caso l’inversione di quel trend sarà cosa rapida.

          Di fatto si tratta solo di come vogliamo interpretare le cose, portesti dire che l’articolo è incompleto ma non che faccia disinformazione.

          Per un mondo in surriscaldamento possiamo dire che è anomalo un aumento dell’accumulo, ma anche che valorizzerebbe il clima legato ai cicli solari. Il riscaldamento per aumentato effetto serra non è scientificamente provato ma basato su ipotesi più o meno valide. Altrettanto si può dire per l’alternanza dei cicli solari sul clima, con la differenza che allora l’uomo non poteva interferire.

          • Angela

            L’accumulo in superficie è vanificato dal distaccarsi di enormi pezzi di ghiacciaio in mare. Abbiamo una diminuzione incredibile della quantità di ghiaccio totale ogni anno, avvenuta anche nel 2016. Non è un’interpretazione, è un fatto incontestabile, perché appurato con metodo scientifico.

            Posso ipotizzare che la maggiore quantità di acqua gelida attorno al ghiacciaio abbia contribuito all’accumulo di neve e quindi ghiaccio sopra il ghiacciaio, ma questa è una mia teoria senza nessun valore.

            • Angela

              Quelli dello studio non sembrano molto ottimisti su un possibile sorpasso dell’accumulo in superficie verso il ghiaccio distaccato, anzi.
              L’articolo di attività solare dice “i ghiacci della Groenlandia continuano a crescere a ritmo spaventoso”…e non commento più.

            • Perdonami, ma i dati non sono presi a caso, come sostieni… e la materia la conosciamo sufficientemente bene per poter CONTESTUALIZZARE i dati riportati. Quello di cui parli, lo scioglimento dei ghiacci mediante distaccamento di iceberg, è avvenuto fino ad oggi negli ultimi 30 anni a causa dell’indice AMO positivo che ha convogliato in quella zona acqua più calda. Gli Iceberg infatti si trovano in mare, non sulla terraferma… e sono il prodotto quasi esclusivo dello “scivolamento” del Ghiaccio sotto il suo stesso peso. Il caldo provoca lo scioglimento superficiale… la geotermia quello dal basso. Quando il ghiaccio arriva in mare, a contatto con l’acqua viene sottoposto a stress di ogni genere, sia meccanici che termici (anche chimici) e il risultato è la formazione degli iceberg, ovvero la “frantumazione” del ghiaccio stesso.

              L’accumulo di cui parliamo, invece, avviene per la prima volta quest’anno dopo tanti anni di trend negativo e sta ad indicare una svolta nel trend stesso… come previsto da noi e spiegato in numerosi post. Per sapere se lo scioglimento dei ghiacci continua o meno, devi aspettare la fine dell’anno in corso e magari anche del prossimo. Non puoi affermare, aprioristicamente, che i ghiacci continueranno a perdere 200 Gton/l’anno solo perché negli anni scorsi avveniva ciò! Le cose cambiano e la climatologia segue dei cicli naturali pluriennali che non vengono minimamente tenuti in considerazione da chi sostiene l’AGW (come te?).

              Bernardo

      • Angela

        Togli la frase dei dieci anni, la prima e l’ultima parlano al presente, e sono piuttosto esaustive. Non sto portando riflessioni mie, ma quelle degli scienziati da cui hanno preso i dati per questo articolo fatto coi piedi.

    • Il grafico è li disponibile a tutti e messo a disposizione della comunità dallo stesso ente! Questa frase “Nel corso dell’anno, nevica più di quanto il ghiaccio si sciolga” dice già tutto, non ci sono da fare altri commenti, altrimenti non avrebbe senso metterlo a disposizione se non corrispondere a realtà. Gli iceberg che si distaccano evidentemente non sono contemplati nel computo totale e quindi non ne viene tenuto conto perché facente parte dello scioglimento stagionale standard.

      In questo articolo è comunque chiaro il fatto che, al contrario di quel che si vuol fare credere, c’è una crescita e una decrescita naturale, evidentemente dettata da fattori naturali che non siano per forza a causa antropica come qualcuno accusa o con la pretesa che sia per forza, o tu hai la certezza che ciò sia verità?

      Quindi prima di accusare di disinformazione, che contraddistingue in genere chi ha la pretesa di avere la verità in tasta COME IN QUESTO CASO MI PARE TU VOGLIA DIMOSTRARE, sarebbe il caso, prima di informarti bene sulla materia di esposizione e poi in caso di obiettare, ma sempre nel limite della decenza.

      Potrei anche dire, ad ampliamento nell’argomentare, che le temperature particolarmente fredde di questi giorni sollevano delle riflessioni, e, se è vero che un episodio non fa clima è pur vero che il clima è la somma di tanti singoli episodi? E di episodi di cui parlarne ora ce ne sono davvero troppi…. E quindi ne vogliamo parlare?

    • Il grafico è li disponibile a tutti e messo a disposizione della comunità dallo stesso ente! Questa frase “Nel corso dell’anno, nevica più di quanto il ghiaccio si sciolga” dice già tutto, non ci sono da fare altri commenti, altrimenti non avrebbe senso metterlo a disposizione se non corrispondere a realtà. Gli iceberg che si distaccano evidentemente non sono contemplati nel computo totale e quindi non ne viene tenuto conto perché facente parte dello scioglimento stagionale standard.

      In questo articolo è comunque chiaro il fatto che, al contrario di quel che si vuol fare credere, c’è una crescita e una decrescita naturale, evidentemente dettata da fattori naturali che non siano per forza a causa antropica come qualcuno accusa o con la pretesa che sia per forza, o tu hai la certezza che ciò sia verità?

      Quindi prima di accusare di disinformazione, che contraddistingue in genere chi ha la pretesa di avere la verità in tasta COME IN QUESTO CASO MI PARE TU VOGLIA DIMOSTRARE, sarebbe il caso, prima di informarti bene sulla materia di esposizione e poi in caso di obiettare, ma sempre nel limite della decenza.

      Potrei anche dire, ad ampliamento nell’argomentare, che le temperature particolarmente fredde di questi giorni sollevano delle riflessioni, e, se è vero che un episodio non fa clima è pur vero che il clima è la somma di tanti singoli episodi? E di episodi di cui parlarne ora ce ne sono davvero troppi…. E quindi ne vogliamo parlare?

      Enzo

      • Angela

        Chi sostiene l’AGW , dice che lo scioglimento dei ghiacci in Groenlandia blocchi il caldo della corrente del Golfo, che non può così arrivare in Europa, e prevede un raffreddamento di quest’ultima.

        • Chi sostiene l’AGW “ama” mischiare le teorie e leggerle al contrario… usandole, cioè, a proprio vantaggio e analizzando i singoli elementi uno per volta e mai insieme agli altri.

          La Corrente del Golfo che rallenta a causa dello scioglimento dei ghiacci… il freddo che aumenta perché fa più caldo… ecc… ecc… ecc… ecc… E’ lunga da spiegare in un commento solo… Ma la realtà è totalmente differente. Tutto viene influenzato dal Sole… ed ogni singolo elemento del contesto (climatico) ha un ritardo diverso rispetto all’attività solare. La somma di tutti gli effetti con i relativi ritardi, danno la variabilità climatica… che è ciclica e si ripete sempre con la stessa identica sequenza, ma con valori e tempi, ovviamente, diversi!

          Bernardo