20 dicembre 2017 - 20:00 pm Pubblicato da

Università di York – 20/12/17

Per la prima volta gli scienziati hanno osservato direttamente batteri vivi nel ghiaccio polare e nella neve – un ambiente una volta considerato sterile. “Poiché l’attività microbica e la sua influenza nel suo ambiente locale non sono mai stati presi in considerazione quando si osservano i campioni di gas nel ghiaccio, potrebbe fornire una fonte moderata di errori nelle interpretazioni della storia del clima”.

Sezione di campione di ghiaccio dell’Antartide occidentale con uno strato di cenere. Credito: immagine per gentile concessione di Heidi Roop.

Per la prima volta gli scienziati hanno osservato direttamente i batteri vivi nel ghiaccio polare e nella neve – un ambiente che una volta era considerato sterile. La nuova evidenza ha il potenziale di alterare le percezioni su quali pianeti nell’universo potrebbero sostenere la vita e potrebbe significare che gli esseri umani stanno avendo un impatto ancora maggiore sui livelli di CO2 nell’atmosfera terrestre di quanto suggerito dagli studi di storia del clima sulle carote di ghiaccio.

I gas catturati e sigillati nella neve mentre si comprime in ghiaccio possono fornire ai ricercatori istantanee dell’atmosfera terrestre che risalgono a centinaia di migliaia di anni. Gli scienziati del clima usano campioni di ghiaccio per osservare i livelli preistorici di CO2 nell’atmosfera, in modo che possano essere confrontati con i livelli attuali dell’era industriale.

Queste analisi delle carote di ghiaccio si basano sul presupposto che vi sia una limitata attività biologica che altera l’ambiente nella neve durante la sua transizione in ghiaccio. La ricerca riportata oggi nel Journal of the Royal Society Interface, che ha osservato direttamente l’attività microbica nella neve artica e antartica, ha rivelato che la composizione di questi piccoli campioni di gas intrappolati nel ghiaccio potrebbero essere stati influenzati da batteri che rimangono attivi nella neve mentre viene compressa in ghiaccio – un processo che può durare decenni.

L’autore principale della ricerca, il Dott. Kelly Redeker del Dipartimento di biologia dell’Università di York, ha dichiarato: “Poiché l’attività microbica e la sua influenza sul suo ambiente locale non sono mai stati presi in considerazione quando si osservano campioni di gas con ghiaccio, potrebbe fornire una fonte moderata di errore nelle interpretazioni della storia del clima. La respirazione da parte dei batteri potrebbe avere livelli leggermente aumentati di CO2 nelle sacche d’aria intrappolate all’interno delle calotte polari, il che significa che prima dell’attività umana i
livelli di CO2 potevano essere persino inferiori a quanto si pensasse in precedenza”.

“Inoltre, il fatto di aver osservato batteri metabolicamente attivi nel ghiaccio e nella neve più incontaminati è un segno di vita che prolifera in ambienti in cui non ci si aspetteremmo possa esistere. Ciò suggerisce che potremmo essere in grado di ampliare i nostri orizzonti quando si tratta di pensare a quali pianeti sono in grado di sostenere la vita”, ha aggiunto Redeker.

Le ricerche condotte nei laboratori hanno dimostrato in precedenza che i batteri possono rimanere in vita a temperature estremamente basse, ma questo studio è la prima volta che si osservano batteri che alterano l’ambiente polare della neve.

I ricercatori hanno osservato che la neve è allo stato naturale e in altre zone la hanno sterilizzata utilizzando lampade sterilizzanti UV. Quando hanno confrontato i risultati, il team ha trovato livelli imprevisti di ioduro di metile – un gas noto per essere prodotto da batteri marini – nella neve intatta.

Tecniche all’avanguardia hanno consentito ai ricercatori di rilevare la presenza di gas anche a livelli di parti per trilione, un milione di volte meno concentrati rispetto alle concentrazioni di CO2 nell’atmosfera.

I ricercatori hanno lavorato su siti nell’Artico e nell’Antartico e preso precauzioni per limitare l’impatto della luce solare e del vento, utilizzando teloni per proteggere i loro siti di esempio e posizionarsi nel mezzo di un ghiacciaio lontano dal suolo e da altre forme di fauna polare che potrebbero contaminare la neve.

Full story

Fonte: The GWPF

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
(14 voti, media: 5,00 su 5)
Loading...