image_pdfimage_print

Di Teo Blašković – 29 Dicembre 2020

Una fortissima scossa di terremoto e poco profonda, registrata dall’EMSC di M6.4 ha scosso la Croazia centrale alle 11:19 UTC (12:19 LT) del 29 dicembre 2020. L’agenzia riporta una profondità di 10 km (6,2 miglia). Anche USGS segnala una scossa di M6.4 a una profondità di 10 km (6,2 miglia). GFZ Croazia segnala una scossa di M6.2 – sito web attualmente non disponibile a causa del carico elevato. 

L’epicentro si trovava appena a nord della città di Petrinja (popolazione 24.641), 12 km (7.4 miglia) a WSW di Sisak (popolazione 35.700) e 44 km (27.3 miglia) a SE della capitale Zagabria (popolazione 698.000), Croazia. Ci sono circa 2.820.000 persone che vivono in un raggio di 100 km (62 miglia).

Pubblicità

Si stima che 38.000 persone abbiano sentito forti tremori, 73.000 molto forti, 1.168.000 forti, 1.261.000 moderati e 17.142.000 leggeri.

Credito immagine: TW / SAM, Google

Numerose case ed edifici sono stati danneggiati/crollati, all’interno e intorno alla città di Petrinja.

Le squadre di soccorso stanno cercando tra le macerie.

Molte persone sono rimaste ferite. La prima vittima accertata è stata una ragazza di 12 anni della città di Petrinja.

Sono state segnalate interruzioni di corrente, Internet e i servizi di telecomunicazione vicino all’epicentro sono inattivi.

Rapporti da un villaggio vicino a Petrinja dicono che 9 case su 10 nel villaggio sono crollate.

Le persone in tutta la regione sono ancora nelle strade, inclusa la capitale Zagabria, che soffrono ancora di una serie di terremoti distruttivi del marzo 2020 (i più forti dal 1880).

Questa regione è stata colpita da diversi terremoti moderatamente forti e dannosi il 28 dicembre, tra cui M5.2 alle 05:28 UT e M4.9 alle 06:49 UTC. Quando è avvenuto il terremoto di oggi, molte persone erano in case già danneggiate.

Le scosse di assestamento stanno ancora scuotendo la regione, comprese dozzine oltre M2,5.

Immagini per gentile concessione di N1 Zagreb

USGS ha emesso un avviso giallo per i decessi correlati alla fortissima scossa. Sono comunque possibili vittime e danni.

È stato emesso l’allarme arancione per perdite economiche. Sono probabili danni significativi e il disastro è potenzialmente diffuso. Le perdite economiche stimate sono dello 0-1% del PIL della Croazia. Gli eventi passati con questo livello di allerta hanno richiesto una risposta a livello regionale o nazionale.

Nel complesso, la popolazione di questa regione risiede in strutture vulnerabili alle scosse di terremoto, sebbene esistano strutture resistenti. I tipi di edifici vulnerabili predominanti sono muri di fango con legno e mattoni non rinforzati con costruzione di fango.

I recenti terremoti in quest’area hanno causato pericoli secondari come le frane che potrebbero aver contribuito alle perdite.

Esposizione stimata della popolazione a scosse di terremoto

Città selezionate esposte

Sismicità regionale

“Voglio far notare subito una cosa: molti edifici hanno affrontato abbastanza bene questo terremoto di grandi dimensioni”, ha detto Jame Gurney, fondatore del UK Earthquake Bulletin.

“Sembra che siano edifici in muratura mal costruiti e precedenti al 1900 che hanno fallito catastroficamente. Gli edifici parzialmente crollati corrispondono al tipo II nella revisione di Dowrick et al. (2008) NZ Modified Mercalli Scale revision – ordinaria lavorazione con malta di media qualità.

“Gli altri edifici più vecchi sembrano essere di tipo III – muratura rinforzata di buona fattura e malta solida. Poiché il tipo II ha subito un crollo parziale e il tipo III ha subito alcuni danni in alcuni casi, stimerei l’intensità nel centro di Petrinja a MM8 il la NZ Revised Modified Mercalli Scale, EMS8 sulla scala macrosismica europea (EMS-98)”, ha detto Gurney.

“Una nota finale sul terremoto Mw 6.4 Sisak-Petrinja in Croazia … Le due scosse preliminari (Mw 4.8, Mw 4.3) hanno prodotto una sequenza di scosse di assestamento che era carente nei terremoti che corrispondono alla legge di Bath (cioè terremoti di M2.8-3.8). Questo può essere un segnale rivelatore che sono scosse preliminari.

“Non è sempre così, ma dopo una “doppietta” come quella verificatasi ieri mattina [28 dicembre] probabilmente ci si aspetterebbe, soprattutto in una regione che non ha terremoti regolari di tali dimensioni, che una scossa di assestamento attiva una sequenza e molto probabile.”

Aggiornamenti

14:24 UTC

L’unico ponte che collega Petrinja con il resto della Croazia centrale è danneggiato. Il traffico in entrata e in uscita dalla città è interrotto e il ponte è ancora in uso, alle 14:20 UTC, anche se pesantemente danneggiato.

La polizia sta avvertendo tutti di utilizzarlo a proprio rischio e pericolo.

Il ponte principale che collega Petrinja con il resto della Croazia centrale. Credito: Google

14:30 UTC

L’ospedale principale di Petrinja sarebbe stato quasi completamente distrutto, così come tutti gli edifici nel centro di Petrinja.

Una donna è scomparsa.

Decine di persone sono rimaste ferite.

16:25 UTC

Il bilancio delle vittime è salito a 5, dopo altri tre morti accertati nel villaggio di Majske Poljane. I sopravvissuti dicono che il 90% delle case lì sono state distrutte.

Adesso sono le 17:26 LT in Croazia, la notte è arrivata. 

Sono in corso operazioni di ricerca e soccorso. Tuttavia, molti villaggi hanno ancora persone intrappolate sotto le macerie.

Le autorità stanno sollecitando i residenti di questa intera regione a stare fuori dalle case, soprattutto se sono state danneggiate.

Le scosse di assestamento continuano e il bilancio delle vittime dovrebbe continuare a salire.

Credito immagine in primo piano: TW / SAM, Google

Fonte: The Watchers

Pubblicità