image_pdfimage_print

Di TOBY YOUNG – 27 Agosto 2022

(ndr) Pensate che questo scritto che state per leggere non possa accadere anche in Italia? I tempi sono ormai quasi maturi…

Il comitato editoriale del Wall St Journal ha scritto una concisa condanna dell’ossessione britannica Net Zero, ritenendola direttamente responsabile del fatto che fino a un terzo dei britannici sta per sprofondare nella povertà a causa di bollette energetiche insostenibili. “La causa alla base della miseria energetica della Gran Bretagna è la sua fissazione con gli obiettivi climatici, in particolare l’ambizione di raggiungere emissioni net zero di CO2 entro il 2050”.

Pubblicità

Gli americani che si credono sostenitori del clima net zero potrebbero voler dare un’occhiata alla Gran Bretagna per una guida al futuro. Le bollette energetiche delle famiglie avrebbero dovuto aumentare del 40% nel prossimo autunno, ma venerdì l’autorità del governo per la regolamentazione energetica ha annunciato che le bollette aumenteranno dell’80% in unica soluzione.

Questa spinta segue un aumento del 54% di aprile e porta il conto annuale medio della famiglia a £ 3.549 ($ 4.208). Il reddito familiare medio è di £ 31.400, il che dà un’idea della proporzione crescente del budget di ciascuna famiglia che andrà al riscaldamento centralizzato, alla cucina e al mantenimento delle luci. Per i ruling Tories, questa è una calamità politica.

E questo è semplicemente ciò che le famiglie spenderanno direttamente per l’energia. La Gran Bretagna è anche nella morsa di una crisi dei prezzi dell’energia per le imprese, le cui tariffe non sono soggette ad un limite. Alcune piccole imprese riferiscono che non possono ottenere alcuna utilità per fornirle senza pagare un forte deposito in anticipo, perché le società energetiche temono che i prezzi elevati spingeranno più piccole imprese all’insolvenza. Le famiglie a basso reddito, in particolare, ne subiranno il peso poiché i prezzi di beni e servizi salgono alle stelle e le aziende licenziano i dipendenti.

Se pensi che questo non possa accadere in America, ripensaci. La causa alla base della miseria energetica della Gran Bretagna è la sua fissazione con gli obiettivi climatici, in particolare l’ambizione di raggiungere net zero emissioni di CO2 entro il 2050. Per raggiungere questo obiettivo la Gran Bretagna è diventata ostile all’esplorazione energetica interna, vietando il fracking del gas di scisto e schiaffeggiando profitti inaspettati tasse sui produttori di petrolio e gas del Mare del Nord che scoraggeranno gli investimenti. L’invasione russa dell’Ucraina ha danneggiato, ma le politiche del Regno Unito hanno reso i suoi cittadini vulnerabili a un tale shock globale.

Il Regno Unito sta costruendo in ritardo nuove centrali nucleari, ma ci vorranno anni prima che diventino operative. L’inaffidabile energia eolica e solare aumentano i costi che la rete elettrica deve pagare per bilanciare domanda e offerta quando i venti sono calmi e il sole è dietro le nuvole e oltre l’80% delle famiglie inglesi fa affidamento sul gas anziché sull’elettricità per riscaldare le proprie case. Tutto ciò fa aumentare il costo della fornitura di energia, e poi il governo aggiunge circa £ 153 in prelievi verdi e una tassa sui consumi del 5% direttamente sulle bollette della famiglia.

Questo non è poi così diverso dalle politiche energetiche che l’Amministrazione Biden e i Democratici al Congresso, in California e New York stanno imponendo tramite l’Inflation Reduction Act e una miriade di attacchi normativi sui combustibili fossili e favorendo le energie rinnovabili. L’insensata innovazione britannica è un limite di prezzo che fa sì che aumenti di prezzo disastrosi avvengano due volte l’anno anziché continuamente.

Per adattare Hemingway, net zero ti fa fallire gradualmente, poi improvvisamente. L’improvvisa agonia energetica della Gran Bretagna è un avvertimento di cinque allarmi se i progressisti del clima continueranno a fare a modo loro.

Stop Press: Nel frattempo, il leader Ed Davey rivendica con orgoglio il merito di aver fermato il fracking.

Fonte : Daily Sceptic

Pubblicità