image_pdfimage_print

Di Kenneth Richard – 3 Novembre 2022

Gli scienziati lottano per mantenere le loro storie chiare sull’impatto antropogenico della CO2 sui climi polari.

Si sostiene che le emissioni antropogeniche di CO2 derivanti dalla combustione di combustibili fossili sono responsabili dell’amplificazione del riscaldamento (“amplificazione polare“) e della fusione dei ghiacci nei climi polari, coerentemente con le dichiarazioni relative al riscaldamento globale antropogenico.

Tuttavia, la stazione Larsen Ice Shelf dell’Antartide indica una massiccia tendenza al raffreddamento, -1,1 ° C per decennio, in corso dalla fine degli anni 1990 (Bozkurt et al., 2020).

Pubblicità
Fonte immagine: Bozkurt et al., 2020

Circa l’85% della calotta glaciale della Penisola Antartica Orientale ha subito “un avanzamento ininterrotto” dal 2003 (Christie et al., 2022).

Fonte immagine: Christie et al., 2022
L’Antartide orientale e occidentale si sono notevolmente raffreddate dal 1979. Le velocità di raffreddamento complessive di -0,7 ° C e -0,42 ° C per decennio dal 1979 al 2018 indicano rispettivamente -2,8 ° C e -1,68 ° C di raffreddamento totale per il continente continentale durante questi decenni (Zhu et al., 2021).

La penisola antartica ha iniziato un raffreddamento significativo solo nel 1990 (Oliva et al., 2017), e quindi il raffreddamento del 21 ° secolo non ha ancora superato o invertito la tendenza generale dal 1979.

Fonte immagine:Zhu et al., 2021

Altri scienziati suggeriscono che l’aumento di CO2 porta al raffreddamento, non al riscaldamento, in Antartide. Il forzante dell’effetto serra CO2 è anche “relativamente debole”, o vicino a 0 W/m², per la Groenlandia (Schmithüsen et al., 2015).

Fonte immagine: Schmithüsen et al., 2015

Nessuna di queste tendenze o attribuzioni è coerente con le affermazioni sul riscaldamento globale antropogenico o sull’amplificazione polare come conseguenza dell’aumento delle emissioni di CO2.

Fonte : No Tricks Zone

Pubblicità