image_pdfimage_print

Continuiamo a monitorare il Sole mentre si osserva già da qualche mese un periodo dove le zone attive si generano sulla superficie solare (fotosfera), ma, come detto in altri nostri articoli, non si generano le macchie solari.

Questo a causa della mancanza di forza magnetica da parte del Sole che come sappiamo è la forza che viene generata dalla dinamo solare.

Per dinamo solare si intende il processo fisico che genera il campo magnetico solare. Il Sole è circondato da un campo magnetico dipolare, così come molti altri corpi celesti, fra i quali la Terra. Il campo dipolare è prodotto da una corrente elettrica circolare che fluisce in profondità seguendo la legge di Ampère.

Pubblicità

Lo strato interno della nostra stella è molto denso e pesante e si comporta come un solido, mentre quello esterno, essendo più leggero si comporta come un liquido. Le due zone sono separate dal Tachocline ed è proprio qui che si genera la dinamo solare. La porzione esterna della stella “scorre” su quella interna, di fatto viene trascinata dal moto di rotazione del corpo solido dando vita ad una rotazione di tipo “differenziale”: i deboli campi magnetici poloidali vengono così trasformati in campi magnetici più intensi di forma “toroidale”. Successivamente le linee di campo magnetico si rinforzano ulteriormente grazie ad una altro tipo di rotazione differenziale tutto interno alla zona convettiva, ciò è dovuto al fatto che la velocità di rotazione è maggiore all’equatore rispetto alle zone polari. Lo “stiramento” del plasma causato dalla rotazione differenziale amplifica ulteriormente i campi magnetici generando “vortici”: aree dove la densità è minore con particelle estremamente cariche di energia elettromagnetica. Il moto convettivo trascina i flussi magnetici verso la fotosfera dando origine alle macchie solari.

Ma veniamo all’immagine della Sonda HMI Magnetogram dove vediamo quante zone attive si sono formate sulla superficie del Sole.

Immagine della sonda Sonda SDO/HMI Magnetogram

Ma ora guardate l’immagine di SDO/HMI Intensitygram – colored

Immagine della sonda Sonda SDO/HMI Intensitygram – colored

A oltre un anno dal minimo (novembre 2019) è imbarazzante la mancata formazione di macchie solari. Probabilmente sarà un altro ciclo solare debole. Da stabilire se il ciclo 25 sarà più debole del ciclo 24.

Pubblicità