image_pdfimage_print

Di Capp Allon 8 Maggio 2019

Il fronte freddo proveniente direttamente dell’Artico continua a provocare record di freddo in tutta Europa, mentre il prossimo Grand Solar Minimum continua la sua intensificazione.

Secondo un meteorologo di Météo France, “una massa di aria fredda polare direttamente dall’artico provoca gelate dalle pianure ai piedi dei Pirenei”.

Pubblicità

Molte regioni della Francia stanno registrando le loro temperature più fredde mai registrate nel mese di maggio.

Ne ho elencati alcuni qui sotto ( fonte: Météo France ):

  • A Barcelonnette (Alpes-de-Haute-Provence) è stata registrata la temperatura di -7,4C (18,7F) , che ha battuto il precedente record della temperatura fredda del mese di maggio del 1979.
  • -10C (14F) è stato misurato ad Alpe-d’Huez (Isère) nella notte di lunedì (6 maggio) distruggendo il precedente record di -7.5C (18.5F) che resisteva dall’8 maggio 1997. Inoltre, la temperatura massima per la giornata è stata misurata a -7.7C (18.1F) – abbastanza da superare il vecchio minimo storico.
  • A Beauvais (Oise) -2.4C (27.7F) ha battuto il record del 1957.
  • Mentre La Rochelle (Charente-Maritime) ha battuto il record storico di tutti i tempi del 1951 con 1.94C (35.5F).
  • Brest (Finistère) ha battuto il suo precedente record di 0.0C (32F) nel maggio 1945 e nel 1979 con un nuovo minimo di -0.2C (31.6F).
  • Anche le registrazioni furono interrotte ad Auch (Gers), Vic-en-Bigorre (Alti Pirenei) e Biscarosse (Landes).
  • Anche la Corsica, solitamente mite, non sfugge al freddo. La stazione meteorologica di Ile Rousse ha battuto il record per la temperatura più fredda di maggio mai registrata domenica 5 maggio quando una minima di 6C (42,8F) ha rotto i 7C del 1991 (44,6F).


Il record di freddo non dovrebbe dissiparsi fino all’inizio della prossima settimana. 

Video incorporato


La ricerca di (Mikhaël Schwander, et al, 2017) rivela che la bassa attività solare indebolisce la corrente a getto, ripristinando il suo solito flusso zonale (da ovest a est) verso un flusso meridiano più lento e ondoso (da nord a sud) – questo effetto è ulteriormente esasperato durante un Grande Minimo Solare, come quello in cui stiamo entrando adesso, e spiega perché le regioni diventano insolitamente calde o fredde e altre insolitamente secche o piovose, con gli estremi che durano per un lungo periodo di tempo.

Le fluttuazioni tra gli estremi saranno la nuova norma mentre il nostro sole continua la sua discesa verso il prossimo Grand Solar Minimum.


Le temperature medie globali stanno rispondendo.


Le colture stanno fallendo.


Prepararsi.


Grand Solar Minimum + Pole Shift 

Fonte: Electroverse

Pubblicità