12 aprile 2018 - 20:30 pm Pubblicato da
image_pdfimage_print

Di Robert Zimmerman – 9 aprile 2018

Pare sia quasi certo che il minimo solare sia arrivato, e finora lo ha fatto in anticipo rispetto al previsto! Domenica scorsa il NOAA ha pubblicato l’aggiornamento mensile del ciclo solare in corso, mostrando l’attività delle macchie solari di marzo 2018. Di seguito la mia versione annotata di quel grafico.

Marzo 2018 è stato il mese meno attivo per quanto riguarda le macchie solari dalla metà del 2009, quasi nove anni fa. In effetti, l’attività negli ultimi mesi è stata così bassa da corrispondere alla bassa attività solare registrata alla fine del 2007 e all’inizio del 2008, dieci anni fa, quando l’ultimo minimo solare è iniziato e indicato dalla linea gialla che ho aggiunto al grafico sottostante. Se il minimo solare è effettivamente arrivato, questo renderebbe il ciclo attuale di soli dieci anni, uno dei cicli solari più brevi mai registrati. Più importante, risulterebbe un ciclo debole. In passato, tutti i cicli brevi sono risultati cicli attivi. Questa è la prima volta che vediamo un ciclo breve e debole da quando gli scienziati hanno iniziato a seguire il ciclo solare nel 1700, dopo l’ultimo grande minimo del 1600, quando non vi erano quasi macchie solari.

Il grafico sopra è stato modificato per mostrare le previsioni della comunità scientifica. Le curve verdi mostrano le due previsioni originali degli scienziati da aprile 2007, con la metà di costoro che prevedevano un massimo molto forte e l’altra metà che aveva previsto un valore debole. La curva rossa è la loro previsione di maggio 2009 rivista.

Il grafico sopra, per gentile concessione di Sunspot Index and Long-term Solar Observations webpage (SILSO), vi darà un’idea di quanto poca attività si sia verificata a marzo. Si sono avuti soltanto cinque giorni durante l’intero mese in cui si sovo viste piccole macchie solari sul disco visibile del sole. Non si vedeva così poca attività solare dal 2009, quando il Sole era nel mezzo del suo minimo di macchie solari.

Potremmo comunque vedere un recupero nel ciclo delle macchie solari. Dalle osservazioni i cicli passati tendevano a scendere lentamente verso il minimo solare, non rapidamente come abbiamo visto finora nell’attuale ciclo. Ad esempio, se guardiamo l’attività delle macchie solari durante il 2007 sul grafico NOAA sopra. Anche se l’attività stava diminuendo, durante l’anno ci furono nuove esplosioni di attività solare, rallentando così l’arrivo del minimo. Quindi non sarebbe comunque sorprendente o inusuale vedere il ciclo ripartire in questo periodo.

Nondimeno, la mancanza dell’attività solare continua. Aprile è ora arrivato a quasi un terzo, e come mostrato sul grafico SILSO poco sopra, non abbiamo ancora visto una singola sunspot questo mese. Sempre più spesso, sembra che il minimo solare sia arrivato, ed è arrivato con uno due anni in anticipo rispetto al previsto, basato sulle previsioni con linee verdi e rosse della comunità scientifica solare nel 2007 e nel 2009.

La grande domanda rimane: stiamo per entrare in un grande minimo, come è accaduto durante il Maunder Minimum nel 1600? Durante quel secolo non ci furono praticamente macchie solari. Poiché si verificò immediatamente dopo l’invenzione del telescopio, gli astronomi non avevano idea che la mancanza di macchie solari fosse insolita e non gli prestarono molta attenzione. Fu solo quando il ciclo solare riprese nel 1700 che scoprirono la sua esistenza, e così realizzò la straordinaria natura del minimo storico che era appena terminato. Sfortunatamente, era finito, e la possibilità di studiarlo svanì.

Quindi, se sta per iniziare un nuovo grande minimo, sarà un’opportunità irripetibile per gli odierni scienziati che studiano il Sole. Non solo impareranno a studiare il Sole in quanto si comportano in un modo che non hanno mai visto prima, ma saranno in grado di farlo con l’attuale falange di osservatori spaziali. La possibilità di ottenere una migliore comprensione del Sole non avrà precedenti.

Inoltre, il verificarsi di un grande minimo ora aiuterebbe nel campo climatico. In realtà non conosciamo la piena influenza dei cicli solari del Sole sul clima della Terra. Ci sono ampie prove circostanziali che ha un impatto significativo, come nella Piccola Era Glaciale che si è verificata durante l’ultimo grande minimo, così come i climi insolitamente freddi che eguagliavano anche i cicli deboli del passato, ora, e anche nei primi anni del XIX e del XX. secolo. Studiare un grande minimo con gli strumenti sofisticati di oggi potrebbe aiutare a misurare con precisione quanto l’attività delle macchie solari del Sole, o la sua mancanza, possa cambiare il clima sulla Terra.

E acquisire questa conoscenza è fondamentale. Nonostante le ripetute affermazioni da parte di politici e attivisti di sinistra secondo cui la scienza del clima è “stabilizzata”, in realtà non abbiamo una buona comprensione di come funzioni il complesso clima della Terra. Ci sono molte grandi incertezze, di cui il Sole è solo uno. Non conosciamo ancora la piena influenza dell’inquinamento, che gli scienziati del clima chiamano generalmente aerosol. Non conosciamo l’impatto completo della copertura nuvolosa della Terra. Non conosciamo ancora la piena influenza dei vulcani.

E non conosciamo ancora il pieno impatto dell’aumento del biossido di carbonio atmosferico dovuto all’attività umana, soprattutto perché questo gas è solo un gas traccia nell’atmosfera terrestre ed è la sua componente di riscaldamento globale meno importante (l’acqua è il sovrano del riscaldamento globale).

Riempire le lacune esistenti nella nostra conoscenza sull’influenza solare potrebbe essere solo una delle componenti di questa complessa scienza, ma potrebbe essere la più importante. Si spera che il prossimo decennio ci fornirà qualche indizio per risolvere questa storia poliziesca scientifica.

Fonte: Behind The Black

Enzo
Attività Solare

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
(19 voti, media: 4,95 su 5)
Loading...