image_pdfimage_print

Di CAPP ALLON – 17 Ottobre 2022

Un gruppo eterogeneo di esperti di scienziati globali ritiene che accusare il cambiamento climatico principalmente alle emissioni di gas serra sia prematuro.

Lo studio dimostra che i loro risultati contraddicono la conclusione dell’IPCC, che si basa su dati ristretti e incompleti sull’irraggiamento solare totale del Sole (TSI).

Pubblicità
La maggior parte dell’energia nell’atmosfera terrestre proviene dal Sole. È stato a lungo riconosciuto che i cambiamenti nel cosiddetto “irraggiamento solare totale” (TSI), cioè la quantità di energia emessa dal Sole, negli ultimi secoli, potrebbero aver contribuito in modo sostanziale ai recenti cambiamenti climatici. Tuttavia, questo nuovo studio ha rilevato che l’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) delle Nazioni Unite ha considerato solo un piccolo sottoinsieme dei set di dati della TSI pubblicati quando stavano valutando il ruolo del Sole nei cambiamenti climatici e che questo sottoinsieme includeva solo set di dati di “bassa variabilità solare”. Di conseguenza, l’IPCC prematuramente ha escluso un ruolo sostanziale del Sole nei recenti cambiamenti climatici.


L’articolo di revisione scientifica esamina il ruolo che il Sole ha svolto nel “cambiamento climatico” negli ultimi 150 anni.

Appura che il Gruppo di esperti intergovernativo sui cambiamenti climatici (IPCC) delle Nazioni Unite potrebbe aver concluso prematuramente che i recenti cambiamenti climatici sono principalmente causati dalle emissioni antropiche di gas serra.

L’articolo, pubblicato da 23 esperti nel campo della fisica solare e della scienza del clima provenienti da 14 paesi diversi, è pubblicato sulla rivista peer-reviewed Research in Astronomy and Astrophysics (RAA).

Lo studio, il più completo fino ad oggi, effettua un’analisi dei 16 più importanti set di dati pubblicati sulla produzione solare, compresi quelli utilizzati dall’IPCC.

I ricercatori li hanno confrontati con 26 diverse stime delle tendenze della temperatura dell’emisfero settentrionale dal 19 ° secolo (ordinate in cinque categorie), compresi i set di dati utilizzati dall’IPCC.

Si sono concentrati sull’emisfero settentrionale poiché i dati disponibili per l’inizio del 20 ° secolo, molto più limitati per l’emisfero australe, anche se i loro risultati possono essere generalizzati per le temperature globali.

Quanto il Sole ha influenzato l’andamento della temperatura dell’emisfero settentrionale? (clicca sull’immagine per ingrandirla)


Lo studio ha rilevato che gli scienziati giungono a conclusioni opposte sulle cause dei recenti cambiamenti climatici a seconda dei set di dati che considerano.

Ad esempio, nei grafici sopra, i pannelli a sinistra portano alla conclusione che i cambiamenti della temperatura globale dalla metà del 19 ° secolo sono stati principalmente dovuti alle emissioni causate dall’uomo, in particolare l’anidride carbonica (CO2), cioè la conclusione raggiunta dai rapporti IPCC delle Nazioni Unite.

Al contrario, i pannelli sulla destra portano a una conclusione esattamente opposta, cioè che i cambiamenti della temperatura globale dalla metà del 19 ° secolo sono stati principalmente dovuti a cicli naturali, principalmente cambiamenti a lungo termine nell’energia emessa dal Sole.

Entrambi i gruppi di esperti scientifici si basano su dati scientifici pubblicati, ma ciascuno utilizza set di dati e ipotesi diverse.

A sinistra, si presume che le registrazioni della temperatura disponibili non siano influenzate dal problema dell’isola di calore urbana, e quindi vengono utilizzate tutte le stazioni, sia urbane che rurali.

Sulla destra vengono utilizzate solo stazioni rurali.

Mentre a sinistra, la produzione solare è modellata utilizzando il set di dati a bassa variabilità che è stato scelto per i prossimi (nel 2021/2022) 6th Assessment Report dell’IPCC. Ciò implica zero contributo da fattori naturali al riscaldamento a lungo termine.

Sulla destra, la produzione solare è modellata utilizzando un set di dati ad alta variabilità utilizzato dal team responsabile dei satelliti di monitoraggio solare ACRIM della NASA. Ciò implica che la maggior parte, se non tutti, i cambiamenti di temperatura a lungo termine sono dovuti a fattori naturali.

Dr. Ronan Connolly, autore principale dello studio, presso il Center for Environmental Research and Earth Sciences (CERES):

“L’IPCC ha il mandato di trovare un consenso sulle cause del cambiamento climatico. Capisco l’utilità politica di avere una visione consensuale in quanto rende le cose più facili per i politici. Tuttavia, la scienza non funziona per consenso. In effetti, la scienza prospera meglio quando agli scienziati è permesso di non essere d’accordo tra loro e di indagare le varie ragioni del disaccordo. Temo che considerando efficacemente solo i set di dati e gli studi che supportano la narrativa scelta, l’IPCC abbia seriamente ostacolato il progresso scientifico nella comprensione genuina delle cause dei cambiamenti climatici recenti e futuri. Sono particolarmente disturbato dalla loro incapacità di spiegare in modo soddisfacente le tendenze della temperatura rurale”.


La revisione di 72 pagine (18 figure, 2 tabelle e 544 riferimenti) ha esplicitamente evitato l’approccio guidato dal consenso dell’IPCC in quanto gli autori hanno concordato di enfatizzare dove esistono opinioni scientifiche dissenzienti e dove c’è accordo scientifico.

In effetti, ciascuno dei co-autori ha opinioni scientifiche diverse su molte delle questioni discusse, ma hanno concordato che questo articolo presenti in modo equo gli argomenti concorrenti tra la comunità scientifica per ciascuno di questi problemi e lasci che il lettore si faccia un’idea.

Diversi co-autori hanno parlato di come questo processo di revisione oggettiva dei pro e dei contro degli argomenti scientifici concorrenti per l’articolo abbia dato loro nuove idee per la propria ricerca futura. Gli autori hanno anche parlato di come i rapporti dell’IPCC avrebbero più validità scientifica se l’IPCC iniziasse ad adottare questo approccio guidato dal non-consenso.

La citazione completa per lo studio, e in effetti lo studio stesso, può essere trovata QUI.


CITAZIONI DI ALCUNI DEGLI ALTRI CO-AUTORI

Víctor Manuel Velasco Herrera, professore di fisica teorica e geofisica presso l’Università Nazionale Autonoma del Messico (UNAM) ha dichiarato:

“Questo documento è molto speciale in quanto tutti i 23 co-autori mettono da parte le nostre direzioni di ricerca e specialità per produrre una revisione scientifica equa ed equilibrata sul tema delle connessioni sole-clima che i rapporti dell’IPCC delle Nazioni Unite avevano per lo più mancato o semplicemente trascurato”.


Nicola Scafetta, professore di Oceanografia e Fisica dell’Atmosfera presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II (Italia):

“Il possibile contributo del sole al riscaldamento globale del 20 ° secolo dipende molto dalle specifiche registrazioni solari e climatiche adottate per l’analisi. La questione è cruciale perché l’attuale affermazione dell’IPCC secondo cui il sole ha avuto un effetto trascurabile sul riscaldamento climatico post-industriale si basa solo su previsioni del modello di circolazione globale che vengono confrontate con i record climatici, che sono probabilmente influenzati da distorsioni del riscaldamento non climatico (come quelli relativi all’urbanizzazione) e che sono prodotti utilizzando funzioni di forzatura solare che sono ottenuti con registrazioni di irraggiamento solare totale che presentano la più piccola variabilità secolare (ignorando gli studi solari che indicano una variabilità solare molto più ampia che mostrano anche una diversa modulazione che si correla meglio con quelle climatiche). La conseguenza di tale approccio è che la componente naturale del cambiamento climatico è ridotta al minimo, mentre quella antropogenica è massimizzata. Sia gli scienziati solari che quelli del clima troveranno lo studio RAA utile e tempestivo, in quanto evidenzia e affronta proprio questo problema”.


Ole Humlum, professore emerito di geografia fisica presso l’Università di Oslo, Norvegia:

“Questo studio dimostra chiaramente la grande importanza di esaminare attentamente tutti gli aspetti di tutti i dati disponibili. Ovviamente, il vecchio detto ‘Nullius in verba’ è ancora molto rilevante nella moderna ricerca sul clima”.


Gregory Henry, Senior Research Scientist in Astronomia, del Center of Excellence in Information Systems (U.S.A.) della Tennessee State University:

“Negli ultimi tre decenni, ho acquisito misurazioni altamente precise dei cambiamenti di luminosità in oltre 300 stelle simili al Sole con una flotta di telescopi robotici sviluppati per questo scopo. I dati mostrano che, con l’invecchiamento delle stelle simili al Sole, la loro rotazione rallenta, e quindi la loro attività magnetica e la variabilità della luminosità diminuiscono. Stelle simili per età e massa al nostro Sole mostrano cambiamenti di luminosità paragonabili a quelli del Sole e ci si aspetterebbe che influenzino i cambiamenti climatici nei loro sistemi planetari”.


Valery M. Fedorov, presso la Facoltà di Geografia dell’Università Statale Lomonosov di Mosca, Russia:

“Lo studio del cambiamento climatico globale ha bisogno di una revisione analitica degli studi scientifici sulle variazioni della radiazione solare associate al moto orbitale della Terra che potrebbe aiutare a determinare il ruolo e i contributi delle variazioni della radiazione solare di diversa natura fisica ai cambiamenti climatici a lungo termine. Questo documento indirizza la priorità scientifica nella giusta direzione”.


Richard C. Willson, ricercatore principale responsabile della serie ACRIM della NASA di esperimenti satellitari Total Solar Irradiance (U.S.A.):

“Contrariamente ai risultati dell’IPCC, le osservazioni scientifiche degli ultimi decenni hanno dimostrato che non esiste una ‘crisi del cambiamento climatico’. Il concetto che è devoluto nell’ipotesi del riscaldamento globale antropogenico della CO2 (CAGW) fallito si basa sulle previsioni errate di modelli di circolazione globale vintage imprecisi del 1980 che non sono riusciti a corrispondere ai dati osservativi sia dal momento che prima della loro fabbricazione.

Il clima della Terra è determinato principalmente dalla radiazione che riceve dal Sole. La quantità di radiazione solare che la Terra riceve ha variabilità naturali causate sia da variazioni nella quantità intrinseca di radiazione emessa dal Sole sia da variazioni nella geometria Terra-Sole causate da variazioni di rotazione planetaria e orbitale. Insieme, queste variazioni naturali fanno sì che l’irraggiamento solare totale (TSI) sulla Terra vari ciclicamente su un numero di periodicità note che sono sincronizzate con i cambiamenti climatici del passato noti”.


WeiJia Zhang, professore di fisica alla Shaoxing University (Cina) e membro della Royal Astronomical Society (Regno Unito):

“La ricerca di capire come il clima della Terra è collegato al Sole è una delle più antiche materie scientifiche studiate dagli antichi greci e cinesi. Questo documento di revisione spalanca il mistero e spiega perché finora è stato così difficile fare progressi scientifici. Ci vorrà la vera comprensione della fluidodinamica e del magnetismo sia sul Sole che sulla Terra per trovare il prossimo grande balzo in avanti”.


Hong Yan (晏宏), professore di geologia e paleoclimatologia presso l’Istituto per l’ambiente terrestre e vicedirettore del laboratorio di Stato di Loess e geologia quaternaria a Xi’an, Cina:

“Le prove paleoclimatiche ci informano da tempo delle grandi variazioni naturali del clima locale, regionale ed emisferico su scale temporali decennali, multidecennali e centenarie. Questo articolo sarà una grande guida scientifica su come possiamo studiare l’ampio argomento dei cambiamenti climatici naturali dalla prospettiva unica delle forzanti esterne da parte degli impatti e delle risposte multi-scala e multi-lunghezza d’onda del Sole”.


Ana G. Elias, Direttrice del Laboratorio de Ionosfera, Atmósfera Neutra y Magnetosfera (LIANM) presso la Facultad de Ciencias Exactas y Tecnología dell’Universidad Nacional de Tucumán (FACET-UNT), Argentina:

“L’importanza di questo lavoro sta nel presentare una prospettiva più ampia, mostrando che tutte le forzanti di variabilità climatica rilevanti a lungo termine, e non solo quelle antropogeniche (come è stato fatto per lo più), devono essere considerate. Anche il modo in cui viene stimato il ruolo di queste forzature, come nel caso dell’attività solare e geomagnetica, è importante, senza minimizzare nessuno nel perseguimento dell’altro. Anche il campo magnetico terrestre potrebbe svolgere un ruolo nel clima”.


Willie Soon, presso il Center for Environmental Research and Earth Sciences (CERES), che ha anche studiato le relazioni sole/clima presso l’Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics (U.S.A.) dal 1991:

“Sappiamo che il Sole è la fonte primaria di energia per l’atmosfera terrestre. Quindi, è sempre stato un ovvio potenziale contributo ai recenti cambiamenti climatici. La mia ricerca negli ultimi 31 anni sul comportamento di stelle simili al nostro Sole, mostra che la variabilità solare è la norma, non l’eccezione. Per questo motivo, il ruolo del Sole nei recenti cambiamenti climatici non avrebbe mai dovuto essere sistematicamente minato come lo è stato dai rapporti dell’IPCC. Speriamo che questa revisione sistematica delle molte sfide e complessità irrisolte e in corso delle relazioni Sole/clima possa aiutare la comunità scientifica a tornare a un approccio più completo e realistico alla comprensione dei cambiamenti climatici”.


László Szarka, dell’Istituto ELKH di fisica della Terra e scienze spaziali (Ungheria) e membro dell’Accademia ungherese delle scienze:

“Questa revisione è una pietra miliare cruciale sulla strada per ripristinare la definizione scientifica di ‘cambiamento climatico’ che è stata gradualmente distorta negli ultimi tre decenni. La comunità scientifica dovrebbe finalmente rendersi conto che nella scienza non c’è autorità o consenso; solo il diritto di cercare la verità”.

La scienza è risolta, giusto?

Beh, no, questa affermazione è una bugia, e questi 23 eminenti fisici solari e scienziati del clima ne sono la prova; Stanno mettendo in gioco la loro reputazione – e in alcuni casi le loro carriere – per condividere con voi le loro scoperte.

Aiuta le loro voci a crescere più forte diffondendo il loro messaggio. Dai agli altri nella tua “cerchia di influenza” l’opportunità di risvegliarsi, di scoprire il vero significato dello sforzo scientifico; cioè, mettere in discussione tutto.

Fonte : ELECTROVERSE

Pubblicità