17 luglio 2017 - 14:00 pm Pubblicato da

Di David Sivak – 14/07/2017

Diversi media hanno riportato che mercoledì 12 luglio un enorme iceberg dalle dimensioni del Delaware si è staccato in Antartide. Politici, giornalisti e altri hanno rapidamente associato la notizia ai cambiamenti climatici.

Il commentatore politico David Sirota ha scritto su twitter che il pianeta ha ormai raggiunto uno “stadio di cambiamenti climatici apocalittici”. Il senatore democratico Ed Markey ha definito in una dichiarazione che l’iceberg staccato è “monumentalmente allarmante”. L’account su twitter di Climate Action delle Nazioni Unite ha condiviso l’accaduto con l’hashtag “#climatechange”.

Il verdetto: privo di fondamento

I principali esperti non hanno trovato prove dirette per poter collegare l’evento ai cambiamenti climatici, anche se alcuni esperti non sono d’accordo. Mentre molti altri esperti descrivono il distacco dell’iceberg come un evento naturale, molti credono che il cambiamento climatico abbia causato il crollo parziale della piattaforma di ghiaccio antartica nella storia recente.

Situazione monitorata da tempo:

Gli scienziati hanno controllato la frattura della piattaforma Larsen in Antartide per anni. Quando i ricercatori hanno confermato che mercoledì si era formato un grande iceberg, alcuni dei media e altri riflessivamente attribuivano l’evento ai cambiamenti climatici.

Ma molti scienziati del clima si sono opposti alla nozione che il cambiamento climatico abbia potuto causare il distaccamento di una parte della piattaforma. “Siamo rimasti sorpresi dal livello di interesse in ciò che può semplicemente essere un evento raro ma naturale”, ha scritto in un articolo Adrian Luckman, professore di glaciologia presso l’Università di Swansea.

Gli iceberg possono formarsi come parte di un processo naturale, che si verifica ogni pochi decenni. “La nascita di un iceberg derivante dalla frattura del ghiacciaio è un fenomeno naturale ed è troppo prematuro collegare questo evento al cambiamento climatico causato dall’uomo, perché non ci sono prove dirette per poterlo affermare”, ha riferito Luckman al Daily Caller News Foundation.

Mentre il cambiamento climatico potrebbe non essere il colpevole in questo caso, gli scienziati hanno generalmente attribuito altri eventi alla piattaforma di ghiaccio della Larsen ai cambiamenti climatici. “Il riscaldamento climatico nella penisola è ben documentato fin dagli anni ’50”, ha dichiarato a TheDCNF Eric Rignot, un glaciologo della NASA e dell’Università della California-Irvine. “Quella zona si sta scaldando più velocemente che nel resto dell’Antartide”.

La Penisola Antartica è uno dei diversi punti al mondo in cui gli scienziati hanno osservato un rapido riscaldamento. I periodi di rapido riscaldamento e raffreddamento si sono succeduti nella penisola negli ultimi 1.000 anni e, anche se la regione ha subito un riscaldamento negli ultimi decenni, le ricerche suggeriscono che le temperature rientrano all’interno della variabilità naturale della regione. La penisola può anche vivere un periodo di raffreddamento.

Gli esperti ritengono che le temperature più calde hanno causato infiltrazioni e l’indebolimento della Larsen B, una parte della piattaforma di ghiaccio che crollò nel 2002. Ma gli scienziati non hanno osservato gli stessi fenomeni sulla Larsen C, zona in cui si è formato il nuovo iceberg.

“La Larsen C non ha mostrato la stessa causa di rottura della Larsen B, quindi per noi non è facile attribuirlo rapidamente a meccanismi simili”, ha detto a TheDCNF, Kelly Brunt, glaciologo della NASA Goddard Space Flight Center.

Eppure alcuni esperti ritengono che vi sia un legame con i cambiamenti climatici. “Nel corso di un periodo di riscaldamento duraturo, la Larsen C ha perso area nel corso degli anni e risulta ora in ritiro”, ha detto Luckman. “Queste prove circostanziali sono sufficienti per convincere molti che il cambiamento climatico ha giocato buona parte nella rottura della Larsen C.”

Rignot è uno di quegli scienziati. “Non capisco bene i colleghi che non attribuiscono questo massiccio distaccamento al cambiamento climatico”, ha detto. “Questo evento non fa parte del ciclo naturale”.

Vi è un vero disaccordo tra gli esperti sulle cause del distacco. “Uno spessore di ghiaccio più sottile, però, non è necessariamente più probabile che si spezzi perché il processo di frattura è un fenomeno complesso”.

Che l’iceberg si sia formato o meno a causa del cambiamento climatico, gli esperti non credono che il numero di iceberg formati nella regione contribuisca significativamente all’aumento del livello del mare. Ma sono comunque preoccupati per i cambiamenti che potrebbero derivarne nella penisola.

“La situazione potrebbe essere di pericolo”, ha scritto Helen Fricker, professore presso l’istituto di scuola di Oceografia, in un recente articolo. “Vogliamo che le persone siano a conoscenza di ciò che accade in Antartide e che sia preoccupata per ciò che potrebbe accadere in un prossimo futuro a causa dei cambiamenti climatici.

Fonte: dailycaller

Enzo
Attività Solare

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
(8 voti, media: 4,50 su 5)
Loading...