image_pdfimage_print

Di CAPP ALLON – 24 Novembre 2022

UN’ALTRA EPIDEMIA ARTICA STORICA PER IL CANADA E GLI STATI UNITI

Un flusso di corrente a getto “meridionale” indotto dalla bassa attività solare si sta preparando per deviare un’altra ondata di freddo gelido polare in profondità nel continente nordamericano.

I meteorologi del Weather Network avvertono che un potente vortice polare – alias epidemia artica – porterà “un pezzo considerevole di aria gelida” dalla Siberia e dall’Alaska a partire da questo fine settimana, con minimi record e nevi sbalorditive a partire da sabato e fino a dicembre.

Pubblicità

Si prevede che questi “blu” e “viola” si estenderanno dalla Groenlandia al Messico, come visualizzato nell’ultima corsa GFS:

Anomalie di temperatura GFS 2m (C) 28 novembre – 4 dicembre [tropicaltidbits.com].

Con i totali di neve che lo accompagnano sembrano altrettanto impressionanti e diffusi:

GFS Total Snowfall (pollici) 24 novembre – 10 dicembre [tropicaltidbits.com].

Metro Vancouver, ad esempio, può aspettarsi più neve mentre la colonnina di mercurio ancora una volta diminuisce, raffiche che arriveranno calde sulla scia di quella che è stata una delle prime nevicate della città registrate il 7 novembre.

“Abbiamo già visto questo modello, l’aria artica si è riversata in tutto il Canada all’inizio di novembre”, scrive il meteorologo di Weather Network Tyler Hamilton.

Per quanto riguarda l’imminente epidemia, Hamilton spiega che una cresta di alta pressione sull’Alaska sta per portare una massa di aria gelida in Canada dal nucleo di un vortice polare attualmente situato sulla Siberia orientale – e non si prevede che si schiarirà presto.

“Due creste superiori agganceranno la prossima ondata di freddo [in atto] fino a dicembre”, ha aggiunto Hamilton. “I segni di un modello di blocco sulla Groenlandia orientale stanno crescendo, comprimendo l’anomalia fredda in Canada” – e anche in Europa.


PREVISIONI DI GELO FEROCE PER L’EUROPA, INCLUSO IL REGNO UNITO

Durante gli ultimi inverni, in particolare quello del 2018, i picchi di blocco hanno provocato l’incanalamento di aria gelida in Europa dal nord-est e dalla Russia/Siberia, spesso soprannominata “Bestia dall’Est”.

L’inverno 2018 ha visto l’Europa sopportare condizioni per mesi con nevicate record che hanno colpito molte nazioni, incluso il Regno Unito.

Con il Sole che sembra scivolare nel suo prossimo Grand Solar Minimum – un prolungato periodo di declino solare – si prevede che questi massimi di blocco diventino più frequenti e prevalenti.

Il partito AGW è disperato nel collegare questo fenomeno sempre più comune al riscaldamento globale, ma la scienza e la logica semplicemente non si sovrapporranno a loro. Per arrivare alla loro conclusione, una serie di supposizioni senza senso devono essere fatte dal credente …

In primo luogo, l’aumento dei livelli di CO2 sta riscaldando in modo sproporzionato i poli, per i quali non ci sono prove – l’Antartide continua a raffreddarsi, per amore del crikey; E in secondo luogo, anche se i poli si riscaldassero per primi/di più, la ridotta differenza di temperatura tra loro e le regioni a bassa latitudine ridurrebbe gli eventi meteorologici estremi, non li intensificherebbe. Dopo tutto, gli eventi meteorologici sono guidati dal gradiente di temperatura tra le latitudini. Un riscaldamento dell’Artico comporterebbe epidemie di freddo meno intense e una minore intrusione di aria polare che si scontra con aria calda e umida nelle regioni più miti.

Gli allarmisti climatici hanno la loro scienza completamente al contrario.

Ma questo pensiero a ritroso non è organico, è stato allevato intenzionalmente.

Guardando l’ultima corsa GFS (mostrata sotto), un feroce congelamento è in corso per colpire la maggior parte del continente europeo mentre il calendario si sposta a dicembre (certamente nel lasso di tempo inaffidabile, ma il modello GFS si è dimostrato notevolmente accurato di recente):

Anomalie di temperatura GFS 2m (C) 4 dicembre – 10 dicembre [tropicaltidbits.com].


Tali condizioni si rivelerebbero un mal di testa nel migliore dei casi, ma questo inverno, ovviamente, sta portando con sé ulteriori complicazioni.

L’Europa, attraverso la sua leadership corrotta e le sue politiche energetiche suicide e di “segnalazione di virtù”, si sta dirigendo verso la stagione fredda con riserve di gas molto limitate o, più precisamente, senza un modo chiaro per ricaricare i serbatoi una volta esauriti.

I tassi di potenza in avanti stanno aumentando sulla base delle previsioni fredde di cui sopra. Le tariffe nordiche, ad esempio, sono salite per la terza sessione consecutiva mercoledì, a 265 euro per megawattora (contratto di potenza del carico di base del primo trimestre ENOFBLQc1).

Un inverno freddo è l’ultima cosa di cui i leader dell’UE avevano bisogno, ma un inverno freddo si preannuncia – grazie alla bassa attività solare:

Mikhaël Schwander, et al, 2017:

Il flusso zonale caratteristico dei tipi occidentali è ridotto sotto la bassa attività solare mentre il flusso continentale per i tipi orientali e settentrionali è migliorato. Ciò è confermato anche dalla maggiore frequenza di blocco sulla Scandinavia in condizioni di bassa attività solare.

L’analisi durata 247 anni dell’impatto del ciclo solare di 11 anni sui modelli meteorologici europei di fine inverno suggerisce una riduzione del verificarsi di tipi di flusso occidentali legati a un flusso zonale medio ridotto sotto bassa attività solare. Sulla base di queste prove osservative, stimiamo che la probabilità di avere condizioni fredde in inverno sull’Europa sia più alta sotto bassa attività solare che sotto alta attività.


DUE VULCANI RUSSI SI AGITANO

Imponenti nuvole di cenere e lava incandescente stanno fuoriuscendo da due vulcani sulla penisola russa della Kamchatka e gli scienziati avvertono che potrebbero essere in arrivo grandi eruzioni.

La penisola orientale è una delle aree più concentrate al mondo di attività geotermica, sede di circa 30 vulcani attivi.

Questa improvvisa nuova attività ha seguito un forte terremoto che ha colpito sabato.

L’istituto di vulcanologia dell’Accademia Russa delle Scienze ha dichiarato che a Klyuchevskaya Sopka, il vulcano attivo più alto dell’Eurasia, sono state registrate fino a 10 esplosioni all’ora. Anche i flussi di lava e le emissioni di cenere provengono dal vulcano Shiveluch.

Vulcano Klyuchevskaya [Boris Smirnov/AP].


La Kamchatka è scarsamente popolata.

Questi recenti rumori rappresentano un rischio diretto minimo o nullo per le persone sul campo.

Che cosa sia questo aumento, tuttavia, è indicativo dei tempi.

Le eruzioni vulcaniche sono una delle principali forzanti climatiche che spingono la Terra nel suo prossimo attacco di raffreddamento globale. È stato dimostrato che aumentano sia in numero che in esplosività durante i periodi di prolungato declino solare, che si pensa siano legati a un afflusso di raggi cosmici (CR) che penetrano ed eccitano il magma ricco di silice. In breve, durante i minimi solari il campo magnetico del Sole si indebolisce e la pressione verso l’esterno del vento solare diminuisce, il che consente a più CR di entrare nel sistema solare interno, compresa l’atmosfera del nostro pianeta.

Per ulteriori informazioni, fai clic sul link sottostante:

Flusso di raggi cosmici e raffreddamento globale: le implicazioni sono alle porte


L’eruzione mesosferica di Hunga Tonga-Ha’apai del 15 gennaio – la più alta mai registrata – sta continuando a esercitare un effetto di raffreddamento sull’emisfero australe mentre il particolato espulso continua a circolare nelle zone più alte dell’atmosfera, bloccando la luce solare.

Ora, quei particolati stanno filtrando verso nord dove stanno iniziando a colpire anche l’NH, giusto in tempo per l’inverno.

Fonte : ELECTROVERSE

Pubblicità