image_pdfimage_print

Di CAPP ALLON – 26 Luglio 2019

Mentre l’Europa occidentale e centrale, negli ultimi giorni, è rimasta “sotto” un caldissimo flusso ondulato (che ha convogliato un canale aria calda africana), le regioni orientali devono ora fare fronte a una “invasione ultrapolare” che scende veloce verso sud e che potrebbe portare una incredibile e rara nevicata estiva nella regione di Mosca).

La maggior parte dell’Europa ha sofferto fredde temperature anomale per tutto il mese di luglio, e tuttavia, mentre l’Occidente riceve un periodo di  calore, l’Oriente continua a soffrire di forti piogge e temperature storicamente basse.

Pubblicità

Il clima di Mosca è stato particolarmente grigio questo mese e la situazione non andrà verso un miglioramento con i meteorologi che avvertono di una “invasione ultrapolare” che colpirà nei prossimi giorni e che potrebbe, sorprendentemente, portare nevischio e persino un po’ di neve estiva nella capitale cosmopolita della Russia.

Secondo le notizie di RIA Novosti, questa domenica un fronte freddo potrebbe investire la Russia nord-orientale, il che probabilmente causerà la caduta di neve all’interno e fuori dal circolo polare artico.”Dio non voglia, non a Mosca”, ha esclamato il meteorologo Tatyana Pozdnyakova mentre ripassava le carte meteorologiche. 

GFS ANOMALIE TEMPERATURE (C) – EUROPE – 30 LUGLIO- 09 AGOSTO

Tuttavia, Pozdnyakova ha avvertito i moscoviti che dovrebbero prepararsi a temperature di freddo storico e forti piogge nel caso in cui la neve dovesse non cadere nella metropoli. 

Prepararsi per una Russia fredda, perché i tuoi illustri astrofisici Habibullo I. Abdussamatov, et al. da tempo affermano:

“Possiamo attenderci l’inizio di un minimo bicentenario profondo della Total Solar Irradiance (TSI) tra circa il 2042 ± 11 e il diciannovesimo minimo profondo della temperatura globale negli ultimi 7500 anni nel 2055 ± 11. Dopo il massimo del ciclo solare 24, a partire da circa il 2014, possiamo aspettarci l’inizio del raffreddamento profondo con una piccola era glaciale nel 2055 ± 11″.

–Habibullo I. Abdussamatov, capo del laboratorio di ricerca spaziale presso l’Osservatorio Pulkovo dell’Accademia delle scienze russa, San Pietroburgo, Russia: 01 febbraio 2012 (http://ccsenet.org) 

Il calo sta avvenendo quasi esattamente come previsto dal russo, e ora lo vede anche la NASA, con le loro recenti previsioni del SC25 che rivelano come il prossimo sarà “il ciclo più debole degli ultimi 200 anni” (https://www.nasa.gov):

ALTRO DAL DR. ABDUSSAMATOV

Di seguito è riportato un estratto dello studio del 2016 dal titolo Evidence-Based Climate Science(Seconda Edizione).

Il Dr. Habibullo Abdussamatov è citato nel capitolo 17:

È INIZIATA UNA NUOVA PICCOLA ERA GLACIALE

“Dal 1990, il Sole è in fase di declino nella variazione della quasi bicentenaria Total Solar Irradiance (TSI). La diminuzione della porzione di TSI assorbita dalla Terra dal 1990 è rimasta non compensata dalle radiazioni in uscita verso lo spazio dalla Terra a onde lunghe al precedente livello elevato a causa dell’inerzia termica degli oceani del pianeta. Di conseguenza, la Terra ha e continuerà ad avere un bilancio energetico medio annuo negativo e una condizione termica avversa a lungo termine.

“L’epoca quasi centenaria della nuova Piccola Era Glaciale è iniziata alla fine del 2015 dopo la fase massima del ciclo solare 24. L’inizio di un profondo minimo solare è previsto nel ciclo solare 27 ± 1 nel 2043 ± 11 e l’inizio di una profonda fase di raffreddamento della nuova Piccola Era Glaciale nel 2060 ± 11.

“Il progressivo indebolimento della Corrente del Golfo porta a un più forte raffreddamento nella zona della sua azione nell’Europa occidentale e nelle zone orientali degli Stati Uniti e del Canada. Le variazioni cicliche quasi bicentenarie della TSI insieme alle successive influenze molto importanti degli effetti di feedback causale sono le principali cause fondamentali delle corrispondenti alternanze delle variazioni climatiche dal riscaldamento alla Piccola Era Glaciale”. 

IL CAMBIAMENTO DEL JET STREAM

Durante un minimo solare, il normale flusso zonale del Jet Stream (direzione ovest-est) ritorna a un flusso meridionale (direzione nord-sud) – questo è ulteriormente esasperato durante un minimo solare prolungato, come quello in cui stiamo entrando ora e spiega anche il perché le regioni diventano insolitamente calde o fredde e altre insolitamente secche o piovose, con gli estremi che durano per un lungo periodo di tempo. 

Notate la recente isteria per quanto riguarda il calore anomalo che soffre la Groenlandia.

Beh, le fredde temperature della Groenlandia non sono aumentate e non sono svanite, sono state semplicemente dirottate a sud da un flusso ondulato – e questo è il motivo principale per cui le latitudini più basse hanno registrato basse temperature negli ultimi tempi.

In effetti, gli Stati Uniti hanno appena subito il più freddo periodo da ottobre a maggio che la storia abbia mai registrato.

Inoltre, come sottolineato dalla NASA, alcune regioni del pianeta in realtà si riscaldano durante i periodi di raffreddamento globale: l’Artico, l’Alaska e il Nord Atlantico/Sud Groenlandia per citarne alcuni (anche se il “caldo” presente nell’Artico, ad esempio, fa ancora una media ben al di sotto dello zero, quindi non c’è ulteriore fusione): 

Variazione della temperatura tra il 1780 (un anno di normale attività solare) e il 1680 (un anno all’interno del profondo minimo di Maunder) – NASA

Il clima della Terra è ciclico, mai lineare, guidato principalmente dal sole.

E la storia si ripete.

Le temperature medie globali sono in calo dall’inizio del 2016, mentre il sole entra nel suo prossimo ciclo di Grand Solar Minimum – preparatevi per il ritorno dei periodi freddi. 

Fonte: ELECTROVERSE 

Pubblicità