image_pdfimage_print

Di Kenneth Richard – 24 Maggio 2021

Un professore di idrologia dell’Università di Atene eviscera il paradigma “ingenuo” secondo cui lo stato naturale del clima terrestre è la costanza e la stabilità, cambiando solo quando un “agente esterno” (cioè un rapido aumento delle emissioni di combustibili fossili) agisce su di esso. Invece, (a) l’acqua è l’elemento principale che determina il clima e (b) il presunto contributo umano allo scambio di calore è 2100 volte inferiore ai flussi energetici naturali della Terra.

Punti chiave selezionati dal nuovo articolo del Dr. Koutsiannis sulla rivista Water.

1. L ‘“idea ingenua” o “percezione sbagliata” che il clima sia generalmente costante a meno che un agente esterno non cambi, è la conseguenza del “paradigma del rumore bianco” che ha “ingannato i climatologi” negli ultimi due secoli. La “catena di casualità lineare del tipo: emissioni umane di CO2 → aumento della concentrazione di CO2 atmosferica → aumento della temperatura → cambiamenti nei processi idrologici e nel bilancio idrico” non “corrisponde alla realtà fisica”.

2. Il termine scientificamente vacuo “cambiamento climatico” è un costrutto politico progettato per suggerire che la variabilità del clima non si è verificata fino a pochi secoli fa e quindi ciò che sta accadendo nell’era moderna è innaturale.

Pubblicità

3. L’acqua è facilmente l’elemento principale che guida il clima della Terra. La CO2 è solo una piccoissima parte in confronto.

• La massa dell’oceano è 260 volte maggiore della massa dell’atmosfera e l’oceano incapsula il 94% dell’energia termica accumulata dalla Terra (contro solo l’1% dell’atmosfera). Per questo l’acqua è il “regolatore termodinamico del clima”.

• Il trasferimento di calore latente dalla superficie all’atmosfera è descritto come “la locomotiva naturale della Terra”. L’energia totale coinvolta nel ciclo idrologico terrestre ammonta a 1290 ZJ/anno. Confronta questo con appena 0,6 ZJ/anno per la “produzione di energia umana” dalle emissioni di gas serra. Pertanto, la “locomotiva naturale è 2100 volte superiore a quella della locomotiva umana”.

• Un ipotetico cambiamento di 1/1000 (1 ‰) nelle proprietà riflettenti (albedo) delle formazioni d’acqua neve, ghiaccio e nuvole provoca uno “squilibrio” nel bilancio energetico della Terra di 0,34 W/m². Ciò è effettivamente equivalente allo squilibrio energetico necessario per spiegare il riscaldamento dell’oceano di 0,1 ° C (0-2000 m) negli ultimi 50 anni (Levitus et al., 2012). In realtà, negli ultimi 40 anni, la forzatura dell’albedo dalla variabilità delle nuvole è stata 10 volte maggiore dell’ipotetica variazione di 1 ‰.

4. “ Un altro malinteso, comune nei non esperti, è che la CO2 atmosferica; è il prodotto delle emissioni umane, mentre di fatto queste ultime contribuiscono solo per il 3,8% al ciclo globale del carbonio“.

5. ” [U] cantare misurazioni strumentali affidabili della T globale e della concentrazione di CO2 che coprono l’intervallo di tempo 1980-2019, uno studio recente ha rilevato che nella relazione tra CO2 e temperatura, la direzione di causalità dominante è T → CO2, piuttosto che l’altra a tutto tondo, nonostante quest’ultima sia la percezione comune.”

Fonte: No Tricks Zone

Pubblicità