image_pdfimage_print

Di Tyler Durden – 30 Agosto 2019

Authored by Onar Am via LibertyNation.com,

La Corte Suprema della British Columbia ha recentemente respinto la causa per diffamazione del famoso scienziato climatico Dr. Michael Mann contro il climatologo scettico sul riscaldamento globale Dr. Tim Ball. Mann, dopo la sconfitta deve pagare tutte le spese legali al convenuto. La sentenza è esplosiva perché significa che l’affermazione di Ball secondo cui Mann era un truffatore scientifico è ora supportata dal tribunale.

Pubblicità

Sfondo

Nel 1999, Mann pubblicò una ricostruzione della temperatura globale lunga 1000 anni dagli anelli degli alberi che minò gravemente la conoscenza del clima allora accettata. Il secondo rapporto di valutazione dell’IPCC del 1995 ha riconosciuto che era più caldo durante il periodo caldo medievale rispetto ad oggi e che un significativo raffreddamento chiamato Piccola Era Glaciale seguì e durò fino alla fine del XIX secolo.

La ricostruzione di Mann ha demolito quella visione e ha sostituito la nostra storia climatica con qualcosa che sembra una mazza da hockey: per 900 anni, la temperatura è stata una linea retta leggermente in calo e poi, durante il periodo di attività umana, il rapido riscaldamento nel 20 ° secolo.

I catastrofisti climatici si sono immediatamente impossessati di questo grafico persuasivo e hanno reso Mann il ragazzo poster dell’IPCC, che da allora venne completamente controllato dai verdi radicali nominati dai politici di sinistra.

C’era solo un problema con il grafico: era scienza spazzatura. I futuri corsi universitari di statistica insegneranno senza ombra di dubbio il bastone da hockey come un classico caso di metodologia difettosa. In parole povere: Mann stava usando una tecnica statistica che selezionava i dati necessari per creare la forma del bastone da hockey.

Nel 2006, il Congresso ha commissionato tre statistici guidati dal Dr. Edward Wegman per produrre il cosiddetto rapporto Wegman sulla controversia. Il rapporto ha dimostrato che la tecnica utilizzata da Mann poteva creare qualsiasi risultato desiderato e lo ha dimostrato creando la forma dei dati sulla temperatura globale dal 1995.

Se Mann avesse prodotto questo grafico in una tesi di laurea in statistica, sarebbe stato bocciato.

Nascondere il declino

L’ingegnere canadese Stephen McIntyre ha trascorso diversi anni dopo la pubblicazione del grafico del bastone da hockey cercando di dimostrare che era difettoso. Alla fine ha prevalso – ma, durante questa debacle, Mann si è impegnato in quello che molti hanno descritto come comportamento intellettualmente disonesto o addirittura fraudolento. Ha rifiutato di rilasciare tutti i dati e i file in origine che ha usato nella sua famigerata pubblicazione del 1999.

Nel 2011, Tim Ball lo ha riassunto affermando che Michael Mann “apparteneva a una penna, non alla Penn University”. Questa affermazione è stata la base per la causa di diffamazione di Mann.

Ball difese la sua osservazione dicendo che se Mann avesse rilasciato i suoi dati, avrebbe dimostrato di essere un truffatore. Nove anni di ritardo tatticamente dopo, il tribunale ha archiviato il caso perché Mann ha rifiutato di rilasciare i dati che potrebbero dimostrare la sua disonestà.

Sebbene tecnicamente questa non sia una vittoria per Ball, è difficile immaginare una ragione legittima per uno scienziato finanziato dalle tasse di rifiutarsi di rilasciare i dati su cui poggia ampiamente la narrativa del disastro climatico globale.

Scienza Dubbia

In circostanze normali, la carriera di Mann sarebbe rimasta in una pozza di vergogna assoluta molto tempo fa. Invece, è ancora uno dei principali scienziati nella mafia della catastrofe climatica. I suoi colleghi dovevano difenderlo perché se mai dovessero ammettere che il grafico del bastone da hockey è scienza spazzatura, screditerebbe l’IPCC e l’intero campo della paleoclimatologia che ha salutato il risultato di Mann.

Hanno raddoppiato e hanno usato l’attrazione politica e i media amichevoli per lo scandalo. Finora ci sono riusciti, ma per ogni anno il divario tra i modelli climatici e la realtà si sta allargando. Ad un certo punto, nulla può nascondere il terreno traballante su cui poggia l’isteria climatica.

Fonte: Zerohedge

Pubblicità