image_pdfimage_print

Di SWE – 14 Gennaio 2019

Siamo giunti a metà gennaio e gli effetti del Sudden Stratospheric Warming (SSW) e dello spit del vortice polare stanno diventando visibili poiché il forte blocco sulla regione artica sta dando luogo a un configurazione fortemente dinamica alle medie latitudini. L’attuale forte alta pressione sull’Atlantico settentrionale dovrebbe persistere fino a fine settimana, quando si verificherà probabilmente un cambiamento significativo della configurazione meteo. L’alta pressione sopra l’Artico si intensificherà mentre la dorsale settentrionale dell’Atlantico si ritirerà ad ovest verso il Nord America. Ciò porterà allo sviluppo di cicloni diretti anche verso l’Europa occidentale. Di conseguenza, il raffreddamento diffuso avverrà per vaste zone dell’Europa e aumenterà le possibilità di eventi nevosi.

Il pattern del modello per il fine settimana inizio prossima settimana indica l’indebolimento dell’alta nord atlantica mentre il suo asse si ritira verso il continente nordamericano. La corrente a getto sprofonderà verso sud attraversando l’Europa occidentale e proseguirà poi verso sud-sud-ovest dell’Europa. Di conseguenza, si dovrebbe sviluppare un’intensa ondata di freddo per metà delle zone occidentali dell’Europa, comprese le isole britanniche e l’Irlanda, la penisola iberica, l’Europa centrale e il Mediterraneo.

gph500_anom_20190114_12_144
850temp_anom_20190114_00_144
gph500_anom_20190114_12_168
850temp_anom_20190114_00_168
850temp_anom_20190114_00_192

Guardando le dinamiche del modello di settimana prossima, una depressione sull’Europa occidentale si intensificherà in un sistema ampio e molto profondo con la formazione di un ciclone a livello del mare. Nonostante questa previsione sia a una settimana, la maggior parte dei modelli a medio/lungo termine si trovano in discreto accordo sull’intensificazione della depressione e delle dinamiche correlate fino all’inizio della metà della prossima settimana.

gph500_anom_20190114_00_240
meanslp_anom_20190114_00_240

Come accennato in precedenza, è atteso un clima molto più freddo nella zona occidentale dell’Europa, in risposta a una depressione profonda molto più dinamica. La mappa del modello ECMWF mostra una anomalia della temperatura a 850 hPa nei prossimi 5-9 giorni – tra il 18 e il 23 gennaio.

ecmwf-ens_T850aMean_eu_5

Ecco la mappa delle probabilità delle precipitazioni nevose per metà della prossima settimana, che suggerisce migliori opportunità per gli eventi nevosi in gran parte dell’Europa, tra cui la zona occidentale e gran parte dell’Europa centrale, che finora hanno avuto la mancanza di nevicate.

snow_prob_20190114_12_228

Restate sintonizzati per ulteriori aggiornamenti nei prossimi giorni!

Fonte: Severe-Weather.eu