image_pdfimage_print

Guest Post di Willis Eschenbach – 21 Febbraio 2022

La siccità è misurata in diversi modi. Uno di questi è l’indice di gravità della siccità Palmer autocorrettivo (scPDSI). C’è una chiara descrizione di esso qui. Come con l’originale Palmer Drought Severity Index (PDSI), i valori positivi riflettono il clima più piovoso e i valori negativi riflettono il clima più asciutto.

Ho pensato di dare un’occhiata alle tendenze della siccità per vedere se l’affermazione spesso ripetuta sia veritiera. Questa affermazione è che a causa dell’aumento della CO2, le aree umide diventeranno più bagnate e le aree asciutte diventeranno più secche. Ecco una versione tipica di questo mantra, dell’Università del Maine.

Pubblicità

In un mondo più caldo, aspettati che l’umido diventi più bagnato e che l’asciutto diventi più secco

Quindi ho ottenuto i dati scPDSI dal meraviglioso sito Web KNMI. La figura 1 mostra le aree soggette a frequenti siccità e frequenti periodi di pioggia.

Figura 1. Indice di gravità della siccità Palmer autocorrettivo medio (scPDSI), 1950 – 2020. I valori positivi sono più umidi, i valori negativi sono più secchi.

Successivamente, ho calcolato la tendenza decennale dei 71 anni dei dati scPDSI per ciascuna delle celle della griglia 1° latitudine x 1° longitudine nella Figura 1. Ho quindi rappresentato graficamente la tendenza decennale, griglia per griglia, rispetto al valore scPDSI medio mostrato in Figura 1.

Ma prima di mostrare quel risultato, consideriamo cosa dovremmo trovare. Se l’umido sta effettivamente diventando più bagnato e l’asciutto sta effettivamente diventando più secco, quando la media della siccità aumenta, dovrebbe aumentare anche la tendenza alla siccità e viceversa. Dovrebbe assomigliare al risultato immaginario mostrato nella Figura 2 di seguito.

Figura 2. Risultato atteso se l’umido diventa più bagnato e l’asciutto diventa più secco.

Tuttavia, qui nel mondo reale non troviamo affatto quel tipo di schema inclinato. Invece, il risultato effettivo mostrato nella Figura 3 è casuale: come è successo dall’inizio del tempo, alcune aree stanno diventando più umide e altre più secche, ma non c’è alcun modello.

Figura 3. Grafico a dispersione, andamento della siccità rispetto alla siccità media, celle griglia 1° latitudine x 1° longitudine, 1950 – 2020.

Come puoi vedere, non c’è una tendenza statisticamente significativa nei dati. Quindi, se l’umidità sta diventando più bagnata e l’asciutto sta diventando più secco … il Palmer Drought Severity Index non ha ricevuto il promemoria.

Infine, questo risultato è supportato dall’osservazione della stessa situazione per quanto riguarda le precipitazioni. Eccgridcell

o quei dati.

Figura 4. Grafico a dispersione, trend delle precipitazioni gridcell rispetto alle precipitazioni gridcell, 1950 – 2020.

Ancora una volta, non c’è alcun segno nell’affermazione “l’umidità diventa sempre più bagnata e l’asciutto diventa più secco”. Un altro mito climatico sfatato…

I miei più cordiali saluti a tutti.

Fonte: WUWT

Pubblicità