image_pdfimage_print

Di William Lippincott – 8 Marzo 2019

Non posso credere che sto ancora scrivendo sui cambiamenti climatici. Mi sarei fermato molto tempo fa se non fosse stato per le chiamate persistenti nel tentativo di far saltare in aria l’economia statunitense per salvare il pianeta. La richiesta di azione di culto permea ogni parte della vita pubblica, del governo, dei media, del mondo accademico, persino del K-12. Rep. Tra le drastiche soluzioni politiche, il Green New Deal di Ocasio-Cortez avrebbe un enorme impatto negativo sulla nostra economia.

Per la cronaca, il clima varia – pensate alle glaciazioni. E una combinazione di variabilità climatica naturale e problemi di misurazione rendono la probabilità di individuare un’impronta digitale umana molto bassa. Guardo qui come l’allarmismo climatico viene venduto in modo chiaramente non scientifico.

Pubblicità

Il termine “scienza” si riferisce correttamente al metodo scientifico, che è un sistema di inferenza progettato per eliminare idee errate a favore di quelle supportate da esperimenti e osservazioni. Il punto cruciale del metodo scientifico è il rifiuto della teoria piuttosto che la prova di esso. Da Bacon a Hopper e Feinman, è stato ben compreso che la teoria scientifica deve essere “falsificabile”, cioè soggetta a test e rifiuto. La falsificabilità dipende da condizioni ristrette e specifiche imposte dalla teoria. Se le condizioni falliscono, la teoria è sbagliata.

D’altro canto, in questi giorni ascoltiamo molto sul consenso , lo scetticismo e la negazione. I Warmist citano spesso il “consenso del 97%” che il cambiamento climatico causato dall’uomo è vero e “sistemato”. Questa affermazione deriva da un singolo studio di abstract di articoli che trattano di clima. Lo studio soffre di una serie di gravi difetti del metodo ed è stato ampiamente ridimensionato. Una conclusione più ragionevole dello studio è che il 3% degli abstract sostiene il riscaldamento a causa dell’uomo, non il 97%. In realtà la scienza non è affatto sistemata.

Cos’altro ha torto con l’allarme sui cambiamenti climatici?

In primo luogo, in che modo il riscaldamento globale è diventato il cambiamento climatico? Almeno con il riscaldamento c’è una teoria scientifica: aumentare i livelli di CO2 e ottenere due o tre gradi di riscaldamento diretto e indiretto. Allora perché quel passaggio nel parlare di troppo freddo/troppo caldo e di altre condizioni meteorologiche avverse? Forse è perché i dati satellitari e i bollettini meteorologici non sono riusciti a dimostrare la teoria del Global Warming per quasi 20 anni. Bene, dice la NASA, i dati delle stazioni meteorologiche di superficie mostrano il riscaldamento come previsto. Ma questo quadro emerge solo come risultato di una serie di informazioni sui dati che non sono spiegabili. Inoltre, la NASA è un ente governativo e ha creato un tale caos di dati sulla superficie terrestre e marittima da renderlo inutile come prova di qualsiasi altra cosa che non sia la manipolazione dei dati.

Secondo, c’è un’enorme discussione sull’autorità che sta avvenendo nel campo degli allarmisti. I ricercatori li chiamano scienziati del clima e fanno l’ostentata affermazione che solo loro possono capire l’atmosfera. Hai ottenuto ciò che ho detto sul metodo scientifico? Cosa in quella descrizione suggerisce che solo gli esperti possono essere critici? Per non parlare del fatto che la corte più potente dell’universo del riscaldamento è quella dei modellisti al computer. Questi ragazzi progettano un codice che riflette la teoria, ciò che pensano stia accadendo nell’aria. Il CO2 è all’interno; l’attività solare è fuori. Quindi i modelli elaborano e ottengono una enormità di curve dicendo poi, bene allora; questo è dimostrato. I modelli hanno fatto esattamente ciò che abbiamo detto loro di fare. C’è qualcosa di divertente in questa logica?

I fanatici del clima hanno un pubblico ricettivo. Un paio di generazioni di persone intelligenti che hanno imparato qualcosa a proposito della scienza a scuola dicono: se gli scienziati dicono che sarà cattivo, allora da cattivo diventerà peggio. Una di queste persone intelligenti, il candidato alla presidenza il Sen. Kamela Harris, dichiara che i cambiamenti climatici sono esistenziali e richiedono un’azione, a prescindere dai costi. Esistenziale? Un paio di gradi ipotetici Celsius sono esistenziali? Che ne pensi del senatore Sheldon Whitehouse che ha chiesto il rinvio a giudizio per i negazionisti. O l’ex presidente Obama che insinua che i negazionisti del cambiamento climatico non credono nella luna o pensano che sia fatta di formaggio verde. Sono abbastanza sicuro che abbiamo eliminato la teoria del formaggio verde molto tempo fa.

È una specie di personaggi curiosi che non resta molto impressionata dalla documentazione storica del cast di Doom e delle persone intelligenti che sanno solo che la nostra specie malvagia è dannosa per il pianeta. I curiosi pensano alle prove e le persone intelligenti non capiscono perché alle persone curiose non piace la scienza. Che cosa? Se non credo nella teoria delle stringhe, non mi piace la scienza?

Ma cosa succede se non si tratta di scienza in primo luogo?

La questione del riscaldamento dei gas serra è iniziata poco più di 100 anni fa, aprendosi la strada attraverso Fourier, Arrhenius, Callender e Revelle. Ma l’interesse politico per il CO2 è relativamente recente. Il colosso del riscaldamento globale è iniziato a metà degli anni ’70 come un’epifania di crisi sotto la guida del defunto diplomatico delle Nazioni Unite, Maurice Strong. Mr. Strong è stato il primo direttore esecutivo del Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente e ha riconosciuto il valore potenziale della teoria del riscaldamento indotto dal CO2 come strumento per fare proseliti per la globalizzazione. Forte è stata la forza trainante di Agenda 21, un programma per rafforzare lo sviluppo energetico sostenibile attraverso l’istruzione e la formazione pubblica.

Il braccio scientifico di Agenda 21 è l’IPCC (Intergovernmental Panel on Climate Change), il cui nome telegrafa il suo staff di burocrati. L’IPCC ha pubblicato i riassunti per i responsabili delle politiche (SPM) sulla base di documenti scientifici con referee esistenti. Uno dei risultati degni di nota dell’IPCC è stato quello di assicurare che le sue SPM non siano ingombre di dettagli tecnici sottostanti. Traduzione: le SPM dicono tutto ciò che i burocrati vogliono che facciano.

Mr. Strong riteneva che il disastro ambientale in attesa richiedesse una soluzione globalista. Il suo pensiero era audace e non necessariamente limitato all’inferenza scientifica:

“… per salvare il pianeta, [un gruppo di leader mondiali] decide: non è l’unica speranza per il pianeta che le civiltà industrializzate crollino? Non è nostra responsabilità portarlo?”

Più tardi, l’economista tedesco Ottmar Edenhofer , co-presidente del Gruppo di lavoro IPCC III Mitigation of Climate Change, ha dichiarato:

“Bisogna liberarsi dall’illusione che la politica climatica internazionale sia la politica ambientale, … Redistribuendo di fatto la ricchezza del mondo attraverso la politica climatica.” (Filosofia e posizione sul cambiamento climatico)

E più recentemente, Christiana Figueres, ex segretario esecutivo della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici e leader degli Accordi di Parigi 2015, ha dichiarato in un comunicato stampa ufficiale delle Nazioni Unite:

“Questa è la prima volta nella storia dell’umanità che ci stiamo ponendo il compito di intenzionalmente, entro un determinato periodo di tempo, di cambiare il modello di sviluppo economico che regna da almeno 150 anni, dalla rivoluzione industriale”.

Aspetta un minuto! Intendi dirci che abbiamo versato decine di miliardi di dollari in un buco di topo per un cambiamento climatico da un paio di decenni e ciò che vuoi veramente fare è rovinare l’economia? Siamo stati derubati!

Il Dr. William Lippincott è uno scienziato dell’ambiente in pensione. Le sue inferenze si basano su un’ampia ricerca letteraria sui meccanismi della variabilità climatica, un compito aperto a qualsiasi studente del metodo scientifico.

Fonte: American Thinker

Pubblicità