Temperature straordinariamente basse formano un enorme buco nell’ozono sopra l’Artico in un raro fenomeno atmosferico

Di Hannah Osborne – 30 Marzo 2020

Un enorme buco nello strato di ozono è apparso sopra l’Artico in un raro fenomeno atmosferico. Le temperature gelide hanno fatto precipitare i livelli di ozono, lasciando un buco che si estende dalla baia di Hudson alle isole artiche settentrionali della Russia.

Le immagini dell’Arctic Ozone Watch della NASA mostrano come il buco sia cresciuto dall’inizio di marzo, con livelli di ozono che sono diminuiti in modo significativo. I colori blu e viola mostrano dove c’è la minor quantità di ozono, mentre quelli rossi e gialli indicano dove i livelli sono più alti.

L’ozono è un gas composto da tre atomi di ossigeno. È creato naturalmente nella stratosfera, uno strato di atmosfera terrestre che si trova tra gli 11 Km (7 miglia) e i 40 Km (25 miglia) sopra la superficie del pianeta. I raggi ultravioletti del sole spezzano le molecole di ossigeno in atomi. È altamente reattivo e funge da scudo, proteggendo la vita sulla Terra dai dannosi raggi UV.

È uno strato sottile e viene spostato dai venti nell’alta atmosfera ed è impoverito da gas atmosferici naturali e artificiali.

L’ozono sopra l’Artico il 28 marzo 2020. Questa era di gran lunga inferiore alla stessa data dell’anno precedente, mostrano le immagini della NASA. NASA OZONE WATCH

Ogni primavera appare un buco nello strato di ozono sopra l’Antartide. Negli anni ’80, gli scienziati hanno notato che lo strato in questa regione si stava assottigliando drasticamente. La causa è stata accertata dal rilascio nell’atmosfera di composti artificiali chiamati clorofluorocarburi (CFC). Si è scoperto che queste sostanze chimiche distruggono l’ozono e, ai sensi del protocollo di Montreal del 1987, sono state vietate da 196 Stati membri delle Nazioni Unite e dall’Unione europea. Il buco appare ancora in Antartide ogni anno, ma ora si sta riducendo.

L’esaurimento naturale dell’ozono è guidato dalle basse temperature. L’Antartide, che è circondata da oceani, diventa molto più fredda dell’Artico. Le condizioni di congelamento in Antartide vuol significare che le nuvole d’alta quota si formano e si aggregano. Queste formazioni nuvolose portano a reazioni chimiche che causano l’esaurimento dell’ozono.

L’Artico, tuttavia, è circondato da continenti montuosi, il che significa che le temperature normalmente non scendono così basse da creare queste condizioni. Quest’anno, tuttavia, le temperature sono diminuite in modo significativo, portando all’esaurimento dell’ozono come si è registrato.

John Pyle, scienziato atmosferico presso l’Università di Cambridge nel Regno Unito, ha riferito a Newsweek via e-mail: “Le condizioni di bassa temperatura (temperature inferiori a circa 195k) nell’Artico sono molto meno comuni. È interessante notare che il buco nell’ozono antartico lo scorso anno era piuttosto piccolo; le temperature nella bassa stratosfera erano più alte della norma. Al contrario, questo inverno/primavera l’Artico ha visto un vortice polare stratosferico molto più basso e temperature persistenti molto diffuse, quindi sono le condizioni meteorologiche che hanno determinano questa condizione – e l’Artico di quest’anno è stato eccezionale”.

Markus Rex, scienziato dell’atmosfera presso l’Alfred Wegener Institute di Potsdam, in Germania, ha riferito a Nature che l’aria in stratosfera nella zona artica è stata più fredda di qualsiasi altro inverno degli ultimi 40 anni.

“Abbiamo avuto un calo almeno pari a quella del 2011 e ci sono alcune indicazioni che potrebbero essere maggiori del 2011”, ha detto a Nature Gloria Manney, scienziata dell’atmosfera presso il NorthWest Research Associates a Socorro, New Mexico.

Il buco non è un problema e probabilmente inizierà a chiudersi nelle prossime settimane. Martyn Chipperfield, professore di chimica dell’atmosfera all’Università di Leeds, nel Regno Unito, ha affermato a Newsweek: “Stiamo entrando in primavera. L’atmosfera si riscalda e la situazione dei venti cambierà. Ciò metterà fine a questa drastica diminuzione dell’ozono chiudendosi”.

Ha riferito che l’ozono può essere monitorato con osservazioni satellitari e modelli di previsione dei centri meteorologici. “Il “buco” o i resti di esso possono spostarsi verso sud ma questo è facilmente rintracciabile”. “Se necessario, potrebbero essere emessi allarmi per raggi UV elevati, ma è molto improbabile che siano necessari in questo periodo dell’anno.”

Anche il rischio che compaiano grandi buchi nell’ozono nei prossimi decenni sta diminuendo, poiché i divieti introdotti nel protocollo di Montreal vedono diminuire ulteriormente i livelli di sostanze chimiche che riducono lo strato di ozono, ha detto Chipperfield.

“La comunità scientifica ha affermato per più di 20 anni che, nonostante il Protocollo, mentre ci muoviamo verso la ripresa, temperature molto basse in ogni anno particolare porteranno a un maggiore impoverimento dell’ozono in quell’anno. Quindi, questo è esattamente ciò che ci aspettiamo, “Ha aggiunto Pyle.

Secondo la rivista, le misurazioni prese dai palloni meteorologici e dalle stazioni di osservazione nella regione hanno mostrato un calo del 90% nei livelli di ozono. Si pensa che questo potrebbe essere uno dei più grandi buchi di ozono nell’Artico mai registrati.

Fonte: NewsWeek