20 giugno 2017 - 12:00 pm Pubblicato da

Le temperature nella regione polare, come possiamo vedere dal grafico messo gentilmente a disposizione dall’ente meteorologico danese DMI, sono risultate per la maggior parte del tempo sotto la media o in media nelle ultime 6 settimane.

Questo il motivo principale della forte frenata che ha subito lo scioglimento dei ghiacci presenti nella zona artica che in questa stagione avviene in modo fisiologico.

A sua volta il raffreddamento della zona artica e dovuto ad un minore irraggiamento solare (bassa attività solare del ciclo 24) conseguenza della minor quantità di EUV (ultravioletti) assorbita dall’atmosfera e ad un conseguente raffreddamento delle acque oceaniche circostanti.

http://ocean.dmi.dk/arctic/meant80n.uk.php

 

Sopra le proiezioni per il mese di luglio delle anomalie delle temperature (SSTA) delle acque degli oceani, con vistose anomalie negative ai poli. Credit: NASA 

 

Ma come al solito nulla è stato detto o scritto dagli scienziati climatici o dai servizi di informazione di parte.

E aggiungo che chiaramente se ne guardano bene dal farlo.

Come farebbero a giustificare il fatto di farvi pagare una tassa senza poter giustificare un mondo che dipingono continuamente verso la catastrofe inevitabile a causa vostra?

Continuiamo a monitorare la situazione riferendovi quello che accade in realtà, senza catastrofismi inutili.

Enzo
Attività Solare

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
(26 voti, media: 4,46 su 5)
Loading...
  • Axxe73

    Boh ammetto la mia ignoranza, ma non capisco come tutto questo raffreddamento stia influendo sul clima. Ad oggi ci sono 36 gradi all’ombra e non se ne intravede l’uscita.

    • Loris

      Buongiorno….Axxe73 ….
      infatti anche da noi in Friuli c’è bel tempo e caldo e le previsioni sono fino a domenica caldo e afa…..
      Anch’io ammetto la mia ignoranza in materia e penso che i risvolti li avranno in America e nord Europa…
      Un saluto

      • Al momento è così… non ci si può fare niente.
        Ma il contesto climatico sta mutando… e stando ai dati in nostro possesso, anche piuttosto velocemente.
        Si sta raffreddando in modo evidente la stratosfera e gli strati più alti della troposfera (ma anche gli strati al di sopra della stratosfera).

        Ma si stanno raffreddando anche gli oceani… che cedendo calore alla troposfera (lo strato più basso dell’atmosfera), la riscaldano.

        Il raffreddamento (sia dell’aria che dell’acqua) comporta una variazione della circolazione atmosferica… e questa, condizionata dalle alte e basse temperature, ma anche e soprattutto dall’alternanza del mare e dalla terraferma e dalla disposizione delle catene montuose quali i Pirenei e le Alpi, comporta dei “blocchi” della circolazione con persistenza di caldo e/o di freddo per lunghi periodi. Una sorta di “linea di confine” (molto spessa attualmente) tra Caldo (alle medio-basse latitudini) e Freddo (alle medio-alte latitudini) che col passare degli anni diventerà sempre più sottile e tenderà a spostarsi verso le medio-basse latitudini fino ad arrivare ai 40°N (attualmente si trova a 55°Nord). Questo, nel tempo, comporterà un raffreddamento molto intenso alle alte latitudini (nord Europa), specialmente nelle zone continentali (Nord America e Siberia), ma garantirà dinamicità anche alle medie latitudini.

        Al momento la situazione sembra essere in stallo… ma vi garantisco che non è così.

        Se non ci fosse stato il martellamento quotidiano con notizie Catastrofiche di Riscaldamento Globale Antropico (CAGW), nessuno si sarebbe lamentato più di tanto… in quanto tali condizioni meteo sono del tutto simili a quelle che si verificavano 15-20 anni fa. Ma a quanto pare la memoria è corta… e ci si lascia facilmente condizionare dalle stronzate catastrofiche sbandierate ai quattro venti in TV!

        B.

        • Axxe73

          Quindi secondo voi quando torneremo ad avere estati normali?

          • Edoardo Manca

            Dipende cosa si intende per normali… questa estate sembra essere più calda delle precedenti… ma io ricordo che sono diverse estati che non sperimentavamo caldo vero… ricordo estati passate in città fino a fine giugno.. ove si moriva di caldo e uscire prima delle 5 di pomeriggio era follia… solo quest’anno sto riprovando quelle sensazioni… perché ora siamo tutti belli comodi abituati con l’aria condizionata e il caldo ci sembra insopportabile anche quando in realtà non è così.

            • Infatti non è affatto così caldo come la gente pensa.
              Le temperature medie del 2003, ad esempio, erano diversi gradi più alte di quelle attuali. Con punte massime molto alte e rantentandi i 40° già a fine maggio.

              • Axxe73

                Ok tutto nella norma, ma l’anticiclone delle Azzorre che fine a fatto?