19 dicembre 2017 - 20:00 pm Pubblicato da

Di Graham Lloyd, The Australian – 19/12/17

L’impatto dei cambiamenti dell’attività solare sul clima della Terra è fino a sette volte maggiore rispetto a quello che hanno suggerito i modelli climatici, secondo la nuova ricerca pubblicata oggi su Nature Communications.

I ricercatori hanno affermato una svolta nella comprensione di come i raggi cosmici delle supernova reagiscono con il sole per la formazione delle nuvole, che a loro volta influiscono sul clima della Terra.

I risultati sono stati descritti come il “collegamento mancante” per contribuire a risolvere una controversia lunga decenni che ha grandi implicazioni per la scienza del clima.


Illustrazione dei raggi cosmici che interagiscono con l’atmosfera. Un protone con energia di 100 GeV interagisce nella parte superiore dell’atmosfera e produce una cascata di particelle secondarie che ionizzano le molecole quando viaggiano attraverso l’aria. Un protone da 100 GeV colpisce un m2 nella parte superiore dell’atmosfera ogni secondo.

L’autore principale, Henrik Svensmark, della Technical University of Denmark, sostiene da tempo che i modelli climatici hanno fortemente sottostimato l’impatto dell’attività solare. La nuova ricerca ha identificato il meccanismo di feedback attraverso il quale è stato variato l’impatto del sole sul clima.

Le teorie del Professor Svensmark sull’impatto solare hanno causato molte polemiche all’interno della comunità scientifica del clima e le ultime scoperte certamente provocheranno nuova indignazione.

Egli non contesta il fatto che l’aumento dei livelli di anidride carbonica nell’atmosfera abbia un impatto sul riscaldamento climatico, ma i suoi risultati presentano una sfida alle stime di quanto sia sensibile il clima ai cambiamenti dei livelli di anidride carbonica nell’atmosfera.

Il Professor Svensmark afferma che le sue ultime scoperte sono coerenti sia con il forte aumento del tasso di cambiamento della temperatura globale alla fine del secolo scorso, sia con un rallentamento del tasso di aumento negli ultimi 20 anni.

“Fornisce un fondamento fisico alla cospicua presenza di prove empiriche in cui si dimostra che l’attività solare si riflette sulle variazioni del clima della Terra”, ha affermato, una dichiarazione dei media che accompagna il rapporto scientifico.

“Ad esempio, il Periodo Caldo Medievale intorno all’anno 1000AD e il periodo freddo nella Piccola Era Glaciale del 1300-1900 dC si adattano entrambi ai cambiamenti nell’attività solare”, ha riferito.

“Finalmente abbiamo l’ultimo tassello del motivo per cui le particelle provenirenti dallo spazio sono importanti per il clima sulla Terra”.

Lo studio rivela come gli ioni atmosferici, prodotti dai raggi cosmici energetici che piovono attraverso l’atmosfera, aiutino la crescita e la formazione dei nuclei di condensazione delle nuvole – i semi necessari per formare le nuvole nell’atmosfera. Più nuclei di condensazione presenti nelle nuvole significano più nuvole e un clima più freddo, e viceversa.

“Dato che le nuvole sono essenziali per l’energia solare che raggiunge la superficie della Terra, le implicazioni sono enormi per capire perché il clima è cambiato nel passato e anche per i futuri cambiamenti climatici”, si legge nella dichiarazione.

Il Professor Svensmark ha affermato inoltre, che fino ad ora era stato erroneamente ipotizzato che piccoli aerosol nucleati aggiuntivi non sarebbero cresciuti e sarebbero diventati nuclei di condensazione delle nubi, poiché non era noto alcun meccanismo per ottenere questo.

Il team di ricerca ha sperimentato le sue teorie sperimentalmente in una grande camera di nebbia.

I dati sono stati presi in un periodo di due anni con un totale di 3100 ore di campionamento dei dati.

Il Professor Svensmark ha detto che i nuovi risultati hanno dato un fondamento fisico al grande corpo di prove empiriche che dimostrano che l’attività solare si riflette nelle variazioni del clima terrestre.

“Questo nuovo lavoro dà credito a un meccanismo che è molto più forte dei cambiamenti nell’irradiamento solare da solo”, ha detto Svensmark al The Australian.

“L’irraggiamento solare è stato l’unica forzante solare che è stato incluso nei modelli climatici e tali risultati mostrano che l’effetto sul clima è troppo piccolo per essere importante”, ha riferito.

“La novità è che esiste un meccanismo di amplificazione che funziona sulle nuvole nell’atmosfera”, ha detto Svensmark.

“La quantificazione dell’impatto dell’attività solare sul clima dalle osservazioni è risultata di 5-7 volte più grande che dall’irraggiamento solare e concorda con le variazioni empiriche dei raggi cosmici e delle nuvole”.

“Questo può quindi spiegare anche perché il clima degli ultimi 10.000 anni è correlato all’attività solare”.

“Sulle scale temporali di milioni di anni ci sono cambiamenti molto più grandi nei raggi cosmici che non hanno nulla a che fare con l’attività solare”, ha riferito.

“Quindi, questo è un test indipendente del meccanismo e anche qui si trovano buone correlazioni”, ha riferito.

Ma il documento di Nature Communications dice che “la teoria della condensazione indotta dagli ioni dovrebbe essere incorporata nei modelli di aerosol globali, per testare pienamente le implicazioni atmosferiche”.

Il Professor Svensmark ha detto che da quando l’attività solare è aumentata nel XX secolo, parte del riscaldamento osservato è causato dal sole.

“La conseguenza logica è che la sensibilità climatica della CO2 è molto inferiore a quella suggerita dai modelli climatici che è 2-4 gradi C per ogni raddoppio di CO2, poiché sia l’attività della CO2 che quella solare hanno avuto un impatto”, ha affermato Svensmark.

Full story

Fonte: The GWPF

Enzo
Attività Solare

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
(13 voti, media: 4,62 su 5)
Loading...