image_pdfimage_print

Di Julie Celestial – 7 Aprile 2020

Le condizioni avverse del Blizzard sono state avvertite in gran parte dell’Islanda durante il fine settimana. In un giorno sono caduti fino a 1,5 m (5 piedi) di neve, inghiottendo aree residenziali e veicoli, mentre sulla costa sono stati segnalati venti molto forti fino a 111 km/h (69 mph) e visibilità quasi zero.

A Hveragerdi, nel sud-ovest dell’Islanda, molti residenti hanno dovuto scavare fuori dalle loro case dopo “la più grande nevicata che avessero mai visto in città”.

Pubblicità

Quasi 1,5 m (5 piedi) di neve sono caduti in un giorno, causando condizioni di totale blocco. A Sigluforder, nel nord dell’Islanda, anche le auto sono state seppellite dalla neve.

Secondo il meteorologo Einar Sveinbjornsson al Weather Watch, questo è stato l’evento meteorologico più diffuso della stagione. “Questo è forse il peggior tempo, data la sua estensione e dato il numero di territori interessati”, ha detto Sveinbjornsson.

Nella capitale Reykjavik, sul punto di Karsnes sono stati registrati fino a 18 cm di neve. I forti venti hanno anche spazzato via un grande gazebo presso la Reykir Horticultural School, causando ingenti danni.

Molte strade sono state temporaneamente chiuse in numerose zone del paese.

Nel frattempo, nei Fiordi occidentali, la nave della guardia costiera islandese Thor era in attesa nel fiordo Isafjardardjup, dove venti a 111 km/h (69 mph) creavano una visibilità quasi a zero.

“Siamo pronti, se dovessero essere necessari”, ha riferito il capitano Halldor B. Nellett. “Negli ultimi giorni, le strade sono state impraticabili e tutti i voli sono stati cancellati in questa zona. L’unica strada percorribile è via nave.”

La nave si è diretta verso il fiordo sabato 4 aprile per raccogliere campioni di coronavirus. Quindi trasportato ad Arngerdareyri, nella parte più interna del fiordo. “Naturalmente c’è il rischio di inviare membri dell’equipaggio su una barca in caso di maltempo”, ha detto Halldor, assicurando che nonostante ciò, l’equipaggio ha usato l’equipaggiamento GPS in modo da poter navigare con precisione nel posto esatto.

Si prevede che Thor rimanga nei Fiordi occidentali fino ad aprile, mentre rimangono condizioni meteorologiche avverse e trasporti inaffidabili.

“È come se il tempo non sapesse esattamente dove sta andando, ma le previsioni sono piuttosto certe che farà caldo qui dopo Pasqua”, ha dichiarato Sveinbjornsson.

Fonte: The Watchers

Pubblicità