image_pdfimage_print

Di Teo Blašković – 21 Luglio 2019

Il governo del Perù ha dichiarato lo stato di emergenza per 12 distretti situati in quattro province delle regioni di Moquegua, Arequipa e Tacna il 20 luglio, dopo le violente eruzioni iniziate al vulcano di Ubinas la mattina del 19 luglio 2019. La misura di emergenza resterà in vigore per almeno 60 giorni.

Il Presidente della Repubblica, Martín Vizcarra, ha dichiarato che la dichiarazione di stato di allerta consentirà ai governatori regionali e ai sindaci di procedere rapidamente e di avere il budget per svolgere azioni di cura, strumenti di acquisto, acquisto di materiale di protezione e cibo per la popolazione, tra le altre misure di assistenza per l’emergenza.

Pubblicità

Secondo i dati forniti dall’Istituto Nazionale di Protezione Civile (Indeci), la caduta ha già colpito 9 249 persone a Moquegua, Arequipa e Tacna. Il vulcano è stato messo in allarme Orange il 20 luglio, le scuole chiuse e le maschere di protezione consegnate.

Gli esperti della direzione della meteorologia e della valutazione ambientale del Senamhi hanno riferito che i venti di domenica 21 luglio sposteranno le ceneri verso il nord-est ad alti livelli (10 – 12 km) e verso est a livelli medi (6 – 7 km). In generale, le temperature durante il giorno sarebbero inferiori nelle regioni in cui le ceneri bloccheranno la radiazione solare.

Esplosioni violente sono iniziate al vulcano intorno alle 07:35 UTC (02:35 ora locale) del 19 luglio, con cenere vulcanica che raggiungeva 12,1 km (42.000 piedi) sul livello del mare.

Questa è l’eruzione più alta del vulcano dal 1677 (VEI 3).

Fonte: The Weatchers

Pubblicità