image_pdfimage_print

Di Teo Blašković – 27 Marzo 2019

Una spettacolare eruzione esplosiva è iniziata al vulcano Popocatepetl in Messico alle 01:23 UTC del 27 marzo (19:23 LT, 26 marzo). La colonna di cenere vulcanica ha raggiunto gli 8,5 km (28.000 piedi) slm

L’eruzione ha prodotto una fitta colonna di cenere fino a 3 km (1,8 piedi), alla deriva verso nordest, ha riferito CENAPRED.

Pubblicità

Il materiale incandescente è stato lanciato fino a 2 km (1,2 miglia) dal cratere, provocando incendi sulle pendici del vulcano.

Il VAAC di Washington ha riferito che le emissioni di cenere si spostano verso ESE dal vertice. La colonna di cenere vulcanica ha raggiunto un’altitudine di 8,5 km (28.000 piedi) sul livello del mare. La cenere dovrebbe sparire entro le ore 12 ore di oggi, ha riferito il centro alle 02:12 UTC.

Nelle ultime 24 ore, i sistemi di monitoraggio del vulcano hanno rilevato 155 esalazioni, CENAPRED ha riportato alle 17:00 UTC, del 26 marzo. Le esalazioni erano accompagnate da vapore acqueo, gas vulcanici e basso contenuto di ceneri. Inoltre, sono stati registrati 5 minuti di tremore a bassa ampiezza e due terremoti vulcanici-tettonici: M2.1 alle 12:48 LT, 25 marzo e M3.0 alle 09:15 LT, 26 marzo.

Il livello di avviso rimane di colore giallo, fase due (livello medio su una scala a tre colori).

Una forte eruzione alle 03:38 UTC del 19 marzo 2019 (21:38 ora locale, 18 marzo), aveva espulso una colonna di vapore acqueo, gas e cenere fino a 4 km (13.123 piedi) e aveva espulso materiale incandescente a 2,5 km (1,5 miglia) dal cratere.

Il sorvolo del 15 marzo aveva confermato che la cupola di lava 82 era stata completamente distrutta durante le esplosioni del 13 e 14 marzo. Il cratere interno rimane largo 300 m (984 piedi) e profondo 130 m (426 piedi).

Un’attività eruttiva simile è stata osservata in precedenti episodi eruttivi, in particolare dal 14 febbraio 2019, aveva riferito il CENAPRED all’epoca.

Le autorità hanno invitato i residenti a non avvicinarsi al vulcano (raggio di sicurezza 12 km/7.4 miglia) e prestare attenzione alle informazioni fornite dal Coordinamento nazionale della protezione civile attraverso i suoi canali ufficiali.

Credito immagine in evidenza: CENAPRED

Fonte: The Watchers

Pubblicità