image_pdfimage_print

Di Bruce Dorminey – Collaboratore Scientifico – Aerospaziale, Astronomia e conduco The Cosmic Controversy.

Con ogni stagione che passa, il tempo sembra più strano e più estremo. Chi può discutere con un’esplosione improvvisa del “vortice polare”; siccità invernale senza precedenti in California; e le temperature estive così torride Down Under che anche il gioco agli Australian Open è stato brevemente interrotto? Tutto ciò è collegato ai recenti cicli di macchie solari drasticamente diminuiti?

Il tempo non è il clima, ma prove circostanziali indicano che il nostro Sole potrebbe entrare in un minimo di attività delle macchie solari, non molto distante dal minimo di Maunder che alcuni climatologi pensano abbia causato temperature invernali record nel Nord Europa durante la seconda metà del 17° secolo.

Pubblicità

“La mia opinione è che ci stiamo dirigendo verso un minimo di Maunder”, ha affermato Mark Giampapa, fisico solare presso il National Solar Observatory (NSO) a Tucson, in Arizona. “Vedo un proseguimento nel declino delle intensità medie del campo magnetico delle macchie solari e un indebolimento dei campi magnetici polari e dei flussi sotto la superficie”.

I dettagli teorici su come vengono effettivamente prodotte le macchie solari continuano a essere dibattuti. Ma un’idea popolare è che siano generati come risultato di campi magnetici solari concentrati e contorti che bloccano la convezione interna nel terzo esterno dell’interno del Sole. Questo, a sua volta, conferisce alle macchie solari il loro aspetto scuro, poiché in media sono 2000 gradi più fredde del plasma solare circostante.

Prima macchia solare ufficiale appartenente alla So...
Prima macchia solare ufficiale appartenente al ciclo solare 24. (Credito fotografico: Wikipedia)

Si pensa che questi campi magnetici solari siano attivati ​​dalla “rotazione differenziale” interna del Sole. Cioè, il fatto che a varie latitudini e profondità, il plasma gassoso del Sole ruota a velocità diverse. Quindi, una volta prodotti questi campi, alcuni teorici pensano che sia la loro interazione con la fotosfera (o superficie) del Sole che gioca un ruolo cruciale nella creazione delle macchie solari.

Anche, David Hathaway, fisico solare presso il Marshall Space Flight Center della NASA a Huntsville, afferma che è la forza effettiva di tali campi magnetici alla fine di un dato ciclo di macchie solari massimo di 11 anni che si pensa agisca da campanello per le dimensioni e forza del prossimo massimo solare.

“Alla fine di un ciclo di macchie solari, tutto ciò che ti rimane sono i campi magnetici ai poli solari”, ha affermato Hathaway. “Siamo al massimo di macchie solari del Ciclo 24. È il ciclo di macchie solari più basso in 100 anni e il terzo verso una tendenza alla diminuzione dei cicli di macchie solari. Quindi, il ciclo 25 potrebbe essere probabilmente più debole del ciclo 24″.

Un altro indicatore che indica un imminente grande minimo è che l’attuale ciclo solare mostra alcuni segni di asimmetria emisferica, afferma Steve Tobias, un matematico applicato dell’Università di Leeds nel Regno Unito.

“Quando il campo magnetico sta per entrare in un minimo o sta per lasciare un minimo”, ha detto Tobias, “vediamo più macchie solari in un emisfero solare rispetto all’altro”.

Tuttavia, durante lo stesso minimo di Maunder 1645 – 1715, le macchie solari praticamente scomparvero e, come documentato nei dipinti dell’epoca, il Nord Europa soffrì di temperature invernali insolitamente fredde.

Tuttavia, si ritiene che tali minimi facciano parte della vita normale di una stella simile al Sole. E da recenti indagini su diversi analoghi solari nell’ammasso stellare aperto M67, Giampapa e colleghi vedono indicazioni che tali grandi minimi si verificano fino al 15% delle volte.

Hathaway afferma che gli effetti osservati del ciclo delle macchie solari nei radioisotopi; nelle carote di ghiaccio; e negli anelli degli alberi indicano che circa il 10-15% delle volte il Sole è in “qualcosa come un minimo di Maunder”.

Questo dipinto di Bruegel "I cacciatori nella neve" ricorda i paesaggi invernali tipici del Nord Europa durante il minimo di Maunder.  (Credito fotografico: Wikipedia)
Questo dipinto di Bruegel “I cacciatori nella neve” ricorda i paesaggi invernali tipici.

“Se stiamo entrando in un minimo di Maunder, potrebbe persistere fino al 2080”, ha detto Giampapa, che sottolinea che se l’effetto primario di un tale minimo si sta raffreddando, potrebbe provocare il caos riducendo le stagioni di crescita agricola che, ad esempio, potrebbero portare a riduzioni della produzione di grano nelle economie del granaio.

Ma Giampapa dice che potrebbe anche significare un’escursione globale dalla media, con conseguenti estremi climatici locali in termini sia di temperature anomale che di precipitazioni.

Un minimo di Maunder potrebbe mitigare un clima di riscaldamento?

Non è probabile, dice Hathaway.

Sebbene l’aumento delle temperature globali osservato “nell’ultimo decennio o giù di lì sembra essersi attualmente stabilizzato”, afferma Hathaway, osserva che anche un minimo di Maunder non sarebbe ancora sufficiente per contrastare gli effetti di riscaldamento del cambiamento climatico antropogenico.

Semmai, un minimo di Maunder può semplicemente rendere il tempo esistente e il clima a breve termine ancora più insolito e difficile da prevedere.

Fonte: Forbes

Pubblicità