image_pdfimage_print

Una significativa eruzione si è verificata al vulcano Sangay, in Ecuador, alle 09:40 UTC di domenica 16 maggio 2021, con la cenere che si è spostata a nord fino a un’altezza stimata di 12,2 km (40000 piedi) slm, secondo il Washington VAAC.

La cenere vulcanica più lontana alle 11:00 UTC era di 55 km (35 miglia) a nord, ha detto il centro.

Pubblicità

Due nuvole di cenere sono state viste sorgere dal vulcano Sangay nelle immagini satellitari acquisite il 16 maggio, ha detto l’Ecuadors ‘Geophysical Institute (IGEPN).

La colonna principale è diretta verso nord, il che potrebbe potenzialmente generare lievi cadute di cenere nelle province di Morona Santiago, Tungurahua e forse Chimborazo e Cotopaxi.

Questo fenomeno è stato persistente durante l’attuale periodo eruttivo iniziato a maggio 2019, ha aggiunto l’istituto.

Il 15 maggio, IGEPN ha dichiarato di aver ricevuto segnali associati a colate di fango e detriti e ha avvertito la popolazione locale che le forti piogge potrebbero rimobilizzare il materiale accumulato, generando colate di fango e detriti che scenderanno dai fianchi del vulcano e sfoceranno nei fiumi adiacenti.

L’ultima eruzione esplosiva significativa a Sangay è avvenuta dalle 08:15 alle 10:45 UTC l’11 marzo 2021.

Secondo il Washington VAAC, la cenere vulcanica è salita a 12,5 km (41000 piedi) sul livello del mare e si estendeva fino a 46 km (29 miglia) in tutti i quadranti alle 10:50 UTC, con cenere vulcanica aggiuntiva fino a 12,5 km possibile fino a 111 km (70 miglia) ad ovest della vetta.

Un’altra  grande eruzione è iniziata al vulcano intorno alle 04:00 UTC del 6 marzo 2021, producendo una colonna di cenere vulcanica fino a 12,2 km (40000 piedi) sul livello del mare.

Forti cadute di cenere sono state segnalate a Chimborazzo: Pallatanga, Chunichi, Guamote, Alausi e Cumanda; moderato in Guayas: Alfredo Baquerizo Moreno; e mite a Milagro, San Jacinto de Yaguachi, El Triunfo; Los Rios: Babahoyo; Bolivar: Chillanes, San Miguel e Canar: Suscal.

Un totale di 11.198 ettari (27.670 acri) di raccolti sono stati distrutti nelle province di Bolivar, Chimborazo, Guayas e Los Ríos, colpendo almeno 24.557 agricoltori, dopo la  grande eruzione del vulcano Sangay il 20 settembre 2020 , quando anche la cenere vulcanica salì a 12,2 km (40000 piedi) sul livello del mare

Il National Risk Management Service ha distribuito 26 250 kit vulcano alle persone più colpite nelle province di Bolivar, Chimborazo e Guayas. Il ministero dell’Agricoltura ha consegnato il foraggio per il bestiame.

I vulcanologi IGEPN hanno affermato che le esplosioni e le emissioni di cenere il 20 settembre sono state molto più energiche di quelle osservate negli ultimi due mesi. Una grande nube di cenere è stata segnalata alle 09:40 UTC, con la parte più alta della nube diretta a est, mentre la parte inferiore si dirigeva a ovest del vulcano.

Il 24 settembre,  El Comercio ha  riferito che 55.000 ha (135.900 acri) di colture di banane sono stati colpiti dalla caduta di cenere, specialmente nelle province di Guayas e Los Rios.

La produzione di questa zona rappresenta dal 25 al 30% della frutta che viene esportata nel mondo su base settimanale, pari a 1,5 milioni di casse. Le zone più colpite sono state Naranjito e El Triunfo a Guayas e Mata de Cacao a Los Rios.

Sangay si trova nella provincia di Morona Santiago, 41 km (25 miglia) a nord-ovest della città di Macas. 

L’attuale periodo eruttivo è iniziato nel maggio 2019. L’attività è caratterizzata da colate laviche, correnti di densità piroclastiche (flussi piroclastici) ed emissioni di gas e ceneri.

I vulcanologi IGEPN hanno affermato che le esplosioni e le emissioni di cenere il 20 settembre sono state molto più energiche di quelle osservate negli ultimi due mesi. Una grande nube di cenere è stata segnalata alle 09:40 UTC, con la parte più alta della nube diretta a est, mentre la parte inferiore si dirigeva a ovest del vulcano.

Il 24 settembre,  El Comercio ha  riferito che 55.000 ha (135.900 acri) di colture di banane sono stati colpiti dalla caduta di cenere, specialmente nelle province di Guayas e Los Rios.

La produzione di questa zona rappresenta dal 25 al 30% della frutta che viene esportata nel mondo su base settimanale, pari a 1,5 milioni di casse. Le zone più colpite sono state Naranjito e El Triunfo a Guayas e Mata de Cacao a Los Rios.

Sangay si trova nella provincia di Morona Santiago, 41 km (25 miglia) a nord-ovest della città di Macas.

L’attuale periodo eruttivo è iniziato nel maggio 2019. L’attività è caratterizzata da colate laviche, correnti di densità piroclastiche (flussi piroclastici) ed emissioni di gas e ceneri.

Riepilogo geologico

L’isolato vulcano Sangay, situato a est della cresta andina, è il più meridionale dei vulcani dell’Ecuador e il più attivo. Il vulcano dai lati ripidi, ricoperto di ghiacciai, prevalentemente andesitico, è cresciuto all’interno delle caldere a forma di ferro di cavallo di due edifici precedenti, che sono stati distrutti dal crollo a est, producendo grandi valanghe di detriti che hanno raggiunto le pianure amazzoniche.

L’edificio moderno risale ad almeno 14.000 anni fa. Domina la giungla tropicale sul lato est; sugli altri lati pianure piane di cenere sono state scolpite da forti piogge in canyon dalle pareti ripide fino a 600 m (1 979 piedi) di profondità.

La prima notizia di un’eruzione storica risale al 1628. Eruzioni più o meno continue furono riportate dal 1728 al 1916, e di nuovo dal 1934 ad oggi.

L’attività pressoché costante ha provocato frequenti modifiche alla morfologia del complesso craterico sommitale. Questo vulcano si trova all’interno del Parco Nazionale Sangay, un patrimonio mondiale dell’UNESCO.

Credito immagine in primo piano: NOAA / GOES-16, RAMMB / CIRA, TW. Acquistato alle 11:00 UTC del 16 maggio 2021

Fonte Web: Significant eruption at Sangay volcano with ash to 12.2 km (40 000 feet) a.s.l., Ecuador

Pubblicità